Search
Close this search box.

Olimpico. Ricordi e altre storie

Un tuffo nei miei ricordi romanisti degli anni '70. Gli anni degli uomini oggetto, del manifestante solitario con il suo misterioso cartello e dello stadio rivestito di ombrelli neri stretti uno all'altro per ripararsi dalla pioggia. Altri tempi e altro calcio. Altro tutto, tranne il cuore generoso della Curva Sud, quello sì che non cambia mai.
Roma Olimpico

Essere tifosi della Roma significa coltivare passione e, ovviamente, anche ricordi. Sarà perché non abbiamo una grande bacheca di trofei, sarà perché siamo fermi a solo tre scudetti, due dei quali ho vissuto da protagonista sugli spalti dell’Olimpico, sarà perché ricordiamo sempre gli idoli in calzoncini che abbiamo avuto in squadra, osannati per una splendida giocata o per un gol che ancora ci canta in gola di ognuno di noi. In questo caso, intendo noi che abbiamo vissuto il passaggio da “Rometta” a “Roma”.

Protagonisti oltre il campo

Oggi però non voglio ricordare giocate o gol particolari, capitani o grandi nomi, campioni o bidoni, voglio oltrepassare la barriera del calcio giocato per riportare alla mente di tifosi diversamente giovani alcuni personaggi che sono stati protagonisti del calcio fuori dal pallone.

Roma Olimpico

Uomini oggetto

Uomini, certo, ma di una categoria a parte. Unica, direi. Uomini capaci di vivere qualche minuto e solo di domenica. Sto parlando dell’uomo “Pallini” e dell’uomo “Spica”. Appena terminato il primo tempo, c’era un personaggio che, indossata la forma della bottiglia di liquore oppure, altre volte, vestito come un’enorme candela di accensione, girava per tutto il campo di calcio. Almeno tre giri del rettangolo di gioco, mettendo così in bella vista il prodotto sotto gli occhi di tutti. Spesso, per ingannare l’attesa spasmodica del secondo tempo, mi soffermavo a guardare questa figura mitologica che mi appariva metà uomo, metà bottiglia o metà candela. Una specie di centauro araldico, insomma. Ogni volta la stessa identica domanda: chi c’era dentro quella bottiglia? Che faccia c’era sopra quelle gambe che spuntavano dalla candela gigante? Nessuno di noi ha mai saputo chi ci fosse, cosa facesse nella vita, quanti anni avesse. Nulla di nulla ma, in fondo, forse solo a me e a pochi altri sugli spalti sarà venuta la curiosità di sapere chi fossero quegli strani uomini oggetto.

Il manifestante di Ponte Duca D’Aosta

Il secondo ricordo è invece rivolto ad un altro personaggio tipico dello stadio Olimpico. Diversamente dal primo, quest’uomo, anche di una certa età, non faceva parte della partita e non girava in campo. Lui lo trovavi al di fuori dello stadio, nell’area che circonda l’obelisco nei pressi del Ponte Duca D’Aosta. Con sé aveva un grosso cartellone che teneva bene in vista, sorretto da un’asta, bene in alto che tutti potevano guardare, ma particolarmente leggere quanto sopra riportato. Quel cartellone recitava così: “È colpa tua! I figli non ti obbediscono perché hanno troppi soldi in tasca”. Faceva avanti e indietro per il vialone incurante degli sberleffi della gente, giovani in particolare, che lo prendevano di mira con epiteti impronunciabili. Qualcuno lo avvicinava per avere un rapporto ravvicinato esclamando qualunque frase, lui impassibile continuava la sua libera manifestazione, senza dire neanche una parola, nessuna risposta, nessuna controversia. Per anni ha frequentato sempre lo stesso posto. Oggi, forse, quel cartellone potrebbe far ancora riflettere…

Roma

Lo stadio senza ombrello

L’ultimo ricordo, a me assai caro, è strettamente legato a un oggetto che a un soggetto. Mi riferisco a un comune oggetto utile nelle giornate uggiose, ossia l’ombrello. Quante domeniche passate sotto quell’utile accessorio usato per ripararsi dalla pioggia incessante che si abbatteva sugli spalti dell’Olimpico. Non era per nulla poco ingombrante, tutt’altro; non esistevano ancora quelli pieghevoli, da ridurre al minimo degli spazi, da mettere in tasca, no! Non era per niente così! Lo portavi perché eri costretto dai genitori, mamma in primis, preoccupati dell’intemperie e del figlio che si sarebbe “degnamente” bagnato per la Roma. Da una mano la busta del pranzo, compresa l’onnipresente mela, dall’altro questo “bastone” che spesso rimaneva sugli spalti. La storia della Curva Sud, spesso riporta una foto in bianco e nero, di questa onda lunga colorata di nero, sopra la testa china di ogni singolo tifoso. Durante la partita avevi uno piccolo rettangolo di luce che ti permetteva di vedere ogni singola azione, guai ad alzare l’attrezzo per allargare la visione, tutti bassi e compatti al di sotto di un unico colore, nero andante sul grigio.

Roma Olimpico

Tempus fugit

Possono sembrare ricordi insignificanti, banali, e invece hanno una loro importante collocazione nell’apposito album personale di tifoso. Sicuramente sono stati per diverso tempo compagni della nostra prima giovinezza, abbiamo vissuto sottobraccio la stessa identica storia legata al nome dell’A.S.Roma. Oggi di quei bellissimi momenti, sono rimaste alcune foto sbiadite dal tempo. A ricordare sono soltanto vecchie generazioni che hanno vissuto oltre al trapasso generazionale, anche quello di una squadra entrata nell’élite del calcio europeo. La pubblicità è tutta basata sull’alta tecnologia, non ci sono più certi strani personaggi e l’ombrello non è più consentito portare dentro l’Olimpico.

 

Stefano Trippetta 66 anni, romano. Scrittore non per vocazione ma solo per passione rivolta alla città che fortunatamente mi ha voluto, scelto e cresciuto. Attraverso il filtro di una buona memoria sono riuscito a dividere questa grande madre: da una parte la Roma del cuore, la Lupa, tatuata con orgoglio; dall'altra quella razionale legata a ogni tipo di cambiamento, atteggiamento, costume.

ARTICOLI CORRELATI

Curva Sud

Curva Sud. Quello sguardo in alto a destra

Curva Sud, viverla è emozione allo stato puro. Sono stato un ragazzo e anche un ex ragazzo di Curva. Impossibile dimenticare le emozioni, impossibile non riviverle ogni volta che ci torno. eppure ogni volta penso a loro, ai ragazzi che entrano in campo. La prima cosa che fanno, immancabilmente, è guardare a destra, verso la Sud che ogni volta spumeggia di anime giallorosse. E allora sì che ti si deve stringere il cuore.

Leggi tutto »
Luciano Bianciardi

Luciano Bianciardi. Il ritiro

Le vie insondabili della letteratura che, in un mondo senza pregiudizio, ha trovato spesso la via della pubblicazione sulle riviste “per soli uomini”, genere fiorente tra gli anni sessanta e settanta. Accade così anche per “Il ritiro”, racconto di Luciano Bianciardi che nel 1969, su “Kent”, pone l’irrisolta questione. In ritiro, si può o non si può fare?

Leggi tutto »
Roma

Roma. Sempre e per sempre.

Guardo al mese appena concluso, gennaio, il primo dell’anno nuovo e come sempre pieno di intenzioni, promesse e aspirazioni. Guardo al mese di gennaio e mi rincorrono due date di anni lontani. Due date di amore giallorosso che mi hanno segnato per sempre.

Leggi tutto »
Febbre da cavallo, la vera storia

Febbre da cavallo, la vera storia

Il 17 maggio 1976 non è una data qualunque del cinema italiano. Non lo ricordate, o forse non lo avete mai saputo, ma è quel giorno che Febbre da Cavallo irrompe nelle sale. Un successo? Neanche per idea. proprio come un cavallo sfavorito che vince a sorpresa, il successo che lo avrebbe fatto diventare un cult movie sarebbe arrivato in seconda battuta, con centinaia di passaggi televisivi e con le battute e i personaggi passati di bocca in bocca. E sapete una cosa? Era quasi tutto vero.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi