Uwe Seeler. Attaccante.

Uwe Seeler. Attaccante. Una leggenda per l'Amburgo. Un pezzo di storia del calcio tedesco e anche un po' per noi con quel suo colpo di testa impeccabile che fece pareggiare Mueller portando la Germania sul 3 a 3 nella Partita del Secolo. Per un minuto interminabile tutto sembrò compromesso, poi le cose andarono diversamente. Anche per questo, salutiamo e rendiamo omaggio a un attaccante che ha cambiato campo.
Uwe Seeler

In tedesco Jahrhundertspiel; “la partita del secolo”.
Sapete bene di cosa parliamo: Mexico ’70, Germania Ovest – Italia: 4 a 3.
Ovest in questo caso non è solo un punto cardinale, ma un segno del tempo, quello di allora, quello di quando la Germania non era raddoppiata, ma divisa.
Perché lo scrivo in tedesco?
Per ricordare Uwe Seeler attaccante tedesco scomparso il 21 luglio a 85 anni.

Uwe Seeler

Il cuore in gola

Fu lui l’uomo che in quel 17 giugno 1970 ci fece andare il cuore in gola.
È lui che al 110° minuto raccoglie un calcio d’angolo, stacca di testa impeccabile, mette quasi davanti Albertosi, proprio dove Muller s’infila, beffa Rivera e segna. Di testa. Per lui ovviamente, per noi un colpo al cuore.
Neanche troppo forte quel colpo di testa, ma abbastanza per riportarli in parità.
3 a 3. Rivera ci aveva provato, ma non era riuscito a frapporsi, a deviare il tiro.
No, niente da fare. Muller, maestro del goal, insacca. 

In quel periodo io ero in preparativi per il matrimonio di luglio quindi mi feci tutto il mondiale e non dormii mai.
L’urlo del gol di Seeler rimbombò cupo nel quartiere silenzioso, tutti a trepidare davanti alla tv, tutti sfiancati, tutti colpiti e affondati.
Eravamo rassegnati alla parità. Non mancava molto alla fine della partita.
Ma il tempo è sempre relativo.
Palla al centro, passaggio,
Boninsegna scende sulla sinistra, smarca, affonda, passa a centro area, San Rivera è lì, tira un piattone angolato sinistro, Sepp Maier accarezza erba e farfalle.
L’Italia va in vantaggio.
4 a 3. Storia, mito, leggenda.
Soprattutto tripudio!
Siamo al 111°. È passato solo un minuto!

In ogni epica, però ci sono anche gli altri

Uwe Seeler è tutt’ora una leggenda tedesca, ma non era particolarmente atletico e di reti in campionati mondiali ne fece poche, mi sembra, ma sempre al momento giusto.
Questa era la sua caratteristica anche quando andò a giocare in Irlanda nel Cork, gente tosta, aria di mare che punge.
 Lo chiamarono per giocare una partita di vecchie glorie calcistiche e Uwe Seeler si trovò in mezzo a gente vigorosa. In una gara di campionato contro lo Shamroch il Cork perse 6 a 2 ma quei 2 gol li fece proprio Seeler.
Non per niente in Germania era stato anche capo cannoniere. 

Uns Uwe, ovvero il nostro Uwe

 Ad Amburgo ce ne sarà sempre e solo Uno…
Questo il mio ricordo per rendergli l’omaggio che merita.

 

Iolanda Pozzi sugli spalti delle Olimpiadi giovani e romantiche di Roma 1960

ARTICOLI CORRELATI

oronzo canà

Liberiamo Oronzo Canà!

Oronzo Canà, il Porca Puttena e lo spot della Tim. Ancora una volta il calcio supera il perimetro sportivo e diventa paradigma sociale, di costume e di libertà.

Leggi tutto »
Francesco Fiorini

Francesco Fiorini. La Roma di famiglia

Un racconto in prima persona di Roma, della romanità e del tifo giallorosso, passione che Francesco Fiorini respira da sempre. Complice, ovviamente, papà Lando, indimenticato artista che ha amato Roma e la Roma senza mezze misure. Il racconto della passione di una vita che si trasmette di padre in figlio, ieri e anche domani.

Leggi tutto »
Beppe Savoldi

Beppe Savoldi. Mr. 2 miliardi

Nell’estate del 1975 il Napoli del presidente Ferlaino acquistò il centravanti Savoldi dal Bologna per un valore complessivo di 2 miliardi di lire. Una cifra inaudita per l’epoca, che non mancò di sollevare polemiche in un contesto socio-economico problematico.

Leggi tutto »
Battaglie volanti. Colpo di testaFabio Cannavaro

Battaglie volanti. Il colpo di testa tra tattica ed estetica

Cercato, ambito, temuto,il gioco di testa rischia di sparire dai campi? Protagonista indiscusso dell’estetica del calcio, gesto tecnico ambivalente, buono sia per la difesa e sia per l’attacco, il colpo di testa sopravviverà a nuove tattiche e a insorgenti preoccupazioni per l’intergrità fisica dei calciatori?

Leggi tutto »

Gegè Munari, ala sinistra e ambidestro della batteria

Il nostro viaggio non convenzionale tra jazz e sport continua con un artista assoluto, un maestro della batteria che tutti i più grandi del jazz hanno voluto accanto, Gegè Munari che ci racconta la sua musica e le sue passioni, tra jazz, calcio e Napoli di Maradona.

Leggi tutto »
Federale 102

Federale 102

Dopo quasi 90 anni il mitico Federale 102, il pallone ufficiale del Mondiale 1934 (giocato in Italia e vinto dalla Nazionale del grande Vittorio Pozzo), è tornato finalmente a casa, a Roma, dove tutto ebbe inizio.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi