Iván Fernández Anaya. Nobiltà di corsa

Dicembre 2012. Il mezzofondista spagnolo Ivan Fernández Anaya è protagonista di un clamoroso gesto sportivo. Non un record o un'impresa, ma un gesto di rispetto profondo per il valore di un suo avversario di corsa. Un gesto che lo fa entrare nella storia e che nel 2013 gli farà assegnare il Fair Play Award.
Iván Fernandez Anaya

Il 2012 è un anno straordinario per il siepista keniota Abel Kiprop Mutai: oro ai Campionati Africani tenutisi in Benin sui 3000 siepi; bronzo ai Giochi Olimpici di Londra sulla stessa distanza; e, infine, record personale di 8’01’’67 fatto segnare a Roma.
Per chiudere in bellezza, il forte mezzofondista partecipa al Cross de Navarra de Burlada, che si tiene nei pressi di Pamplona, in Spagna, il 2 dicembre 2012. Come da pronostico, l’atleta africano domina la corsa, accumulando un consistente margine sugli inseguitori.
Sul rettilineo finale, superato un gonfiabile a forma di arco, Mutai si ferma, alza le mani al cielo in segno di vittoria e con un bel sorriso saluta il pubblico. Ma tra gli spettatori si alza un brusìo sommesso, che presto si trasforma in un boato assordante.
Dalle retrovie sbuca il primo degli inseguitori, il basco Iván Fernández Anaya, un modesto mezzofondista ventiquattrenne che aspira, senza troppe speranze, alla convocazione con la nazionale spagnola per le Olimpiadi di Rio del 2016. Lo spagnolo raggiunge Mutai e…

Cosa è realmente accaduto

Mutai crede di aver vinto la corsa campestre, ma in realtà il traguardo è poche decine di metri più avanti, sotto un secondo gonfiabile a forma di arco. Una scelta discutibile degli organizzatori che ha confuso il keniota, probabilmente, ma tant’è. Per Iván Fernández Anaya, si apre una inaspettata possibilità di vittoria in una gara internazionale, anche se a pochi chilometri da casa sua, che gli consentirebbe di mettersi in mostra e attirare l’attenzione dei vertici della federazione iberica. Gli basta continuare a correre, lasciandosi alle spalle lo sconcertato avversario.

Iván Fernández Anaya
(Iván Fernández Anaya in corsa)

La scelta del basco

Ma l’atleta basco, in un atto istintivo che dimostra tutta la sua sportività, si ferma, indica il traguardo a Mutai e gli si accoda, giungendo soltanto secondo, ma guadagnandosi gli applausi degli spettatori sbigottiti, che ancora non si capacitano di ciò a cui hanno appena assistito.

La vittoria del fair play

Una vittoria del fair play, dei valori che dovrebbero sempre accompagnare il confronto sportivo; una lezione magistrale sul significato della sportività, dei sani principi, dell’etica, in definitiva dell’onore, in tempi in cui quello che conta è l’esasperante ricerca della vittoria a ogni costo. Alzi la mano chi non avrebbe approfittato di un’occasione così ghiotta!

Iván Fernandez Anaya
(Iván Fernández Anaya con Abel Kiprop Mutai)

In sala stampa

Perché lo hai fatto?”, gli chiede un giornalista, stupito come tutta la sala stampa.
Il mio sogno è che un giorno potremo avere qualcosa come una vita fraterna”, risponde Anaya.
Ma perché hai lasciato vincere il kenyota?”, insiste il giornalista, che evidentemente non sa cosa farsene delle frasi idealiste.
Non l’ho lasciato vincere, lui stava per vincere”, dice il basco con un sorriso.
Ma avresti potuto vincere tu!”, incalza il giornalista, suscitando la risposta stizzita dell’atleta spagnolo.
Ma quale sarebbe stato il merito della mia vittoria? Quale sarebbe l’onore di questa medaglia? Cosa avrebbe pensato mia madre? Anche se mi avessero detto che la vittoria mi avrebbe garantito un posto nella squadra spagnola per i campionati europei, non l’avrei fatto. Naturalmente, sarebbe stata un’altra cosa se ci fosse stata in gioco una medaglia mondiale o europea. Quindi, penso che, sì, lo avrei sfruttato per vincere… Ma ora penso anche che è possibile guadagnare un nome più avendo fatto quello che ho fatto, che se avessi vinto. E questo è molto importante, perché oggi, nel modo in cui vanno le cose in tutti gli ambienti, nel calcio, nella società, nella politica, in cui sembra che tutto sia permesso, un gesto di onestà è anche più importante.”

La reazione del suo allenatore

L’allenatore di Iván, il campione del mondo di maratona a Goteborg 1995 Martín Fiz, non sembra prenderla molto bene. “L’ha fatto un uomo migliore, ma non un atleta migliore, non ha sfruttato una occasione. Io non lo avrei fatto.”

Il Fair Play Award

Fortunatamente, non tutti la pensano come il campione iridato di Vitoria. L’Associazione internazionale della stampa sportiva, infatti, assegna a Iván Fernández Anaya il prestigioso Fair Play Award 2013. Un riconoscimento agli alti valori morali di un atleta dalla carriera forse mediocre, ma che un giorno ha dimostrato al mondo intero che sport può fare ancora rima con sportività.

 

Davide Zingone Napoletano classe ‘73, vive a Roma dove dirige l’agenzia letteraria Babylon Café. Laureato con lode in Lingue e Letterature Straniere e in Scienze Turistiche, parla correntemente sei lingue. È autore della raccolta di racconti umoristici "Storie di ordinaria Kazzimma", Echos Edizioni, 2021; del saggio “Si ‘sta voce…”, Storie, curiosità e aneddoti sulle più famose canzoni classiche napoletane da Michelemmà a Malafemmena, Tabula Fati, 2022; e di “Tre saggi sull’Esperanto”, Echos Edizioni, 2022.

ARTICOLI CORRELATI

Brutti sporchi e cattivi. O forse no?

Ero giovanissimo: un apparente banale incidente su un campo di calcio vero si trasformò in un dramma, ma fu anche l’inizio della scoperta dello sport. Rugby prima, poi il football americano tra i primi in Italia e poi il ciclismo. Un paradigma sportivo e un percorso di vita, anche contro le apparenze.

Leggi tutto »
Team Boxe Roma XI

Team Boxe Roma XI. Di cuore e di pugni

La seconda puntata di Roma Sport Sociale, il docu-reportage realizzato da Sportmemory con il supporto della Regione Lazio. Una storia di Maestri visionari ,capaci di vedere il futuro dove non ce n’era neanche l’ombra. Una storia di cuore e di pugni. La storia della Team Boxe Roma XI.

Leggi tutto »

Gegè Munari, ala sinistra e ambidestro della batteria

Il nostro viaggio non convenzionale tra jazz e sport continua con un artista assoluto, un maestro della batteria che tutti i più grandi del jazz hanno voluto accanto, Gegè Munari che ci racconta la sua musica e le sue passioni, tra jazz, calcio e Napoli di Maradona.

Leggi tutto »
boxe

Boxe, giornali e ragazzini

Una fotografia del 1908 ci racconta una storia. Non solo la storia apparente di due ragazzini che sotto gli occhi di altri tirano di boxe. Questa è una storia di un altro secolo e di un altro mondo. Una storia di cui abbiamo seguito le tracce che lo sguardo della fotografia sociale di Lewis Wickes Hine ci ha lasciato. Lo ha fatto affinché non dimenticassimo e noi, oggi, gli rendiamo omaggio.

Leggi tutto »
Luigi Seclì

Un giorno impennavo

Questa non è una storia di sport. È una storia di strada e di motori, una storia di moto nella Roma degli anni ’80. Una storia non convenzionale, una storia che corre su una sola ruota e che racconta di una generazione affascinata dai motori di strada e dalla sfida a rasoio con la morte.

Leggi tutto »
Jod Ke Tod

Jod Ke Tod. La competizione delle piramidi umane

Unico nel suo genere, il Jod Ke Tod della Red Bull è una competizione che riprende le modalità del tradizionale Dahi Handi indiano, rito ancestrale dedicato al dio Krishna. Una vera e propria sfida che vede competere gruppi di uomini, donne e bambini impegnati a creare una piramide umana per raggiungere un vaso di terracotta ricolmo di vernice.

Leggi tutto »
dopolavoro

Storie di calcio perduto. Il Torneo del Dopolavoro

Roma, Tuscolano, Cinecittà, tra gli anni ’50 e i ’60. Una piccola storia di calcio, di lavoro e di Dopolavoro. Una storia che ci restituisce in controluce un mondo che nel frattempo è cambiato più e più volte. Una storia che si intreccia con quella del campo Patti e di un ragazzo andato via troppo presto. Una storia di calcio perduto che non è mai stato minore.

Leggi tutto »
Petisso

Il Petisso a 45 Giri. Un tricolore viola tra gommalacca e vinili

Bruno Pesaola, il Petisso, italiano di Argentina, in campo sempre con passione, anima, intelligenza e persino humour. Da calciatore ha lasciato goal, dribbling, discese veloci e punizioni al millimetro. Da allenatore uno scudetto alla Fiorentina e Coppe al Napoli e al Bologna. Scaramantico quanto si deve, difficilmente si separava dal suo iconico cappotto di cammello, aveva un rapporto speciale con la musica, in particolare con Peppino Gagliardi. E anche un suo 45 giri, “Settembre”, gli sarà a lungo compagno di fortuna.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi