Search
Close this search box.

Hermann Maier. Quando un atleta diventa eroe

Uno dei più grandi sciatori di sempre. Medaglie olimpiche, medaglie mondiali e Coppe del Mondo. Una carriera sportiva come pochi quella di Hermann Maier. Forse ha pensato che doveva meritare tutto questo ancora una volta. Doveva meritarlo portando in salvo una bambina e il suo cane.
Hermann Maier

Hermann Maier è una leggenda.
Sei medaglie mondiali, quattro coppe del mondo e due vittorie olimpiche; Hermann Maier è considerato uno degli sciatori più forti della storia.
Insegnanti di sci i genitori, da loro Hermann impara da subito amore per la montagna e per la neve e ne segue i passi. Diventa anche lui maestro, ma ben presto capisce che non è quello veramente il suo posto. Segue il suo talento e fa bene. Per una serie di coincidenze  il debutto avviene il 6 gennaio 1996; Hermann ha 23 anni e quell’anno la Coppa del mondo si svolge a Flachau, dove abita tutta la famiglia. Ha già all’attivo qualche gara regionale e nazionale, ma il bello deve ancora arrivare. La Federazione austriaca lo fa scendere come apripista nello slalom gigante: Naturalmente è un fuori gara, ma fa il tempo. Un tempo che se avesse gareggiato gli avrebbe fatto fare una bella figura piazzandolo nei primi dieci. Una bella figura che gli fa subito guadagnare la partecipazione ai giganti di Coppa Europea, a Les Arcs, l’8 e il 9 gennaio. I risultati son strabilianti: secondo il primo giorno, primo il secondo giorno. A fattori invertiti, il prodotto non cambia: Herminator, così lo chiameranno, nasce così.

HERMANN MAIER

Noi adesso facciamo un salto nel tempo

Adesso andiamo dentro la stagione 1997/98. È in questa stagione che Hermann Maier diventa una leggenda con le sue 10 vittorie consecutive. Arriva poi Nagano, la sua prima Olimpiade. Discesa libera: nonostante sia il favorito, scivola e rompe tutte le reti. Secondi che paiono un’eternità, si inginocchia e si rialza, fa un cenno alle telecamere. Fa bene. Anche se pieno di dolori, scenderà ancora in supergigante e in slalom gigante: li vince. Da Nagano torna con due ori, ma l’anno non è finito. Quando finirà, Hermann Maier lo saluterà con la Coppa del Mondo e con le Coppe del Mondo di specialità, ovviamente supergigante e slalom gigante. Questa è solo una stagione. Poi c’è tutto il resto. Altre medaglie, tante. Altre Coppe, tante.
Adesso un nuovo salto nel tempo. Adesso siamo qui e ora.

HERMANN MAIER

 

La tempesta nella valle

Da tempo Hermann Maier è il testimonial per un programma della Orf Universum dove presenta alcune delle regioni più belle del suo paese. In occasione della registrazione di uno dei documentari si trova, insieme ad una troupe di 25 persone, nell’oasi di Ginzling, Alpi della Zillertal. Tra loro anche Celine Floitental, la figlia del direttore del Parco, insieme al suo cane. Alla fine delle riprese un temporale improvviso sorprende il gruppo, per nulla preparato a quella eventualità. Pioggia, vento, grandine e fulmini sembrano non finire e, soprattutto, non bastare. La strada che li avrebbe dovuti riportare a valle è bloccata da una frana. La valle intera è minacciata da altri smottamenti: i venticinque sono in trappola, devono rientrare a piedi.
Naturalmente anche Celine, 8 anni, e il suo cane. Di lei, di loro, si prende però cura proprio Hermann Maier. Sfidando gli smottamenti incombenti, è lui che li guida attraverso i passaggi più difficili e complessi.
Difficili e complessi, ma anche sono gli unici a essere sicuri rispetto agli smottamenti.

Oltre l’inferno bianco

L’inferno bianco sembra voler avvolgere tempo e tutti, ma Hermann Maier non si tira indetro. È nel nel suo ambiente naturale. Lui è tutto quello che gli hanno insegnato i genitori da piccolo, è tutto quello che ha imparato da grade. Adesso è nel suo ambiente naturale, si fa guidare dal suo innato senso di sfida.
Tempo un’ora e Celine e il suo cane sono al sicuro.
Prima Hermann Maier era una leggenda. Prima. Adesso è anche un eroe. Senza di lui, molto probabilmente,  Celine e il suo peloso non ce l’avrebbero fatta.
I giorni delle gare e dei titoli di giornali sono ormai archiviati da tempo, ma il destino ha voluto che di Hermann Maier si tornasse a parlare.  Come sportivo, certamente, ma soprattutto come campione nella vita.  

Rachele Colasante nata a Roma nel 1999, da sempre incuriosita dalle storie, studia Lettere a RomaTre cercando di scrivere la sua al meglio. Ancora non sa dove la condurrà il suo percorso, ma per ora si gode il paesaggio.

ARTICOLI CORRELATI

Roma Volley femminile

Roma Volley. L’urlo del Palazzetto

Domenica 15 ottobre. Dopo una chiusura di sette anni, Roma saluta la restituzione alla città del Palazzetto dello Sport. Un’assenza colpevole, stretta tra lungaggini burocratiche e Istituzioni qualche volta distratte. Il Palazzetto torna alla città nel modo migliore, con l’urlo delle ragazze della Roma Volley. Le prossime partite andranno meglio, ma sono le wolves le prime a firmare il patto per il futuro tra il Palazzetto e lo sport capitolino. È un buon segno, per Roma, per lo sport e per la cultura.

Leggi tutto »
Marco Pantani

Marco Pantani. Prima della fine

Venti anni di Marco Pantani, venti anni senza Marco Pantani, ma non è di un 14 febbraio e del suo mare grigio che voglio dire. Voglio dire di quello che c’è stato prima. Voglio dire di un’estate, quella del ’98, una delle più grandi del ciclismo. Oggi il Jolly Roger non è a mezz’asta. Oggi il Jolly Roger è alto al cielo.

Leggi tutto »

L’atletica allena il coraggio

Quando non puoi fare qualcosa, puoi immaginare di poterla fare.
Nel dicembre del 1991 la vita di Cinzia Leone cambia; quello che lei aveva immaginato prima, adesso non va più bene.
Sembra tutto perso, ma non è così. Cinzia trova il coraggio di immaginarsi ancora, allena cervello e fisico e li costringe a inseguire la sua immaginazione fino a quando i due non si ricongiungono.
Si chiama riabilitazione, ma è molto meglio chiamarla atletica del coraggio.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi