Il ciuccio e il corsiero. Storia di un simbolo

Nell’immaginario collettivo la figura del mite asinello, il ciuccio, si associa da sempre alla squadra del Napoli. Ma non tutti sanno che, in principio, la società aveva scelto come simbolo un maestoso destriero, il mitico corsiero del sole.
il ciuccio di Napoli

Nell’agosto del 1926 il napoletano Giorgio Ascarelli, industriale del settore tessile, assume la presidenza della neonata Associazione Calcio Napoli. Non si trattò di una vera e propria fondazione, quanto piuttosto di una modifica statutaria e di denominazione del preesistente Foot-Ball Club Internazionale-Naples, sorto a sua volta nel 1922 dalla fusione di altre due compagini partenopee. Il cambio di nome si rese necessario perché il regime fascista non vedeva di buon occhio il termine “Internazionale”, che richiamava troppo da vicino gli echi comunisti (anche l’Inter di Milano cambiò la denominazione in Ambrosiana), e osteggiava di fatto l’uso di terminologie anglosassoni, o straniere più in generale.
La nuova società scelse come colore sociale l’azzurro che richiamava il cielo e il mare della città della sirena.
Come simbolo, invece, fu adottato un cavallo, il mitico corsiero del sole, ma il ciuccio arriverà presto.

Il corsiero del sole

Le cronache raccontano che fino al Medioevo in piazza Sisto Riario Sforza, lo slargo dove via dei Tribunali incontra l’odierna via Duomo e che in epoca greca aveva ospitato un tempio di Apollo, troneggiava una grande statua di bronzo raffigurante un monumentale cavallo, un purosangue sfrenato, simbolo par excellence della irriducibilità del popolo partenopeo. Una presenza millenaria (si pensava addirittura che l’avesse creata il poeta Virgilio, considerato a Napoli una sorta di potente stregone) e dalle proprietà magiche. Pare, infatti, che la statua avesse il potere di guarire i cavalli malati che vi girassero tre volte intorno, per la disperazione dei maniscalchi della zona, ovviamente.

il corsiero del Sole
(Prima del ciuccio, il corsiero del Sole)

La fusione della statua

Nel 1322 l’arcivescovo Matteo Filomarino decide di dare un taglio a quelle superstizioni pagane e ordina la fusione del cavallo di bronzo. Se ne ricavò la grande campana maggiore del Duomo, che ancora oggi richiama i fedeli a raccolta. Tuttavia, il corsiero continuò a rappresentare un simbolo per la città, tanto da essere raffigurato sulle monete dell’epoca, fino a diventare protagonista dell’attuale vessillo della città metropolitana di Napoli.

L’ironia del popolo napoletano

I primi anni di vita della neonata squadra azzurra furono parchi di soddisfazioni. Gli annali registrano che nel primo campionato disputato, il 1926-’27, il Napoli racimolò la bellezza di un solo pareggio in mezzo a tutte sconfitte. Negli anni immediatamente successivi le cose migliorarono, ma non abbastanza da impedire a un tifoso amareggiato dalle prestazioni deludenti dei suoi beniamini di gridare dagli spalti dello Stadio del Vesuvio, poi rinominato Ascarelli negli anni ’30: “Ma quale cavallo! Mi pare ‘o ciuccio ‘e fechella: 36 chiaje e ‘a coda fracica!”

ciuccio di Napoli
(Il ciuccio sui muri di Napoli)

‘O ciuccio ‘e Fechella.

Quando in lingua napoletana ci si vuole riferire a un soggetto colpito spesso da malesseri e acciacchi fisici vari che gli impediscono di adempiere ai propri doveri, rappresentando di fatto un fastidio per amici, parenti e colleghi che inevitabilmente devono sobbarcarsi anche la sua parte di lavoro, si usa proprio la simpatica espressione: “Sembra l’asinello di Fechella: 36 piaghe e la coda mal ridotta!

Ma chi era Fechella?

Fechella, o “piccolo fico” (evidentemente al femminile in napoletano), era il soprannome di un certo Domenico “Mimì” Ascione, un contadino originario di Torre del Greco che nella seconda metà degli anni ’20 del secolo scorso era solito dirigersi al Rione Luzzatti (rione di case popolari nella parte orientale della città, che ospitava anche lo Stadio del Vesuvio, e che recentemente ha fatto da suggestivo sfondo alla fiction di successo L’amica geniale) per vendere le sue modeste derrate alimentari in groppa a un somarello vecchio e male in arnese, con il dorso piagato e la coda mozza.

Ciuccio 1930
(1930, il Ciuccio mata il Toro)

L’identificazione con il ciucciariello

L’ironico paragone del tifoso indispettito piacque talmente tanto ai napoletani, che prima di ogni partita disputata fra le mura amiche veniva condotto sul terreno di gioco un somarello bardato con i colori della squadra.
L’identificazione tra gli azzurri e il mite quadrupede fu immediata, efficace, definitiva, tanto da scalzare il ricordo del mitico corsiero del sole. Ecco perché ancora oggi i tifosi napoletani si riferiscono alla loro squadra­ del cuore come “Il Ciuccio”.

 

Davide Zingone Napoletano classe ‘73, vive a Roma dove dirige l’agenzia letteraria Babylon Café. Laureato con lode in Lingue e Letterature Straniere e in Scienze Turistiche, parla correntemente sei lingue. È autore della raccolta di racconti umoristici "Storie di ordinaria Kazzimma", Echos Edizioni, 2021; del saggio “Si ‘sta voce…”, Storie, curiosità e aneddoti sulle più famose canzoni classiche napoletane da Michelemmà a Malafemmena, Tabula Fati, 2022; e di “Tre saggi sull’Esperanto”, Echos Edizioni, 2022.

ARTICOLI CORRELATI

Bruno Conti

Bruno Conti. 50 anni e una domenica

La Roma festeggia all’Olimpico i 50 anni giallorossi di Bruno Conti in una domenica di calcio che sembra una di quelle di una volta, giocata di giorno, all’ora di pranzo. Una partita che quasi ferma il tempo per riprendersi quello passato e lanciarlo al futuro. Proprio come fa El Sharavi che al 90esimo ferma il tempo, segna e mette il timbro a una promessa rinnovata.

Leggi tutto »
Luigi Seclì

Un giorno impennavo

Questa non è una storia di sport. È una storia di strada e di motori, una storia di moto nella Roma degli anni ’80. Una storia non convenzionale, una storia che corre su una sola ruota e che racconta di una generazione affascinata dai motori di strada e dalla sfida a rasoio con la morte.

Leggi tutto »
Rolling Stones

Rolling Stones. L’estate Mundial del 1982

L’estate irripetibile del 1982 e un 11 luglio che nessuno ha dimenticato. Il giorno del riscatto, il giorno della Coppa del Mondo alzata al Santiago Bernabeu vincendo contro la Germania. Il giorno di un’Italia in festa. A Torino quel giorno accade però qualcosa in più; allo Stadio Comunale suonano i Rolling Stones. Chi quel giorno c’era, veramente non ha mai più dimenticato.

Leggi tutto »
bebe vio cavaliere della Roma

Bebe Vio con i Cavalieri della Roma

Bebe Vio nominata Cavaliere della Roma. Con lei undici imprenditori, giornalisti, magistrati e docenti universitari, tutti romanisti di fede assoluta, testimoni di impegno professionale e di una sana cultura sportiva

Leggi tutto »
Montespaccato

Montespaccato. Legalità in campo

La terza puntata di Roma Sport Sociale, il docu-reportage realizzato da Sportmemory con il supporto della Regione Lazio. Una storia di identità, orgoglio e riscatto. Una storia di talento e tenacia, quello che al campo della legalità di Montespaccato si insegna ai ragazzi. Per giocare e vincere le partite, certo. Anche quella più grande di tutte: la partita che si chiama vita.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi