Francesco Moser. Tre volte figliolo…

Francesco Moser e la Parigi-Roubaix, una storia nella storia di un campione tra i più grandi di ogni tempo
Francesco Moser

Tre volte figliolo…chissà che non sia andata proprio così.
Chissà che in una qualche chiesetta trentina di Palù di Giovo o di quelle parti, al giovane Francesco Moser un prete confessore non abbia comminato per penitenza di ripetere per tre volte una preghiera o una buona azione.
No, non lo possiamo sapere, ma possiamo immaginare che in fondo Francesco, uno dei dodici figli di Cecilia Simoni e Ignazio Moser, tutti questi grandi peccati da farsi perdonare non li avesse.
Forse è per questo che quel tre volte figliolo gli deve essere rimasto ben impresso a mente e forse anche frainteso.
Sì, frainteso, perché Francesco Moser quel tre volte figliolo, se c’è stato, deve comunque averlo interpretato a modo suo.
E come lo poteva interpretare uno che corre in bicicletta?
Francesco Moser arriva alla bici a 18 anni, non prestissimo, ma presto i primi risultati gli fanno capire che proprio la biciletta sarà la sua vita.
Meno male. Per lui e per noi.

Dicevamo, quindi cosa ci fa Francesco Moser di quell’eventuale tre volte figliolo?

Semplice, ci vince tre volte la Parigi- Roubaix!
Non una corsa a caso, rispettabilissime anche le corse a caso, non una corsa qualunque, rispettabili pure quelle.
Ma la Parigi-Roubaix non è solo una corsa, è un tempio, è l’ara pagana del ciclismo, dura, tanto dura, da sempre, da quando ha iniziato a essere ambita, amata e temuta nel 1896.
Da allora la Parigi-Roubaix si è corsa sempre tranne quattro anni per la Grande Guerra, tre anni per la Seconda e un anno, nel 2020, per la pandemia.

Francesco Moser su quel tempio scrive la storia

Lui nell’Inferno del Nord ci entra e il diavolo che decide chi deve vincere e chi no lo va a guardare in faccia.
E al diavolo gli ricorda la sua prescrizione…tre volte figliolo…roba da acqua santa che pure il diavolo si spaventa
È così che Francesco Moser la Parigi-Roubaix non solo la vince, ma la vince per tre volte e non tre volte e basta, ma tre volte di seguito.
Prima di lui tre volte di seguito solo Octave Lapize, dal 1909 al 1911, un pioniere.
Dopo di lui tre volte di seguito nessuno.
Prima di lui, di italiani solo Maurice Garin nel 1896 e nel 1897, Jules Rossi nel 1937, Serse Coppi nel 1949, Fausto Coppi nel 1950, Antonio Bevilacqua nel 1951, Felice Gimondi nel 1966

Parlare di Francesco Moser è inevitabilmente riduttivo

Troppo grande, troppo ha dato al ciclismo e allo sport.
Oggi, o appena ieri, il 13 aprile 1980, Francesco Moser vince la sua terza Parigi-Roubaix consecutiva.
Vincerà ancora tanto, non più la corsa dell’Inferno del Nord, ma tanto altro, inutile dirne qui ora.
Oggi ricordiamo l’impresa delle tre Parigi-Roubaix, magari alziamo un bicchiere, magari con Trento doc della Valle di Cembra.
Il suo vino, la sua terra, la sua storia

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Napoli

Napoli. Ricomincio da tre

Il terzo scudetto del Napoli è un evento eccezionale, non solo perché il campionato italiano è cannibalizzato storicamente dalle 3 strisciate, tranne rare eccezioni, ma soprattutto perché soltanto nella vecchia Partenope il festeggiamento sa diventare così visceralmente popolare, caricandosi di risvolti psicologici e sociali. Una sorta di baccanale ancestrale al quale partecipano in egual modo tutte le frange sociali, dal popolo minuto dei quartieri e della periferia, alla borghesia di Posillipo e del Vomero, passando per il gotha della vita artistica della città più passionale d’Italia. 

Leggi tutto »
Rally Maya Prisca Taruffi

Rally Maya 2023. Saluti, premi e baci

Il Rally Maya 2023, che ha visto Prisca Taruffi in gara su Ferrari 308 GTS insieme alla copilota Marina Grassi, si è concluso. Non poteva mancare il racconto della serata di di gala, con premiazione e omaggio a Piero Taruffi e al suo Bisiluro TARF dei record.

Leggi tutto »
Rally Maya 2023 Taruffi

Rally Maya 2023. Appunti verso Cancun

In gara al Rally Maya 2023 su Ferrari 308 GTS insieme alla copilota Marina Grassi, Prisca Taruffi racconta a Sportmemory le sue impressioni di tappa. I 345 chilometri della quinta tappa Merida – Cancun tra camion, lavori stradali, 45 gradi in abitacolo e pioggia tropicale

Leggi tutto »
Prisca Taruffi al Rally Maya

Rally Maya 2023. Appunti dalla terza e quarta tappa

In gara al Rally Maya 2023 su Ferrari 308 GTS insieme alla copilota Marina Grassi, Prisca Taruffi racconta a Sportmemory le sue impressioni di tappa. Tra soprese di gusto italiano e meccanici al lavoro di notte, così sono andate la terza e la quarta tappa Merida-Progreso-Merida.

Leggi tutto »
Prisca Taruffi e Marina Grassi su Ferrari 308GTS al Rally Maya 2023

Rally Maya 2023. Appunti dalla prima tappa

In gara al Rally Maya 2023 su Ferrari 308 GTS insieme alla copilota Marina Grassi, Prisca Taruffi racconta a Sportmemory le sue impressioni di tappa. Per il secondo anno consecutivo Prisca e Marina segnano però un primato sin da subito: sono l’unico equipaggio femminile in gara. Tra rovesci di pioggia e sole cocente, i 325 km della prima tappa sono stati mangiati in 10 ore. Il resto lo scopriremo giorno per giorno.

Leggi tutto »
Rally Maya 2023

Rally Maya 2023 al via nel nome di Taruffi

Prisca Taruffi su Ferrari 308 GTS è in gara al Rally Maya che, nel suggestivo scenario della penisola dello Yucátan, dal 19 al 27 maggio vedrà 120 equipaggi competere in impegnative prove di regolarità. Un Rally Maya che celebra anche Piero Taruffi, l’indimenticata “volpe argentata”, assegnando ai vincitori un modellino del Bisiluro, il prototipo dei record da lui progettato e guidato.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi