Ducati. Il rombo della rossa

Ducati. Su strada e in pista, record e imprese. Una storia italiana di coraggio e di innovazione. Una storia che fa rumore. Una storia che è un rombo.
Ducati

Munition factory at 830513, target 18.
La fabbrica Ducati sulle carte dei servizi segreti.
L’Operazione Pancake in codice, in soldoni 732 bombe da 250 kg, 33 centrano la fabbrica di Borgo Panigale.

Ducati
(Operazione Pancake. Il bombardamento della Ducati)

Adriano, Bruno e Marcello – i figli di Antonio, prevedendo la malaparata, da tempo hanno spostato le attrezzature, lasciando da prezioso bottino per le fortezze volanti solo quelle effettivamente convertite alla produzione bellica. Clean slate, 12 ottobre 1944. Degli stabilimenti (di apparecchiature elettroniche e lenti per l’ottica fotografica), orgoglio di tante famiglie italiane, restano cumoli di macerie. 

Adriano, Bruno e Marcello Ducati.
(Adriano, Bruno e Marcello Ducati.)

La guerra finisce

Sette mesi dopo, 3 maggio, guerra finita ma ancora tante nubi sul cielo emiliano. Un furgoncino con i tre fratelli, polsi legati, caracolla su una strada di campagna direzione improvvisato plotone d’esecuzione.
Una volta lì, contrordine compagni, nessuno urla “fuoco”, la corda resta stretta ma poi, dopo qualche settimana, un piccolo giudice di provincia li assolve da chissà quale reato. 
Nonostante tutto il vento in faccia, i fratelli Ducati scelgono comunque di ripartire nel dopoguerra. Il patrimonio di famiglia, in buona parte, finisce tra le zanne delle banche, mentre il risanamento statale (450ml di lire) viene deliberato, ma mai concesso perché evidentemente non sono solo le aule di tribunale a decidere.  

La meravigliosa, intricata storia della Ducati.

La scintilla era stata la rivoluzionaria invenzione del primogenito Adriano, ventunenne. Un condensatore radio in grado di collegarci con gli USA con una potenza quattro volte inferiore rispetto a quella, altrettanto geniale, di Guglielmo Marconi.
Siamo nel 1926. Dieci anni d’oro e il primo giugno 1935 si pone la prima pietra di Borgo Panigale. Centinaia di migliaia di italiani, dell’area di Bologna e di riflesso altrove, vivono la stagione felice della produzione radio meccanica.

Ducati radio

Come per la Phillips in Olanda, per intenderci, un fenomeno che va al di là dei numeri materiali. La commercializzazione si diversifica, la regola è l’innovazione: rasoio elettrico, calcolatrice, interfono a magnete, antenna radio, binocolo marino. Di straordinario poi l’orientamento verso il mercato mondiale, Ducati estero, è ovunque. 

Tra miracolo e avventura

La risalita passa attraverso assenza di liquidità, blocco stipendi, blocco crediti, razionamento energia elettrica, anche il piano Marshall di traverso. Nascono, sotto partecipazione statale, due nuove realtà: la Ducati Elettrotecnica SpA e la Ducati Meccanica SpA.
E quindi Cucciolo, Motogiro, Milano-Taranto, la produzione di ciclomotori e motocicli.
Storia. Del motociclismo e dell’Italia che si rimette in cammino.
Dalla Mondial, campagna acquisti 1954, arriva Fabio Taglioni, ingegnere, il capo progettista di tutti i motori da corsa fino ai primi anni ottanta.

Ducati Siluro
(Monza 1956. Ducati 100. Il Siluro dei record)

Il marchio vince in pista e sulle strade, alti e bassi, resiste ai colossi asiatici, annaspa risale cede, ma mai davvero, filosofia di vita nell’immaginario.

Ducati Hailwood
(Isola di Man 1978. Mike Hailwood su Ducati vince il Tourist Trophy)

E via via fino a ieri…

… quando mi sistemo nella DeLorean, sì quella datata di Doc Brown e Marty McFly, per arrivare trafelato al circuito (Lusail) di una cittadina (Losail) vicino Doha dove i soldi girano e nessuno si domanda come mai.
È il 6 marzo, l’inizio della nuova stagione, la prima del dopo AD 46, della motoGP.

Una giornata trionfale per noi

Vincono Andrea Migno di Cattolica con la Moto3, Celestino Vietti di Ciriè con la Moto2 e soprattutto il riminese Enea Bastianini con la Ducati Desmosedici GP21 nella corsa dei bolidi più veloci. La Bestia, storpia nome ed esalta grinta, chiude davanti a tutti dopo 42′ e 22 giri a fiato sospeso. La sua Ducati indipendente e satellite, nel fine settimana travagliato delle moto ufficiali, scrive una pagina di storia indelebile. Batte forte il cuore di Nadia Padovani, la moglie di Fausto Gresini

Ducati Bastianini
(Quatar 2022. Enea Bastiani su Ducati Team Gresini vince in MotoGP)

L’imolese che ha voluto il team, ci ha creduto, ci ha fatto vedere Capirossi, Rolfo, Melandri, Simoncelli, Pirro, Iannone (e mille altri, non solo italiani) e che il maledetto virus ci ha strappato giovane. Nadia, la prima donna a vincere da team manager con la squadra che ci emoziona, Gresini Racing, con la moto che ci emoziona come nessuna mai. 

Il rombo della rossa, vi assicuro, sulle strade lontano dall’Italia si sente più forte.

Rumore e musica italiana

  

 

Roberto Amorosino romano di nascita, vive a Washington DC. Ha lavorato presso organismi internazionali nell'area risorse umane. Giornalista freelance, collaboratore de Il Corriere dello Sport, varie federazioni sportive nazionali e pubblicazioni on line e non. Costantemente alla ricerca di storie di Italia ed italiani, soprattutto se conosciuti poco e male.

ARTICOLI CORRELATI

OMOBONO TENNI

Omobono Tenni. Il Diavolo Nero senza paura.

Omobono Tenni ha un solo destino: correre in moto. Un destino che con la sua Moto Guzzi lo farà diventare il Diavolo Nero, l’uomo che corre senza paura. Un destino che se lo porterà via con un’ultima corsa. Questa è la sua storia.

Leggi tutto »
Il Meccanico

Il Meccanico

Motori d’epoca, armi, tecniche di combattimento. Chi è Il Meccanico? Per scoprirlo bisogna addentrarsi nelle pieghe dell’animo umano e lasciarsi sorprendere da pagine che catturano il fiato.

Leggi tutto »
Vittorina Sambri

Vittorina Sambri, motociclista. La prima.

Vittorina Sambri, prima motociclista italiana a gareggiare e vincere competizioni. Contro i concorrenti, ma anche contro i pregiudizi e podio o non podio, Vittorina la sua gara l’ha vinta. E non solo per lei.

Leggi tutto »

Carlo Guzzi. Una storia italiana

Carlo Guzzi e Giorgio Parodi segnano una storia italiana che supera il tempo. Una storia di passione, di motori, di volo eroico e di velocità. Una storia che anticipa i tempi, che innova meccanica e aerodinamica in pista, su strada e persino in acqua. L’Aquila d’oro è un patrimonio culturale italiano che non teme confronti, lascito di uomini straordinari capaci di fare della sfida un modello di vita e d’impresa.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi