Di sport, di amore e di magliette fini

1972. Tra magliette fini e giochi d'estate, Questo piccolo grande amore irrompe sulla scena musicale italiana e non ne uscirà più. I baby boomer ringraziano e l'amore, in qualche modo, non sarà più come prima.
Claudio Baglioni

Era il 1972. Proprio come oggi la crisi energetica faceva impazzire il prezzo della benzina e dopo pochi mesi l’Italia si sarebbe trovata nell’austerity e nelle domeniche in bicicletta, al tempo non una moda, ma una necessità.
Capita però anche altro nel 1972.
Capita che Claudio Baglioni, il cantautore leggero che non piaceva ai cantautori impegnati, fa uscire un 45 giri che segnerà non solo la storia della musica, ma la società italiana.

Baglioni e Massari
(Claudio Baglioni e Paola Massari)

Le magliette fini

Capita così che tra magliette fini che fanno immaginare tutto, sere d’estate, giochi, fate, mani ansiose di cose proibite Questo piccolo grande amore inizi a fare da colonna sonora ad amori adolescenziali e anche più grandi.
Amori irripetibili, lampi di un attimo o di una vita, dimenticati o felici come non mai, nascosti, proibiti e nonostante tutto persino eterni.
Cinquanta anni di piccoli grandi amori di cui nessuno è stato solo testimone e che appartengono a un’immagine di vita vissuta collettiva.
Per questo a noi che raccontiamo di sport, proprio oggi, 14 febbraio, ci piace ricordare i cinquanta anni di una canzone che non è invecchiata e che, forse, non fa invecchiare neanche chi la ascolta.

Piccolo grande amore

Di amore e di sport si potrebbe parlare a lungo, ma non adesso.

Sulla grande storia d’amore tra Joe Di Maggio e Marylin Monroe stiamo lavorando e ne parleremo presto.
Tra le storie che abbiamo raccontato in questo primo anno di Sportmemory, ci piace però ricordare di essere stati dalla parte del bacio olimpico proibito di Florent e Pernille, così come ci piace ricordare un primo goal dedicato a una fidanzatina del 1976 e anche la storia d’amore dell’avventuriero tedesco Oskar Speck con Christina Rasmuson, fascinosa e intraprendente giornalista inglese.

Che poi lo sport è amore e passione.
E anche magliette fini.

Napoli 91

Non è stato bello, di più. La cortina di fumo che aleggia nei sogni si era disvelata. È stato incontrollabile Leggi tutto >>

Filippo Mondelli. Dal sogno all’incubo

La morte di Filippo, giovane campione del mondo di canottaggio, per me è stato un dolore immenso, capace di fare Leggi tutto >>

Caballero! Basta il nome

Tra il 1968 e il 1971 accade di tutto: la battaglia di Valle Giulia, la contestazione studentesca, l'allunaggio, lo scudetto Leggi tutto >>

Liverpool 1964: i Reds e i Beatles

Nella grande storia del Liverpool, l'esordio in Coppa dei Campioni con i Beatles in tribuna.

Tarcisio

Tarcisio Burgnich ha cambiato campo e adesso inizia la sua partita più bella.

Ago

Ago è una parola che punge, ma soprattutto è un nome che fa ancora male.

Roland Garros, racconti di grande tennis – 1
Roland Garros 2021

È terra rossa, la respiri, si mischia con il sudore, ti rimane attaccata alla pelle sotto centinaia di occhi che Leggi tutto >>

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Napoli 91

Non è stato bello, di più. La cortina di fumo che aleggia nei sogni si era disvelata. È stato incontrollabile Leggi tutto >>

Filippo Mondelli. Dal sogno all’incubo

La morte di Filippo, giovane campione del mondo di canottaggio, per me è stato un dolore immenso, capace di fare Leggi tutto >>

Caballero! Basta il nome

Tra il 1968 e il 1971 accade di tutto: la battaglia di Valle Giulia, la contestazione studentesca, l'allunaggio, lo scudetto Leggi tutto >>

Liverpool 1964: i Reds e i Beatles

Nella grande storia del Liverpool, l'esordio in Coppa dei Campioni con i Beatles in tribuna.

Tarcisio

Tarcisio Burgnich ha cambiato campo e adesso inizia la sua partita più bella.

Ago

Ago è una parola che punge, ma soprattutto è un nome che fa ancora male.

Roland Garros, racconti di grande tennis – 1
Roland Garros 2021

È terra rossa, la respiri, si mischia con il sudore, ti rimane attaccata alla pelle sotto centinaia di occhi che Leggi tutto >>



La nostra newsletter
Chiudi