Maurice Garin. L’italiano che vinse il primo Tour

Maurice Garin, italiano per 30 anni, naturalizzato francese da 2, nel 1903 vince il primo Tour de France ed entra nella storia del ciclismo
Maurice Garin Tour de France 1903

È il 1903, siamo in Francia a Montgeron, una ventina di chilometri da Parigi ed è notte, notte fonda, sono le 3 e pochi minuti.
Alcune decine di uomini attendono il via, tra loro c’è Maurice Garin.
Sono ciclisti e nella notte del primo luglio con loro inizia una grande storia, quella del Tour de France.
Una storia che nel 1903 è un’avventura.

Maurice Gardin

Maurice Garin ha 32 anni è di Arvier, ma il nome non vi sia d’inganno; Arvier è in Italia, vicino Aosta e Maurice è nato, cresciuto, corso e anche vinto da italiano.
La vita lo porterà altrove, a cercare lavoro in Francia, per un periodo fa  anche lo spazzacamini, ma il lavoro che non gli fa dimenticare la passione per la bicicletta.
Corre, Maurice Garin, corre in pista e su strada, corse dure quelle di fine ottocento, eroiche, estenuanti.
Corre e vince Maurice Garin: la Parigi-Roubaix due volte, nel 1897 e nel 1898 e sempre nella grande classica è terzo altre due volte, nel 1896 e nel 1900.
Nel 1901, dopo aver corso e vinto già non poco, Maurice Garin diventa francese, si naturalizza, deve lavorare e gli serve la cittadinanza.
Nel 1903 Maurice Garin, per 30 anni italiano e da 2 francese, vince il Tour de France.
19 giorni di gara, 6 tappe, partenze sempre di notte, strade impensabili, altre gambe, altra tempra, pezzi d’uomini da far spavento.

Guardate la foto ora

Siamo a Parigi, all’arrivo del Tour, il 19 luglio 1903.
Maurice Garin è il corridore a destra, maglia chiara, berretto in testa, occhialoni, sorride ed è sporco quanto basta, ma ha vinto, la stanchezza un ricordo, la felicità sgombra il campo della memoria.
L’immagine dello sfinimento è il viso del corridore a sinistra, con ogni probabilità Léon Georget, grande protagonista di un’altra classica, la Bol d’Or che vincerà per nove volte. Quasi poggiato all’ammiraglia del tempo, maglione scuro, sporco di tutto e ovunque, addosso, in viso, Léon Georget ha lo sguardo fisso chissà dove a ricordare chissà cosa.
Intorno a loro altre persone, maglioni a collo alto di lana pruriginosa, pastrani di gomma pesante per la pioggia, qualcuno alle spalle beve, qualcun altro guarda fisso in camera.

Ancora oggi, 119 anni dopo, la fotografia racconta una grande storia

La storia dei ciclisti eroici, la storia di Maurice Garin, l’italiano casualmente francese che vinse il primo Tour de France.

Giancarlo Ceruti. Sindacato, passione e ciclismo

Il 31 marzo 2020, in quel tempo cupo di campane a morto a colazione e campane a morto all’ora di Leggi tutto >>

La vita in un Giro: Carlo Moretti e l’impresa del ’33

Si correva anche così. Si correva da soli, con la bicicletta che era tutto e poche altrecose. Si correva con Leggi tutto >>

1960. Il mio straordinario anno olimpico

Il ciclismo di Marino Vigna è una storia di famiglia. Una passione che passa di padre in figlio come nelle Leggi tutto >>

Chiedimi se sono Felice
Chiedimi se sono Felice

Felice Gimondi, un campione con un nome contagioso come un'euforia, un nome che scorre sul nastro della memoria che noi Leggi tutto >>

Il Giro dell’Atlantico. La corsa ciclistica dimenticata
Giro dell'Atlantico 1954

1954. Per la prima volta si corre in Brasile il Giro dell'Atlantico, una delle più incredibili corse ciclistiche al mondo. Leggi tutto >>

Massimo Salusti. Un avvocato sportivo per la vita
vela

Massimo Salusti ha seguito la professione del padre, da 35 anni fa l'avvocato e potrebbe sembrare molto, ma non è Leggi tutto >>

Domenico De Lillo. Ciclista di curva
Domenico De Lillo ciclista

Una vita in pista quella di Domenico De Lillo, pistard mezzofondista. Una vita in bicicletta, dove ha imparato ad andare Leggi tutto >>

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Giancarlo Ceruti. Sindacato, passione e ciclismo

Il 31 marzo 2020, in quel tempo cupo di campane a morto a colazione e campane a morto all’ora di Leggi tutto >>

La vita in un Giro: Carlo Moretti e l’impresa del ’33

Si correva anche così. Si correva da soli, con la bicicletta che era tutto e poche altrecose. Si correva con Leggi tutto >>

1960. Il mio straordinario anno olimpico

Il ciclismo di Marino Vigna è una storia di famiglia. Una passione che passa di padre in figlio come nelle Leggi tutto >>

Chiedimi se sono Felice
Chiedimi se sono Felice

Felice Gimondi, un campione con un nome contagioso come un'euforia, un nome che scorre sul nastro della memoria che noi Leggi tutto >>

Il Giro dell’Atlantico. La corsa ciclistica dimenticata
Giro dell'Atlantico 1954

1954. Per la prima volta si corre in Brasile il Giro dell'Atlantico, una delle più incredibili corse ciclistiche al mondo. Leggi tutto >>

Massimo Salusti. Un avvocato sportivo per la vita
vela

Massimo Salusti ha seguito la professione del padre, da 35 anni fa l'avvocato e potrebbe sembrare molto, ma non è Leggi tutto >>

Domenico De Lillo. Ciclista di curva
Domenico De Lillo ciclista

Una vita in pista quella di Domenico De Lillo, pistard mezzofondista. Una vita in bicicletta, dove ha imparato ad andare Leggi tutto >>



La nostra newsletter
Chiudi