Sophia. Se mi lasci l’ovale…

Sophia Loren circondata da rugbisti? Con lo sguardo di 10Decimi lo straordinario diventa ordinario e tutto può accadere
Sophia Loren

Sophia, se mi lasci l’ovale…
Una variante sul titolo del tormentone di Julio Iglesias del 1976.
Il dubbio resta, vale o non vale?

Di fronte ad una statuaria Sophia Loren (Ieri oggi e domani di Vittorio De Sica, 1963) al posto di Mastroianni c’è una mischia multietnica di rugbisti comprensibilmente inebetiti, più di quanto lo fosse il grande Marcello in una delle scene cult della commedia all’italiana.

Banale e maschilista come calciatori e veline? Sì, però è un maschilismo innocuo, sano e galante.
I piloni trasformano un rude placcaggio in un inchino, la mischia si dirada per far spazio al sorgere di una bellezza luminosa.

Sono i soliti maschi che quando vedono una bella donna in déshabillé (come si diceva una volta), sbroccano e perdono di vista la realtà delle cose, pronti addirittura a lasciare l’ovale e a sedersi al tavolino del bar per parlare di quanto è sexy Sophia.

La donna è oggetto sì, ma oggetto di culto.

Marco Innocenti. Dal 2007 ad oggi, contestualmente all’attività di poster maker per il cinema, ha realizzato oltre 400 "ricollage" digitali stampati su tela con inserti manuali di carta strappata dai manifesti pubblicitari raggiungendo un pubblico di appassionati e collezionisti sia in Italia che all’estero. Ispirato a Mimmo Rotella, fa però uso della computer grafica per mixare frammenti di noti capolavori della pittura classica e delle arti figurative con manifesti e fotogrammi cinematografici e con i miti e gli eroi dello sport.

ARTICOLI CORRELATI

Brutti sporchi e cattivi. O forse no?

Ero giovanissimo: un apparente banale incidente su un campo di calcio vero si trasformò in un dramma, ma fu anche l’inizio della scoperta dello sport. Rugby prima, poi il football americano tra i primi in Italia e poi il ciclismo. Un paradigma sportivo e un percorso di vita, anche contro le apparenze.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi