Auti nostro! Sogni, estetica e sudore del calcio di strada

Napoli 1967. Ai giardini del Molosiglio si gioca al grande calcio. Il calcio del campetto, quello delle ore infinite, delle porte immaginarie e del bordo campo qualche volta strusciato per terra, quasi sempre immaginato anche quello. Ma è proprio quando la palla supera quel bordo campo che il grido rompe l'aria. Auti nostro! gridi, agguanti la palla e la rimetti in gioco per rovesciare la sorte. Proprio come la vita, grande gioco anche quella.
Campetto Napoli

Auti nostro! sembra una preghiera al Padre e invece no, non è orazione sommessa, ma grido e polvere, sudore e fantasia.
Fantasia soprattutto, perché se polvere e sudore sono una seconda pelle, è la fantasia quella che fa gridare Auti nostro!, nietzschiana affermazione di volontà che delimita lì, proprio in quel punto e non in un altro, il bordo campo immaginario.
E se il pallone lo supera quel bordo campo, allora è fuori, out, o meglio Auti nostro! non preghiera, ma rivendicazione inderogabile del prendere possesso della palla, di capovolgere la sorte e di rimetterla in campo dal fallo laterale.

(Photo credit: Archivio Fotografico Carbone)

La palla, e che palla, quella che ti sei portato da casa, che ti sei tenuta stretta quando ti sei appeso al tram per arrivare prima, quella che se non la riportavi a casa erano dolori perché significava consegna di rigore per almeno una settimana. Niente uscite, niente campetto e, secondo come girava, neanche TV dei ragazzi che almeno, bene che andava, potevi vedere Urrà Flipper, bello per passare un po’ di tempo, ma niente a che vedere con il campetto.

Perché il campetto era un mondo a parte

Il campetto era l’unico posto dove potevi essere e pensarti in grande quando t’incollavi la palla al piede, dribblavi, scartavi, tiravi di piattone o di punta e segnavi, qualche volta, mica sempre, ma andava bene lo stesso.

Era lì, sul campetto, che ti immaginavi avanti di qualche anno, vestito da calcio, quello vero, tutto preso ad allacciare ai piedi scarpini veri dentro a uno spogliatoio vero, mica a cambiarti sotto al cielo del Molosiglio, mica a giocare con i mocassini dalla suola di cuoio allisciato per la troppa strada mangiata.

Ti immaginavi così perché magari quel pomeriggio qualcuno ti aveva sentito gridare Auti nostro! e magari si era avvicinato a curiosare, magari ti aveva visto anche dribblare o persino segnare. Magari aveva visto di che stoffa eri. E magari quel qualcuno era uno pagato proprio per quello, per cercare i calciatori di domani, quelli che avrebbero fatto vincere lo scudetto che ormai, dopo la Coppa delle Alpi del 1966 era tempo per noi.
Ti aveva visto, ti aveva fatto fare il provino, ti aveva fatto firmare il cartellino e quello scudetto al Napoli lo avresti fatto vincere proprio tu.

campetto Molosiglio
(Photo credit: Archivio Fotografico Carbone)

Oggi lo sai che non è andata così

Nessuno ti ha visto giocare e segnare, o meglio nessuno di quelli che vanno a scovare giocatori di talento, che poi tu magari neanche troppo talento avevi.
Oggi lo sai però che giocare al campetto con le scarpe di cuoio liso, i vestiti ammucchiati e le porte immaginarie non era certo come giocare al San Paolo, ma era terribilmente bello.
E terribilmente belli erano quei pomeriggi infiniti che ti sono rimasti attaccati alla pelle, proprio come polvere e sudore, proprio come quel grido che ti è rimasto in gola e che oggi, mentre guardi in televisione le partite di un calcio che a volte fai fatica a riconoscere, gridi ancora alzando la mano.
Come se fosse ieri, come se fosse sempre.

Oggi sai anche un’altra cosa, però

Sai che mentre sudavi e gridavi e tiravi calci alla palla qualcuno ti ha visto. Non un cacciatore di talenti, ma un cacciatore di immagini e di memorie.
Mentre tu sudavi e gridavi e tiravi calci alla palla al campetto del Molosiglio, Riccardo Carbone ha fermato il tempo, ha visto l’attimo, ti ha fotografato e ti ha portato fino a noi, oggi, cinquanta e passa anni dopo.
È solo per questo che adesso lo sappiamo anche noi cosa significava giocare a calcio al campetto.

Ora però, anche se non ci siamo mai conosciuti, dai, alzati da quella poltrona, metti la palla al centro e vediamo chi vince.

Archivio Fotografico Carbone si occupa della conservazione, digitalizzazione e catalogazione degli oltre 700mila scatti realizzati da Riccardo Carbone (Napoli 1897-1973), primo fotoreporter del quotidiano napoletano Il Mattino, che documentano i principali avvenimenti accaduti a Napoli ed in Campania attraverso le varie fasi politiche che hanno caratterizzato la storia del Novecento. www.archiviofotograficocarbone.it

ARTICOLI CORRELATI

Beppe Savoldi

Beppe Savoldi. Mr. 2 miliardi

Nell’estate del 1975 il Napoli del presidente Ferlaino acquistò il centravanti Savoldi dal Bologna per un valore complessivo di 2 miliardi di lire. Una cifra inaudita per l’epoca, che non mancò di sollevare polemiche in un contesto socio-economico problematico.

Leggi tutto »
Antimo Vallozzi

Antimo Vallozzi. Maestro di ascia, legno e cuore

Pozzuoli, febbraio 2020, ovvero il mondo prima della pandemia. Il Centro Studi Tradizioni Nautiche visita la bottega di Antimo Vallozzi, maestro d’ascia puteolano, testimone di una cultura del mare che non può scomparire. Oggi ne ribadiamo l’impegno.

Leggi tutto »
corsa dei camerieri

La corsa dei camerieri

Napoli 1945. Riccardo Carbone ferma il tempo e racconta la corsa dei camerieri. Prendetevi una pausa e guardate le foto, fermatevi sui dettagli, il taglio dei capelli, i papillon annodati, le posture perfette. Vi si aprirà un mondo e vi ci ritroverete dentro.

Leggi tutto »
Internapoli

Internapoli. La squadra del Vomero

Anni ’60. Napoli, anzi Vomero. È qui che viene scritta una bella pagina del calcio napoletano. L’Internapoli, in pratica la squadra di quartiere, sfiora a più riprese la promozione in serie B. Stagioni esaltanti con importanti giocatori e allenatori che vestono e difendono i colori bianco-azzurri. Poi un lento declino fino all’odierno oblio fra i dilettanti. La storia, però, rimane e deve continuare a essere ricordata.

Leggi tutto »
È stata la mano di Dio

È stata la mano di Dio

Maradona, genio calcistico, icona pop, nume tutelare, pibe de oro, ma soprattutto mano di Dio. Proprio come quella che ha salvato Fabietto. O meglio, quella che ha salvato Paolo Sorrentino.

Leggi tutto »
Napoli tuffi piazza Sannazzaro

Tuffi di strada, di testa, di pancia e di cuore

Napoli, i tuffi, le fontane. Libertà assolute e trasgressioni innocenti quando tutto era possibile, anche fermarsi a mezz’aria e guardare il mondo intorno prima di piombare in acqua lasciandosi scivolare la vita addosso.

Leggi tutto »

Il Napoli scudetto, liturgia di un amore

Il 10 maggio 1987 non è una data, è un monumento alla vita e alla gioia di una città che vive il suo primo scudetto come un evento corale irrefrenabile. Un evento che va oltre il tifo e che rimane impresso nella memoria di tutti per passare di bocca in bocca e di pagina in pagina ed essere raccontato al futuro. Proprio come in questa storia.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi