Search
Close this search box.

Taccuino Olimpico #1 – Casa Italia

Taccuino Olimpico raccoglie appunti estemporanei, sensazioni e scorci non formali di vita olimpica. Un racconto in diretta, sintesi emotiva di uno sguardo che da dentro il Team italiano coglie spunti e offre suggestioni. Proprio come il primo ingresso in Casa Italia, dove sono bellezza e meraviglia ad accogliere atleti, dirigenti e tecnici.
Casa Italia

Casa ItaliaCasa Italia

Taccuino Olimpico racconta storie e la prima non poteva che essere quella di Casa Italia e delle sue emozioni.
A partire dai Giochi Olimpici di Los Angeles del 1984, il made in Italy affianca la squadra olimpica con l’allestimento di Casa Italia, l’Hospitality House dove si incontrano dirigenti, tecnici ed atleti nelle pause dalle gare, dove vengono celebrate in casa le medaglie appena conquistate, dove si seguono le competizioni in tv quando non è possibile partecipare dal vivo.

Ma Casa Italia è anche qualcosa in più.
Casa Italia è una vetrina dell’Italia all’estero con l’esposizione di nostri prodotti di eccellenza e valore assoluto, sostenuti da sponsor e partner del Coni.
Casa Italia è soprattutto una comunità di persone.
Una comunità di persone che al di là dei rispettivi ruoli – dirigenti, tecnici ed atleti appunto –  è coesa nel condividere l’obiettivo di offrire il meglio di sé e che sente fortemente l’ambizione di onorare l’Italia in una cornice olimpica che è già straordinaria di suo, ma che in questa edizione pandemica è ancora più densa di significati, valori ed emozioni.

Casa ItaliaIl liberty di Tokyo 2020

Per Tokyo 2020, Casa Italia è stata allestita all’interno di “The Kihinkan – Takanawa Manor House”,  preziosa palazzina  liberty di inizio 1900 che si trova a ridosso del Grand Prince Hotel Takanawa.
Uno stile europeo il liberty, esteticamente familiare in tante nostre città che ne offrono grandissime espressioni, e forse è per questo che la prima sensazione che ci accoglie sin da quando ci avviciniamo all’ingresso è veramente quella di entrare in qualcosa che ci appartiene e nella quale ci ritroviamo, proprio come una vera e propria casa.


Casa ItaliaLa bellezza e la meraviglia

Una volta entrati accade il miracolo e la familiarità diventa subito meraviglia quando emotivamente ci perdiamo tra opere e arredi di design che sono l’eco del dialogo suggestivo tra la migliore creatività e il migliore spirito sportivo che il nostro Paese esprime.
Un’emozione che sicuramente avrebbe affascinato anche Federico II, l’Imperatore Stupor Mundi di cui Casa Italia ha ripreso il titolo.

Di fatto, Casa Italia non è solo un luogo, ma un’esperienza unica che sul nostro Taccuino Olimpico non poteva non occupare la prima pagina.

Fabrizio Santangelo Dirigente Ufficio Attività Sportive Vigili del Fuoco, Vice Presidente Gruppo Sportivo Vigili del Fuoco Fiamme Rosse

ARTICOLI CORRELATI

Luis Monti

Luis Monti. Di calcio e di leggenda

Come lui nessuno. Centromediano senza rivali. Forza, piedi e visione del gioco. Luis Monti è stato unico e non solo perché ha giocato due finali mondiali in due nazionali diverse. Due nazionali, due cuori, quello dei padri e il suo, che diventano uno. Leggenda, sì. Luis Monti è leggenda.

Leggi tutto »
Azzurri Budapest 1924

Italia – Ungheria. Dalla disfatta del ’24 al riscatto del ’38

Quattordici anni. Una storia che inizia nel 1924 quando i danubiani sono maestri veri e noi ci stiamo inventando. Una storia che inizia male: il 6 aprile del ’24 a Budapest perdiamo 7 a 1. Non accadrà mai più. Una storia che finisce bene: a Parigi, il 19 giugno del ’38, quando battiamo l’Ungheria e ci portiamo a casa il secondo Mondiale. È l’Italia di Vittorio Pozzo, l’allenatore più vincente e più dimenticato della nostra Nazionale

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi