Calcio d’estate. Il caso Falcao

Quando il campionato finisce, si inizia a giocare il calcio d'estate, una specie di fantacalcio che trasforma tutti in procuratori, opinionisti, immancabilmente allenatori e qualche volta persino in calciatori. Quasi sempre visionari. Qualche volta, però, i sogni si avverano.
falcao

Ogni tifoso ha una serie di calciatori che vorrebbe vedere l’anno prossimo con la maglia della propria squadra.
Ogni giornale si prende licenza di fantasticare sui nomi da inserire nella rosa dei futuri e del tutto ipotetici prossimi campioni d’Italia, ma dopotutto è il loro mestiere. I giornalisti si trasformano in segugi alla caccia di indiscrezioni, illazioni, segreti assoluti confidenzialmente sospirati che spesso vengono trasformati in titoli cubitali buoni per l’acchiappa copie estivo.
Poi ci sono gli amici e gli amici degli amici, quelli che sanno sempre tutto prima di chiunque altro, esperti come nessuno nel calcio d’estate.
Un ricordo particolare? Certo che si! Un ricordo che è stato un vero caso sportico: il caso Falcao!

Zico alla Roma!

Chi non ricorda questo titolo dei giornali sportivi romani che legava il mito brasiliano ai colori giallorossi? La tifoseria era in fibrillazione, il nome era uno di quelli assai papabili e poi per noi romanisti, diciamo la verità, ogni nome diventa un fenomeno, un campione da coccolare dal momento che arriva fino all’ultima partita. Arthur Antunes Coimbra…quanti sogni, ma nessun rimpianto.

Il caso Falcao

Improvvisamente tutto cambia.
Un altro giocatore, pure lui brasiliano, prenderà il posto del mitico Zico.
È Paulo Roberto Falcao, di Porto Alegre. Ma chi è? Ce lo chiedemmo in tanti, noi che ormai avevamo in testa solo un brasiliano, e che brasiliano…
La stampa si buttò sulla notizia e in breve – anche se certamente non alla velocita della rete di oggi dove tutto è istantaneo – riuscimmo a sapere tutto di lui. Rimase appeso solo il dubbio attanagliante della pronuncia: Falcao o Falcon?
Dubbio che noi romani e romanisti, prosaicamente, risolvemmo con la regola principe della nostra saggezza grammaticale: declinando la risolutiva ere de Roma. Falcao divenne subito Farcao!
Voci, articoli su articoli, filmati, qualche libro e noi, al tempo poco avvezzi al calcio internazionale, tutti lì a leggere, commentare e dispensare opinioni proferite come verità assolute.

 

FalcaoEsto arivando!

Il Presidentissimo Dino Viola, dall’alto del suo modo di coccolare la tifoseria incastonò, termine più che giusto, la maglia di Falcao nella sede della Società, allora in Via di Circo Massimo 1. Indimenticabile la dedica “Caro Presidente Viola, esto arivando” e noi tutti in pellegrinaggio a guardare questa maglia con tanto di numero cinque.
Manco fosse una reliquia…ma il mondo del calcio romano e romanista cambiò letteralmente, diventammo in pochissimo tempo tutti brasiliani, ascoltavamo solo musica brasiliana, imparammo qualche frase fatta e iniziammo a ballare il samba.

A Fiumicino

Quel 10 agosto del 1980 a Fiumicino eravamo veramente in tanti ad aspettare l’arrivo di Farcao!
Un campione lo avevamo anche noi adesso, non solo le squadre del nord e persino l’Udinese che solo per pochi giorni ci aveva soffiato un campione.
Il momento più bello, però, fu l’esordio sul prato dell’Olimpico che infiammò i cuori di tutti i giallorossi già belli carichi e caldi, non solo di cuore, anche di epidermide.

La prima giocata

Si dice, e personalmente ci credo fermamente, che Dino Viola suggerì a Falcao di fare la sua prima giocata ad effetto per colpire ancora di più la tifoseria gremita sugli spalti roventi di quel 29 agosto 1980 giallo come er sole, rosso come er core.
Una tifoseria accorsa per l’amichevole con l’Internacional con molti che avevano anticipato di qualche giorno il ritorno a casa dalle ferie, che allora duravano ancora un mese e si chiamavano villeggiatura, solo per andare a vedere il fenomeno.
Un ricordo da giovane mi riporta anche a quando si marinava la scuola per andare un autostop a Trigoria a vedere gli allenamenti.
Seduti sulla tribunetta aperta al pubblico, in religioso silenzio, godevamo delle giocate di questo riccioluto. E furono anni meravigliosi con il sigillo di un campionato stravinto grazie alle prodezze e alla mentalità del nostro numero cinque. Falcao e Di Bartolomei

Obrigado Barilla

La nota casa produttrice di pasta, sponsor ufficiale dell’A.S. Roma, lo ingaggiò per uno spot pubblicitario, regalando la sua maglia con l’acquisto del prodotto. 
Il manifesto pubblicitario faceva vedere Falcao con un piatto di spaghetti al sugo fumanti ed era completato da due semplici parole: Obrigado Barilla.

Non era ancora il tempo di digitale, di internet, di comunicazione virtuale.
Era bello così al naturale, come quel piatto di pasta, se ben italiana, tutta romana e romanista…

Stefano Trippetta 66 anni, romano. Scrittore non per vocazione ma solo per passione rivolta alla città che fortunatamente mi ha voluto, scelto e cresciuto. Attraverso il filtro di una buona memoria sono riuscito a dividere questa grande madre: da una parte la Roma del cuore, la Lupa, tatuata con orgoglio; dall'altra quella razionale legata a ogni tipo di cambiamento, atteggiamento, costume.

ARTICOLI CORRELATI

Curva Sud Pruzzo

Curva Sud. Goal e braccia al cielo

Gioia, liberazione, adrenalina. Il pallone che gonfia le rete, lo stadio che respira, la Curva Sud che impazzisce. È da questi spalti una volta di cemento freddo che l’emozione mi ha stretto petto e gola quando loro correvano verso di noi sbracciando e urlando. Calcio vero, giocatori veri. Se dopo un goal vi capita di vedere altro, tipo quei balletti oggi un po’ di moda, diffidate dalle imitazioni e ricordate che un altro calcio è possibile.

Leggi tutto »
Curva Sud

Curva Sud. Tradizione e Distinzione

Curva Sud. Tradizione e distinzione, non solo parole, non solo un vecchio striscione, ma uno stile che supera il tempo, trasmesso di padre in figlio, da fratello a fratello. Anima nostra, romana e romanista.

Leggi tutto »
Leo Messi

Leo Messi. 800 milioni in lacrime.

Le cose devono essere chiamate con il loro nome perché solo in questo modo mantengono la loro dignità. È lecito che Leo Messi cambi squadra e che lo faccia da professionista nella prospettiva di un guadagno personale. Ma le lacrime che vogliono raccontare una storia diversa le rispediamo al mittente.

Leggi tutto »
Enrico Ameri

Scusa Ameri…scusa Ameri…

Enrico Ameri passa dall’altra parte del campo il 7 aprile 2004. Ricordarlo oggi significa tornare al mistero del calcio raccontato senza urla, ma con garbo e stile. E oggi “…scusa Ameri…” non è più solo un ritmo, ma un’ammissione di colpa per quello che siamo riusciti o non riusciti a fare dopo.

Leggi tutto »
Giorgio Rossi

Giorgio Rossi. Cavaliere della Roma

Il 23 settembre 2018 Giorgio Rossi cambia campo. Uomo raro, prezioso, capace di lasciare segni profondi. Tutti gli hanno voluto bene e a tutti manca. I Cavalieri della Roma oggi lo ricordano come ha voluto essere ricordato lui, sul marmo e sul cuore.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi