Pietro Mennea. La pista c’era

Riceviamo dall'avv. Vincenzo Mennea, fratello di Pietro, una precisazione che volentieri pubblichiamo.
COVER MENNEA BROTHER

Nel leggere l’articolo “Pietro Mennea ragazzo del sud senza pista” pubblicato lo scorso 6 agosto, riscontro la riportata dichiarazione, ripresa anche nel titolo, per la quale mio fratello sarebbe stato un atleta del sud “cresciuto senza pista”.
A questo proposito tengo a precisare che non risponde al vero che mio fratello Pietro non aveva la pista, in quanto nel 1967/68 le piste esistenti in Italia, in tutta Italia e quindi anche Barletta, c’erano ed erano composte di asfalto misto a gomma o in terra battuta.

La prima pista in tartan in Italia fu costruita a Viareggio, Stadio dei Pini nel 1969, con un costo per il comune di Viareggio di 85 milioni di vecchie lire: 30 vennero garantiti con un contributo a fondo perduto dalla Fidal, gli altri 55 furono a carico del Comune con un mutuo.

Ne discende che in tutta Italia piste in tartan non esistevano e, come ho detto prima, quelle esistenti, invece, erano solo di asfalto e gomma o in terra battuta. Pertanto la favola che Pietro Mennea non aveva la pista è pura fantasia e non corrisponde al vero.
È corretto dire quindi che mio fratello non aveva una pista in tartan, il cui costo di realizzazione, al tempo, sarebbe stato proibitivo sia per il Comune di Barletta che per la società sportiva per la quale gareggiava.

Tant’è vero che la pista in tartan Pietro la ebbe nel 1980 quando era già campione del mondo e ancor prima aveva realizzato il record del mondo, con il costo della pista a carico della Fidal, allora presieduta da Primo Nebiolo.

Tanto dovevo a precisare i fatti e inquadrare la figura di Pietro Mennea nella realtà vera delle cose che lo hanno riguardato.

Vincenzo Mennea

ARTICOLI CORRELATI

Wilma Rudolph e Livio Berruti

Roma 1960. Wilma, Livio e l’amore impossibile

25 agosto 1960. In una Roma bella e ingenua come forse mai più, si aprono i Giochi della XVII Olimpiade. Dal Settebello ai ciclisti d’oro, da Cassius Clay a Nino Benvenuti, da Abebe Bikila a Livio Berruti e Wilma Rudolph, tante sono le storie dei giorni olimpici. Tra queste quella dell’amore impossibile, forse immaginario e solo da copertina di Livio e Wilma, ma anche quella di una Roma impossibile da non amare.

Leggi tutto »
Messner

Reinhold Messner. La solitudine del gigante

20 agosto 1980. Reinhold Messner arrampica l’Everest dal versante nord, da solo e senza ossigeno. Primo al mondo, anche i monsoni ne rispettano cuore e coraggio e lo lasciano andare. È cosi che i giganti si parlano. In solitudine.

Leggi tutto »
Enrico Ameri

Scusa Ameri…scusa Ameri…

Enrico Ameri passa dall’altra parte del campo il 7 aprile 2004. Ricordarlo oggi significa tornare al mistero del calcio raccontato senza urla, ma con garbo e stile. E oggi “…scusa Ameri…” non è più solo un ritmo, ma un’ammissione di colpa per quello che siamo riusciti o non riusciti a fare dopo.

Leggi tutto »
Totonno Juliano

Totonno Juliano. Nunn’ ‘e penzà!

Lo scorso 13 dicembre, pochi giorni prima del suo 81esimo compleanno, ci ha lasciato Antonio Juliano, per tutti semplicemente “Totonno”. Fu bandiera del Napoli prima da calciatore e poi da dirigente. La sua è la figura carismatica di un calcio mitico che ormai non esiste più.

Leggi tutto »
sinner bagnania

Jannik Sinner e Pecco Bagnaia. Campioni ed esempio.

Jannik Sinner e la squadra della Coppa Davis. Pecco Bagnaia e il team della Ducati, l’altra rossa italiana. Una domenica di sport, una straordinaria domenica di campioni e di vittorie a lungo attese. C’è anche altro però. Ci sono campioni che danno l’esempio.

Leggi tutto »
Paolo Cecinelli

Paolo Cecinelli. In pensione con il party

Paolo “Cecio” Cecinelli va in pensione. 40 anni di sport vissuti, scritti e raccontati. 40 anni di giornalismo, ma anche 40 anni di amicizie che lo sport ha saldato con quelle emozioni che non ti lasciano per tutta la vita. Il saluto degli amici in una movimentata serata al Due Ponti Sporting Club, dove chi c’era si è esibito con insospettate virtu canore, mentre chi non poteva esserci ha mandato video messaggi un po’ da tutto il mondo. Chi lo conosce bene, giura però che non rimarrà a lungo con le mani in mano. Aspettare per credere!

Leggi tutto »
hector rocha

Hector Rocha. In loving memory

Hector Rocha, Maestro di pugilato sconosxiuto ai più in questa parte di mondo, il 15 agosto del 2020 termina il suo ultimo match. Dopo sei settimane il Covid se lo porta via e lui, con i suoi 83 anni passati quasi tutti tra guanti, sacchi e sudore, gli deve aver dato filo da torcere fino all’ultimo. Un anno e due giorni dopo, noi rendiamo omaggio a un Maestro capace di essere esempio e lo immaginiamo ancora a tirare, a insegnare e a lasciare segni nel cuore.

Leggi tutto »
campetto

Il campetto della Subaugusta

Ci vediamo sul campetto, quello di via Subaugusta, vicino il muro di cinta di Cinecittà.  Alle tre in punto, noi giochiamo con la maglietta bianca, voi tutti gli altri colori.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi