Search
Close this search box.

Vincenzo D’Amico. Il calcio come dovrebbe essere

Un signore del calcio con quegli occhi da ragazzino che non l'hanno mai abbandonato, né nei quindici anni di maglia laziale e né nelle trasmissioni dove si dedicava a commentare il calcio. Occhi da ragazzino che ci ricordano il calcio come dovrebbe essere.
Vincenzo D'Amico

Un ragazzino. Quando arriva nella giovanile della Lazio, nel 1970, Vincenzo D’Amico è un ragazzino di 17 anni. L’esordio in prima squadra non tarda: il 21 maggio 1972 debutta in casa contro il Modena. Qualche mese dopo, durante un’amichevole a Rieti, si rompe i legamenti. Un anno fermo, tanto per un ragazzino, troppo poco per fargli cambiare idea rispetto alla vita che voleva fare.
Rientra in campo il 14 ottobre del 1973, all’Olimpico contro la Sampdoria. La Lazio è tornata in serie A e il ragazzino si fa spazio tra i grandi con la voglia dei suoi diciannove anni.
Non poteva andare meglio. La Lazio vince lo scudetto 73/74 e lui, il ragazzino con un ginocchio sano e l’altro così così, sarà nominato miglior calciatore giovane del campionato. Golden boy, mica è da tutti.
La vittoria dello scudetto porta la Lazio al settimo cielo e lui, il ragazzino, tocca il cielo con dito.
Gli anni passano, gioca Vincenzo, qualche volta bene, qualche altra no, qualche volta è distratto da quello che accade fuori dal campo. Il ragazzino ha gli occhi vivaci, gli piace la vita intensa.

VINCENZO D'AMICO
(Vincenzo D’Amico con Tommaso Maestrelli)

Quindici anni di maglia fanno di Vincenzo D’Amico un simbolo

A scanso di equivoci, chiariamo però che un simbolo Vincenzo D’Amico lo è stato sin da subito, non lo diventa adesso.
Ha attraversato gli anni ’70 e ’80, con la Lazio ha fatto di tutto: ha vinto uno scudetto, è andato in B, è tornato in A, se ne è andato per questioni non sue, ma poi è tornato.
Smessi gli scarpini – non la maglia, perché quella non se l’è mai tolta -, con gli stessi occhi da ragazzino sveglio ha commentato il calcio che non giocava più, ma che continuava ad amare profondamente. Così come non ha mai smesso di amare la sua Lazio.
La Lazio dello scudetto ’74, poi, è una vera e propria storia pop da manuale. Un clima irripetibile, personaggi irripetibili – Lenzini, Maestrelli, Chinaglia, Re Cecconi, Wilson, Frustalupi, Pulici, solo per dire -, destini irripetibili.
Vincenzo D’Amico ha attraversato con garbo i 68 anni che gli sono stati concessi.

Vincenzo D'Amico
(Vincenzo D’Amico con Roberto Pruzzo e Carlo Ancelotti)

Un signore del calcio

Tra le tante immagini, questa che lo ritrae con Carlo Ancelotti e Roberto Pruzzo ha un significato che va oltre il campo.
Questa foto ricorda a tutti il calcio come dovrebbe essere. Un gioco, una sfida, partite vinte e partite perse, avversari sfottò e risate. Insieme, anche tra avversari perché vincere e perdere, sfottersi e riderci sopra sono cose semplicemente umane.
Proprio come Vincenzo D’Amico, un signore del calcio.

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Alessia Russo. La favola di una leonessa

Alessia Russo. Dal sogno rapito di una bambina che sulla spiaggia di Nettuno guardava i fratelli più grandi giocare a calcio , al sogno praticato di essere tra le migliori giocatrici di Inghilterra 2022. E quindi, da campionessa d’Europa, del Mondo.

Leggi tutto »
Megan Rapinoe

Megan Rapinoe. Quando il calcio sa usare la voce

Tra le atlete di maggior talento del calcio femminile a stelle e strisce, per Megan Rapinoe è arrivato il momento di togliere gli scarpini. 127 goal in carriera, ma soprattutto un impegno da protagonista contro le discriminazioni. Una voce che continuerà ad alzare a vantaggio di tutti.

Leggi tutto »
Francesco Marini Dettina

Francesco Marini Dettina. Il Presidente eroe

Venti anni dopo le sabbie di El Alamein, Francesco Marini Dettina diventa il tredicesimo presidente dell’AS Roma. La prende con i debiti, tanti,e la restituisce con i debiti. Ci mette del suo, ci perde del suo. Anni difficili, ma anche di tanto entusiamo. Anni che portano una Coppa Italia, Sormani, John Charles, ma anche la sera del Sistina. Gli anni della Roma di Franco Dettina, il presidente eroe.

Leggi tutto »
Salvi

Lo spareggio dei poveri

1964. Il boom economico inizia a dare segni di raffreddamento, mentre il campionato di serie A è caldissimo. Il Bologna è tornato grande, spareggia con l’Inter e vince lo scudetto. In coda stessa situazione: a giocarsi l’ultimo posto di permanenza in A il Modena e la Sampdoria. È lo “spareggio dei poveri”, così lo chiamano, ma sarà bel calcio anche quello

Leggi tutto »
San Siro

San Siro Rock Star. Dove suonano le leggende

Una lacrima,un ricordo, un emozione. La musica live è legata storicamente ai luoghi. L’attimo, un fermo immagine è impresso in un abbraccio, in una canzone, al compagno che avevi vicino. E quel tempio, San Siro ne ha regalati a milioni di fans. Oggi, parlare di demolizione è come abbattere un’idea, una storia, cancellare un luogo di culto. Da esso la parola cultura. Solo per ciò che ha rappresentato, ospitato e celebrato, bisognerebbe elevarlo a “monumento della musica nazionale”. San Siro, la Scala del rock, come lo definì Mick Jagger. Oltre 130 concerti, il meglio del rock mondiale ha calcato il suo terreno di gioco. Bowie, Vasco, Marley, Stones. Quarant’anni ed oltre a suon di musica e non sentirli. Finché ce ne hai stai lì, lì nel mezzo.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi