Search
Close this search box.

Maratona di Londra 2023. Elogio del runner misterioso

23 aprile, Maratona di Londra: uno straordinario Kelvin Kimptum fissa il tempo a 2h01’25 migliorando di un minuto il record del 2019. Il vero eroe del giorno è un misterioso runner che con uno sprint da capogiro ha risalito il gruppo, superato tutti e mantenuto la posizione per dieci secondi.
Maratona di Londra 2023

23 aprile, quarantatreesima Maratona di Londra. Migliaia di persone – atleti, appassionati e semplici entusiasti – danno fiato e cuore all’edizione con il maggior numero di partecipanti di sempre. Il clima è quello delle grandi maratone, con quel po’ di magia che ognuna lascia dentro a chiunque ci corra dentro.
Questa volta non vogliamo parlare dei risultati dei “grandi”, anche se il record stabilito dal primo arrivato, il ventitreenne Kelvin Kimptum, merita una menzione speciale: due ore, un minuto e venticinque secondi che gli sono bastati per completare la gara con il miglior tempo mai registrato prima.
Questa volta infatti l’eroe è un uomo anonimo, misterioso, un semplice puntino su un grande schermo a cui ancora adesso è impossibile dare un nome.

Maratona di londra 2023
(Maratona di Londra 2023)

Il runner anonimo

Come lo conosciamo? È diventato protagonista, forse a sua insaputa, di uno dei momenti più iconici, divertenti e incredibilmente umani di tutta la gara.
Il video che lo riprende è sgranato, con una visuale dall’alto che rende quasi impossibile riconoscerlo nell’immensa folla ai blocchi di partenza. Più che un maratoneta, la sua figura compare e scompare come potrebbe fare giusto il più provetto mostro di Lochness. 
La particolarità del runner sconosciuto sta nel distaccarsi quasi subito dalla folla e scattare in avanti a un ritmo folle da pensare di poterlo mantenere per la gara. A lui, però, basta arrivare lì dove gli atleti agonistici corrono, lontani dal resto dei partecipanti che “tanto uno fra di loro la vince sicuramente”.
È
lì che lui arriva veloce, con una forza nelle gambe che ricorda quella di un bambino mentre gioca. Non c’è tecnica o particolare eleganza nella falcata, quanto la voglia di fare un’entrata con stile e  di tornare a casa o magari anche andare al pub e poter dire “ad un certo punto sono stato in cima alla fila”.  

Maratona di Londra
(Maratona di londra 2023. Kelvin Kimptum taglia il traguardo)

Dieci secondi dieci

Andy Wharol parlava di come ognuno di noi avrebbe la possibilità di ottenere, nel corso della propria vita, circa quindici minuti di celebrità sotto i riflettori. Questo misterioso eroe moderno, nel suo essere così semplicemente umano, ha vissuto il suo momento per  dieci secondi.
Dieci secondi per diventare l’idolo del web che ha visto in lui una leggenda, “un tipo qualunque che ha emozionato la folla per i dieci secondi in cui è stato in cima a tutti” dicono su Twitter.
La scena è divertente, ma ci lascia stupiti nel chiederci se anche noi avremmo fatto lo stesso, lasciando semplicemente che le gambe andassero veloci, senza alcuna preoccupazione di sembrare sciocchi o ridicoli nell’inseguire un desiderio così comune come quello di vincere una gara di corsa.

Some guy. Or not?

Lo scorso anno era già successo. Richard Lee-Wright, un runner 38enne aveva bruciato tutti in partenza e mantenuto la testa per quasi un chilometro. Una scommesa con gli amici, la sua.
Il nostro invece, al momento, è ancora uno sconosciuto, probabilmente rimarrà some guy, un tipo qualunque e ben presto il mondo sconfinato e vorace di notizie del web si sarà scordato di lui. Nel vedere il video della sua (micro) impresa non si può che ringraziarlo per averci ricordato che in un mondo grigio (nel caso di Londra soprattutto piovoso) è compito nostro trovare momenti di sciocca felicità e andare a prenderci quei dieci secondi che ci spettano. 

 

…………..

Se vuoi leggere altre storie di Giulia Colasante clicca qui per acquistare il suo libro

Intrepide

Giulia Colasante si affaccia al mondo nell'ultimo anno del secolo scorso, in tempo per sentirne raccontare in diretta, abbastanza per rimanerne incuriosita. Giornalista pubblicista, laureata in Filosofia e in Scienze Cognitive della Comunicazione e dell'Azione, continua a studiare il futuro che attende lei, ma anche un po' tutti gli altri.

ARTICOLI CORRELATI

Jod Ke Tod

Jod Ke Tod. La competizione delle piramidi umane

Unico nel suo genere, il Jod Ke Tod della Red Bull è una competizione che riprende le modalità del tradizionale Dahi Handi indiano, rito ancestrale dedicato al dio Krishna. Una vera e propria sfida che vede competere gruppi di uomini, donne e bambini impegnati a creare una piramide umana per raggiungere un vaso di terracotta ricolmo di vernice.

Leggi tutto »
Death diving

Death diving. Norvegia estrema

Divertimento e sfida. Tutto è estremo nel Døds diving norvegese, ovvero la disciplina che ha fatto diventare il tuffo libero, persino il tuffo a bomba, una competizione dove sfidare equilibrio, acqua, cielo e soprattutto sé stessi. La Norvegia che non ti aspetti è sorprendente.

Leggi tutto »
Rebecca Busi

Rebecca Busi. Al via il suo terzo Rally Dakar

Una sfida di 8.000 km di deserto arabico. Prende il via il Rally Dakar con Rebecca Busi che affronta per la terza volta la leggendaria corsa nel deserto, dopo esserne stata nel 2022 la più giovane partecipante italiana di sempre. Torna dopo aver conquistato il 4° posto del Campionato Mondiale di Rally Raid nel 2023, piazzamento mai ottenuto prima da un’italiana.

Leggi tutto »
Greta Patterson

Greta Patterson. La sirena americana

1955. Greta Patterson ha solo 18 anni, ma le idee molto chiare da tempo. Il 4 luglio è il giorno dlla sua sfida. Con sé stessa e con il lago, tanto grande da sembrare un mare. Il lago Erie segna il confine tra Stati Uniti e Canada. Quando entra in acqua Greta ha davanti 15 miglia per arrivare all’altra sponda. Nuoterà per 13 ore, la raggiungerà e farà sua un’impresa mai compiuta prima.

Leggi tutto »
Spataro maratona Boston

Di maratona in maratona (III)

Le maratone nella vita sportiva, poliedrica e inaspettata, di Armando Spataro, già magistrato della Repubblica che ha condiviso vita e lavoro con calcio, pallanuoto e corsa.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi