Search
Close this search box.

Rimpalli. L’ode alla gioia di Teodoro Lorenzo

Dalle tinte autobiografiche, "Rimpalli" traccia uno spaccato dell’Italia che solo chi l’ha vissuto può fare. Partendo da un racconto personale, Teodoro Lorenzo descrive una vita passata dietro un pallone e accanto agli amici di sempre.
Rimpalli

Teodoro Lorenzo è un uomo di cuore. È un uomo che descrive la sua vita dipanandola lungo immagini comuni, a tutti ma allo stesso tempo intrise di un’intimità peculiare. Sono piene d’affetto le parole che usa per descrivere la sua infanzia, tra il trasferimento nel quartiere Mirafiori di Torino, “forse anche per noi sarebbe arrivata la primavera” e la passione per i fumetti del Comandante Mark. Rimpalli, inaspettatamente, diventa però presto una storia corale.
Teodoro Lorenzo ben presto abbandona le veci di unico protagonista e con grande gioia decide di condividere il palcoscenico; in fondo sempre lui afferma che “la gioia quando si condivide diventa più grande”.

Primo Levi

Il primo, immenso, personaggio a comparire è Primo Levi a cui è dedicato lo stesso testo e che diventa esempio di etica del lavoro e di una “torinesità” che, come emerge dalle pagine, è difficile da insegnare, ma bellissima da mantenere. Il ritratto che viene fornito da Teodoro Lorenzo non si abbandona a sentimentalismi esagerati ma, anzi, traccia le forme di un personaggio complesso e sfaccettato, dotato di uno sguardo a metà tra lo scientifico e l’umano che sembra riuscire a bucare la pagina. Tutto viene presentato di Primo Levi: dagli studi classici e la laurea in chimica fino alla prigionia ad Auschwitz e la brusca fine. L’autore però non si ferma solo a questo, preferisce quasi indossare i panni di uno scienziato e porsi domande, ritrovare interviste e cercare di essere il più fedele possibile nei confronti di una simile “anima grande”. È giusto ripeterlo: Teodoro Lorenzo è un uomo di cuore ma anche un abile osservatore.

Teodoro Lorenzo
(Teodoro Lorenzo)

Il calcio e la Piazzetta

Un altro grande ruolo all’interno del romanzo è quello del calcio e dei suoi famosi rimpalli, sport d’incontro e di scontro su un campo che sembra seguire da sempre l’autore. Ben presto questo luogo si concretizza nella Piazzetta, luogo dalle tinte quasi mistiche, in cui tutto diventa teatro di vita e tutti ne sono attori. Questo sentimento è talmente condiviso da diventare effettivamente uno spettacolo teatrale La Piazzetta- Commedia in tre atti dalla penna di uno dei personaggi, a parere personale, meglio delineati dell’intero libro, Paolo Pesante. Ecco che il luogo diventa carne viva e i personaggi che si muovono intorno quasi solo aiutanti per un bene più alto. Tutto diventa teatro, tutto diventa sentimento. L’ode al calcio è sotterranea ma onnipresente, in ogni fase della vita, in ogni rapporto umano creato. Per l’autore diventa collante di storie e di persone, tracciando un filo rosso fra i suoi avvenimenti personali e quelli più ampi dell’excursus calcistico della Juventus.

Teodoro Lorenzo

Un atto d’amore

Senza raccontare altro per non rovinare il gusto della lettura, la storia che Teodoro Lorenzo delinea in Rimpalli, permette di appassionarsi anche a chi, di calcio, non se ne intende. Delimitare Rimpalli a semplice storia di un appassionato forse sarebbe riduttivo, preferendo invece forse il titolo di “romanzo di formazione” perché è proprio di questo che si parla.
Tante sono le sfide che l’autore descrive, non solo nella sua vita, ma anche in quella dei personaggi che lo circondando, eppure il suo tono non diventa mai pessimistico o prono all’autocommiserazione, piuttosto mantiene una linea descrittiva quasi giornalistica.
Teodoro Lorenzo regala con Rimpalli una storia d’amore, di cambiamento ma anche di sofferenza. Non teme di dirlo, ma non teme neanche di dire che, in fondo, tutto cambia ma basta uno sguardo per ricordarsi che, una volta, siamo stati bambini insieme.

Ci si vede in campo.

 

 

Giulia Colasante si affaccia al mondo nell'ultimo anno del secolo scorso, in tempo per sentirne raccontare in diretta, abbastanza per rimanerne incuriosita. Giornalista pubblicista, laureata in Filosofia e in Scienze Cognitive della Comunicazione e dell'Azione, continua a studiare il futuro che attende lei, ma anche un po' tutti gli altri.

ARTICOLI CORRELATI

Calcio periferia

Calcio, terra e polvere

Calcio, terra e polvere che seccava la gola e si attaccava alla pelle sudata. Quando andava bene. Altrimenti era fango scivoloso o indurito al primo sole. I campi della periferia romana degli anni sessanta non erano solo campi da calcio, erano un mondo.

Leggi tutto »
Rally Maya Prisca Taruffi

Rally Maya 2023. Saluti, premi e baci

Il Rally Maya 2023, che ha visto Prisca Taruffi in gara su Ferrari 308 GTS insieme alla copilota Marina Grassi, si è concluso. Non poteva mancare il racconto della serata di di gala, con premiazione e omaggio a Piero Taruffi e al suo Bisiluro TARF dei record.

Leggi tutto »
Olympia Fiume

Fiume, il calcio e la dignità ritrovata

Fiume significa tante storie. Questa è la storia del suo calcio e dei campioni fiumani che hanno poi vestito tante altre maglie lasciando un segno che va oltre i goal fatti. Questa è la storia di una dignità ritrovata.

Leggi tutto »
Wyndham Halswelle

Wyndham Halswelle. L’oro solitario di Londra 1908

Si può gareggiare in una finale olimpica da soli? Siamo ai Giochi Olimpici di Londra, nel 1908, e al White City Stadium di Wembley accade proprio questo. Una vittoria scontata? Non lasciatevi ingannare dalle apparenze, Wyndham Halswelle il suo oro l’ha meritato tutto.

Leggi tutto »
Malcolm Campbell

Malcolm Campbell. L’uomo più veloce sull’acqua

Malcolm Campbell è stato a lungo l’uomo più veloce del Mondo, capace di segnare record assoluti su terra e in acqua. Dalle pagine del Notiziario del Centro Studi Tradizioni Nautiche recuperiamo un articolo che ne ripercorre le sue sfide alla velocità in acqua con gli idroplani Blue Bird K3 e K4.

Leggi tutto »
Osvaldo Bagnoli

Osvaldo Bagnoli. Zona Bovisa

Una piccola storia personale. Un incontro casuale, una fortuna. Fortuna è un parolone, però io non riesco a chiamare diversamente l’incontro casuale con Osvaldo Bagnoli. Galeotta una cena di famiglia dalla zia milanese alla Bovisa. Una piccola storia, ma un grande incontro con un Mister che merita tanta stima e tanto rispetto.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi