Taccuino Olimpico #1 – Casa Italia

Taccuino Olimpico raccoglie appunti estemporanei, sensazioni e scorci non formali di vita olimpica. Un racconto in diretta, sintesi emotiva di uno sguardo che da dentro il Team italiano coglie spunti e offre suggestioni. Proprio come il primo ingresso in Casa Italia, dove sono bellezza e meraviglia ad accogliere atleti, dirigenti e tecnici.
Casa Italia

Casa ItaliaCasa Italia

Taccuino Olimpico racconta storie e la prima non poteva che essere quella di Casa Italia e delle sue emozioni.
A partire dai Giochi Olimpici di Los Angeles del 1984, il made in Italy affianca la squadra olimpica con l’allestimento di Casa Italia, lHospitality House dove si incontrano dirigenti, tecnici ed atleti nelle pause dalle gare, dove vengono celebrate in casa le medaglie appena conquistate, dove si seguono le competizioni in tv quando non è possibile partecipare dal vivo.

Ma Casa Italia è anche qualcosa in più.
Casa Italia è una vetrina dell’Italia all’estero con l’esposizione di nostri prodotti di eccellenza e valore assoluto, sostenuti da sponsor e partner del Coni.
Casa Italia è soprattutto una comunità di persone.
Una comunità di persone che al di là dei rispettivi ruoli – dirigenti, tecnici ed atleti appunto –  è coesa nel condividere l’obiettivo di offrire il meglio di sé e che sente fortemente l’ambizione di onorare l’Italia in una cornice olimpica che è già straordinaria di suo, ma che in questa edizione pandemica è ancora più densa di significati, valori ed emozioni.

Casa ItaliaIl liberty di Tokyo 2020

Per Tokyo 2020, Casa Italia è stata allestita all’interno di “The Kihinkan – Takanawa Manor House”,  preziosa palazzina  liberty di inizio 1900 che si trova a ridosso del Grand Prince Hotel Takanawa.
Uno stile europeo il liberty, esteticamente familiare in tante nostre città che ne offrono grandissime espressioni, e forse è per questo che la prima sensazione che ci accoglie sin da quando ci avviciniamo all’ingresso è veramente quella di entrare in qualcosa che ci appartiene e nella quale ci ritroviamo, proprio come una vera e propria casa.


Casa ItaliaLa bellezza e la meraviglia

Una volta entrati accade il miracolo e la familiarità diventa subito meraviglia quando emotivamente ci perdiamo tra opere e arredi di design che sono l’eco del dialogo suggestivo tra la migliore creatività e il migliore spirito sportivo che il nostro Paese esprime.
Un’emozione che sicuramente avrebbe affascinato anche Federico II, l’Imperatore Stupor Mundi di cui Casa Italia ha ripreso il titolo.

Di fatto, Casa Italia non è solo un luogo, ma un’esperienza unica che sul nostro Taccuino Olimpico non poteva non occupare la prima pagina.

Fabrizio Santangelo Dirigente Ufficio Attività Sportive Vigili del Fuoco, Vice Presidente Gruppo Sportivo Vigili del Fuoco Fiamme Rosse

ARTICOLI CORRELATI

Un secolo di azzurro

100 anni di calcio della nazionale italiana raccontati con immagini e cimeli. Un viaggio nella passione, nelle sfide, nelle sconfitte e nelle vittorie degli uomini del grande cuore azzurro.

Leggi tutto »

Mani in alto (questa è una schiacciata)

Un salto nello Spazio. Sicuri che Paola Egonu non sia un’extraterrestre? Un salto nel Tempo. Sicuri che Botticelli non abbia pensato a lei per dipingere la nascita di Venere? Un salto nel Mito. Sicuri che non siano Zefiro e Cloris a farla alzare fino quasi a toccare il cielo?

Leggi tutto »
Carlo Airoldi

Carlo Airoldi. Lettera aperta allo Sport italiano

Questa non è solo la storia di Carlo Airoldi, una storia che è leggenda e che bisogna continuare a raccontare. Questa è una lettera aperta alle Istituzioni dello sport e all’intero movimento sportivo italiano affinché, dopo 125 anni dalle Olimpiadi di Atene, Carlo Airoldi sia riconosciuto olimpionico ad honorem.

Leggi tutto »
Carlo Galimberti

Carlo Galimberti, il campione eroe

Carlo Galimberti, quattro olimpiadi con una medaglia d’oro e due d’argento, primatista italiano e mondiale di sollevamento pesi. Ma non è tutto. Carlo passa dalle trincee della Grande Guerra al Corpo dei Vigili del Fuoco con intraprendenza, altruismo e generosità. Qualità di un campione, certo, ma nel suo caso anche di un eroe.

Leggi tutto »
atletica leggera

Atletica Leggera. Ode alla Regina

Tokyo 2020 è storia dello sport italiano e segna il grande ritorno dell’atletica leggera, regina olimpica lontana dai riflettori e spesso trascurata dai media. L’atletica leggera è disciplina madre, pop, basica, può essere praticata con poco ed è la naturale via di accesso a una vita sportiva di lunga durata. Questa è una riflessione sul futuro dello sport come patrimonio nazionale. Un futuro che inizia con un’ode alla Regina.

Leggi tutto »

Straulino. Quel giorno a Taranto

14 maggio 1965. Agostino Straulino, italiano di Dalmazia, marinaio, velista campione olimpico e mondiale, al comando di Nave Vespucci esce a vela dal Mar Piccolo di Taranto e compie un’impresa che rimarrà nella storia della marineria italiana.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi