Nino Bibbia. Oro e ghiaccio

St. Moritz 1948. Dopo la furia della guerra, tornano i Giochi Olimpici e i primi sono quelli invernali. Il 3 e 4 febbraio, sulla Cresta Run, Nino Bibbia incontra il suo destino ed entra nella storia dello sport italiano. Nello skeleton sarà tra i più grandi al mondo.

Lo skeleton di Lord Northesk

Skeleton

Lord Northesk, Pari di Scozia, incontra lo skeleton nei primi anni venti a St.Moritz. Ne rimane affascinato. La Cresta Run diventa il suo luogo ideale e lì conquisterà il bronzo olimpico nel 1928. La foto è del 1935. Pronto alla sua discesa, con il suo casco a ovetto, Lord Northesk ci guarda un po’ sornione, abbozza un sorriso e fa sorridere anche noi. E non è cosa da poco.



La nostra newsletter
Chiudi