Search
Close this search box.

Francesco Moser. Tre volte figliolo…

Francesco Moser e la Parigi-Roubaix, una storia nella storia di un campione tra i più grandi di ogni tempo
Francesco Moser

Tre volte figliolo…chissà che non sia andata proprio così.
Chissà che in una qualche chiesetta trentina di Palù di Giovo o di quelle parti, al giovane Francesco Moser un prete confessore non abbia comminato per penitenza di ripetere per tre volte una preghiera o una buona azione.
No, non lo possiamo sapere, ma possiamo immaginare che in fondo Francesco, uno dei dodici figli di Cecilia Simoni e Ignazio Moser, tutti questi grandi peccati da farsi perdonare non li avesse.
Forse è per questo che quel tre volte figliolo gli deve essere rimasto ben impresso a mente e forse anche frainteso.
Sì, frainteso, perché Francesco Moser quel tre volte figliolo, se c’è stato, deve comunque averlo interpretato a modo suo.
E come lo poteva interpretare uno che corre in bicicletta?
Francesco Moser arriva alla bici a 18 anni, non prestissimo, ma presto i primi risultati gli fanno capire che proprio la biciletta sarà la sua vita.
Meno male. Per lui e per noi.

Dicevamo, quindi cosa ci fa Francesco Moser di quell’eventuale tre volte figliolo?

Semplice, ci vince tre volte la Parigi- Roubaix!
Non una corsa a caso, rispettabilissime anche le corse a caso, non una corsa qualunque, rispettabili pure quelle.
Ma la Parigi-Roubaix non è solo una corsa, è un tempio, è l’ara pagana del ciclismo, dura, tanto dura, da sempre, da quando ha iniziato a essere ambita, amata e temuta nel 1896.
Da allora la Parigi-Roubaix si è corsa sempre tranne quattro anni per la Grande Guerra, tre anni per la Seconda e un anno, nel 2020, per la pandemia.

Francesco Moser su quel tempio scrive la storia

Lui nell’Inferno del Nord ci entra e il diavolo che decide chi deve vincere e chi no lo va a guardare in faccia.
E al diavolo gli ricorda la sua prescrizione…tre volte figliolo…roba da acqua santa che pure il diavolo si spaventa
È così che Francesco Moser la Parigi-Roubaix non solo la vince, ma la vince per tre volte e non tre volte e basta, ma tre volte di seguito.
Prima di lui tre volte di seguito solo Octave Lapize, dal 1909 al 1911, un pioniere.
Dopo di lui tre volte di seguito nessuno.
Prima di lui, di italiani solo Maurice Garin nel 1896 e nel 1897, Jules Rossi nel 1937, Serse Coppi nel 1949, Fausto Coppi nel 1950, Antonio Bevilacqua nel 1951, Felice Gimondi nel 1966

Parlare di Francesco Moser è inevitabilmente riduttivo

Troppo grande, troppo ha dato al ciclismo e allo sport.
Oggi, o appena ieri, il 13 aprile 1980, Francesco Moser vince la sua terza Parigi-Roubaix consecutiva.
Vincerà ancora tanto, non più la corsa dell’Inferno del Nord, ma tanto altro, inutile dirne qui ora.
Oggi ricordiamo l’impresa delle tre Parigi-Roubaix, magari alziamo un bicchiere, magari con Trento doc della Valle di Cembra.
Il suo vino, la sua terra, la sua storia

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Chiedimi se sono Felice

Chiedimi se sono Felice

Felice Gimondi, un campione con un nome contagioso come un’euforia, un nome che scorre sul nastro della memoria che noi cresciuti negli anni ’60 ci siamo sempre chiesti se sarebbe mai stato possibile fermare o riavvolgere. Oggi forse preferiamo non saperlo.

Leggi tutto »
Learco Guerra

Learco Guerra. Il Duellante

Learco Guerra, gambe e cuore, muscoli e passione. Una vita di duelli, con il destino prima, con Alfredo Binda poi, con la velocità sempre. Locomotiva umana, così è passato alla storia. Tutto vero, ma Learco Guerra è stato più cuore che macchina, più coraggio che vapore. Per questo noi prendiamo licenza e preferiamo ricordarlo come il Duellante.

Leggi tutto »
Giovanni Visconti

Giovanni Visconti. Il mio ciclismo

Una gara, una delle sue prime. Un salto mancato, sbagliato quella volta e tante altre volte tornato in mente. Giovanni Visconti si racconta così, dall’inizio di una vita da ciclista che lo ha visto campione. E da campione vero non parla delle sue vittorie, ma delle sue 1.221 sconfitte. Le ricorda tutte. Soprattutto perché nessuna è stato in grado di fermarlo.

Leggi tutto »
Marco Pantani

Marco Pantani. Prima della fine

Venti anni di Marco Pantani, venti anni senza Marco Pantani, ma non è di un 14 febbraio e del suo mare grigio che voglio dire. Voglio dire di quello che c’è stato prima. Voglio dire di un’estate, quella del ’98, una delle più grandi del ciclismo. Oggi il Jolly Roger non è a mezz’asta. Oggi il Jolly Roger è alto al cielo.

Leggi tutto »
Charles Miller

Charles Miller. Il ciclista romantico

Nell’epopea delle Sei Giorni di fine ottocento Charles Miller è un ciclista eroico, un gigante in pista, ma con gambe che si fanno rispettare anche in strada. Charles Miller è anche un ciclista romantico, però. Questa è la storia sua e del matrimonio più incredibile che il ciclismo abbia mai visto.

Leggi tutto »
Jacques Anquetille

Jacques Anquetil. Vita scandalosa di un campione

Un campione, ma non uno qualunque. In 15 anni di professionismo, Anquetil si aggiudica 205 vittorie, cinque volte vince il Tour, due il Giro e una la Vuelta. Non uno qualunque, anche perché una vita scandalosa come la sua non è proprio da tutti.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi