Search
Close this search box.

Pietro Franzese. In Irlanda per un turismo sostenibile

Oltre 2500 km in bicicletta a scatto fisso tra panorami irlandesi mozzafiato e sulle tracce di un rapporto sostenibile con la natura. Il 31 agosto inizia il nuovo viaggio di Pietro Franzese, youtuber che seguendo la passione per i viaggi e per la bicicletta, ha dato un significato nuovo alla sua vita.
Pietro Franzese

Pietro Franzese, 32 anni, è uno youtuber con la passione per i viaggi e la bicicletta. Bicicletta particolare però, così come è particolare il mondo in cui loro due, Pietro e la bici, si sono incontrati. Tutto è iniziato alcuni fa proprio a Dublino, dove Pietro era per un periodo di volontariato. Un giorno mentre camminava con alcuni amici si accorge di una bicicletta che, semi sommersa, occhieggiava da un canale. Decidono di recuperarla.  Sembra una bicicletta come tante, ma in effetti non lo è: solo più tardi Pietro scoprirà che si trattava di una bicicletta a scatto fisso e, in qualche modo, scopre un mondo.

L’incontro  fatale

Lo scatto fisso cattura Pietro che, una volta tornato a Milano, farà in modo di avere la sua personale bicicletta. A scatto fisso, naturalmente. Ma non basta. Non basta perché a questo punto scatta l’imponderabile. Pietro segue la passione, apre un canale YouTube, inizia a viaggiare e a raccontare i suoi viaggi. In poco tempo lascia il precedente lavoro e questa diventa la sua prima occupazione.
Nel 2016 il primo viaggio in bicicletta, usando piattaforme come Couchsurfing e Workaway, con cui si può risparmiare molto sull’alloggio.  Poi arrivano viaggi impegnativi. Avventure vere e proprie, Capo Nord e gli Stati Uniti coast to coast.
Se pensate che poteva bastare, sbagliate

Destinazione Irlanda

Il 31 agosto Pietro Franzese riparte, questa volta destinazione Irlanda dove, sempre con la sua scatto fisso, percorrerà la Wild Atlantic Way e la Causeaway Coastal Route, ovvero circa 2.500 km che conta di coprire in circa 4 settimane.
Il percorso toccherà 9 contee nella Repubblica d’Irlanda e 3 contee in Irlanda del Nord, tenendo in grande considerazione la sostenibilità, fattore che caratterizza sempre di più l’approccio al turismo in tutta l’isola di smeraldo e lungo queste fasce costiere, cercando di coniugare la valenza sociale e quella ambientale.
La bicicletta è il mezzo green ideale per andare alla scoperta di un territorio e Franzese, nel suo stile, cercherà un incontro autentico con i luoghi che andrà a toccare, scoprendo persone, natura e le buone pratiche per difenderla.
Punto di partenza, l’incantevole borgo marinaro di Kinsale, nella contea di Cork, porta sud della Wild Atlantic Way, e vicino al punto più a sud di tutto il percorso, la scenografica Old Head Signal Tower, posizionata in prossimità di verdeggianti scogliere.

Irlanda(Fanad Head Lighthouse)
(Fanad Head Lighthouse)

Pietro e l’Irlanda

“Il mio legame con l’Irlanda risale a qualche anno fa, quando ci ho vissuto per un periodo. Da anni pensavo alla Wild Atlantic Way e alla Causeway Coastal Route, che, oltre per la loro straordinaria bellezza, sono nelle corde del mio modo di pensare a un viaggio in bici per l’impegno dedicato alla sostenibilità. Un impegno espresso anche attraverso il coinvolgimento delle comunità locali nella progettazione turistica. Quando viaggio, l’incontro con le persone è fondamentale per il confronto, il supporto e un dialogo ideale con i luoghi in cui mi trovo. Non vedo l’ora, quindi, di partire per questa prossima avventura che mi porterà a scoprire uno dei punti più a ovest dell’Europa e a confrontarmi con il fascino selvaggio dell’Atlantico”, commenta Pietro Franzese.

Alcune tappe

Il viaggio porterà Pietro Franzese in luoghi molto diversi tra loro. Sneem, lungo the Ring of Kerry, famosa per i trattamenti wellness alle alghe e per la possibilità di avvistare foche e delfini e Rathbaum, nella contea di Clare, nota per eccellenze gastronomiche a basso impatto ambientale come la Burren Smokehouse (la quale compensa, per esempio, le emissioni con la piantumazione di alberi). Galway e il bosco di Wildlands, alle porte del Connemara. Ballina, nella contea di Mayo, cittadina situata lungo il fiume Moy, vicino alla sua lunghissima foce oceanica, conosciuta per la pesca al salmone e dove sono presenti eccellenti realtà artigianali come piccole distillerie. Killybegs, nella selvaggia contea di Donegal, l’estremo nord atlantico irlandese, che eccelle nella tessitura manuale. Letterkenny, sempre nella contea di Donegal, meraviglioso punto della Wild Atlantic Way, con luoghi magici come il promontorio su cui svetta il Fanad Lighthouse. Ballycastle in Irlanda del Nord, vicino alle rovine di Dunluce Castle, che si ergono a picco sul blu, e alle famose colonne basaltiche del Giant’s Causeway. Punto di arrivo Belfast, capitale dell’Irlanda del Nord, ma anche esempio straordinario di luogo che ha saputo avviare un periodo di conversione. Da realtà prettamente industriale, oggi Belfast è città riconosciuta dal Global Destination Sustainability Index (GDS-Index) per il suo impegno nello sviluppo e nella crescita sostenibili.

Irlanda
(Cliffs of Moher)

L’Irlanda per il turismo sostenibile

“Siamo molto contenti che un viaggiatore come Pietro Franzese, che ha portato a termine bellissime imprese in bicicletta, abbia scelto l’isola d’Irlanda quale prossima meta da aggiungere al palmares delle sue lunghissime pedalate. La bicicletta è un mezzo meraviglioso a cui stiamo dedicando sempre più attenzione con lo sviluppo di ciclabili e percorsi dedicati per incentivarne l’uso, anche alla luce della sua valenza sostenibile e dell’approccio slow alla scoperta del territorio. Pietro sarà uno straordinario ambasciatore della ciclabilità irlandese e attraverso il suo racconto farà scoprire due territori unici della nostra isola come la Wild Atlantic Way e la Giant’s Causeway Route da un inedito punto di vista”, commenta Marcella Ercolini, Market Manager di Turismo Irlandese in Italia.

Noi non possiamo che aggiungere, buon viaggio Pietro!

 

Rachele Colasante nata a Roma nel 1999, da sempre incuriosita dalle storie, studia Lettere a RomaTre cercando di scrivere la sua al meglio. Ancora non sa dove la condurrà il suo percorso, ma per ora si gode il paesaggio.

ARTICOLI CORRELATI

Félicien Vervaecke

Félicien Vervaecke. Il Tour del ’38 come romanzo

Una famiglia di ciclisti i Vervaecke, figli di un Belgio che al ciclismo ha dato campioni infiniti. Félicien Vervaecke ha avuto qualcosa in più però; buon ciclista, ottimo scalatore , ma l’unico a diventare idolo ed esempio di un ragazzino nel bel romanzo di Hugo Claus “La sofferenza del Belgio”

Leggi tutto »
Giusto Cerutti

Giusto Cerutti. Iconografia di un ciclista indipendente

La lettura di una fotografia può riservare sorprese. Soprattutto se ci entri dentro, se ti fermi sui particolari e ti lasci portare dove vuole lei, spesso in un altro tempo e in un altro mondo. Giusto Cerutti è stato un ciclista, non un campione, ma con questa foto ha tagliato il traguardo del Tempo. E ha vinto.

Leggi tutto »
Fausto Coppi

Fausto Coppi. Napoli come destino

1945. Di ritorno dalla prigionia in Africa, Fausto Coppi sbarca a Napoli. Un falegname di Somma Vesuviana gli regala una Legnano verde per riprendere gli allenamenti. Lui ci farà 800 chilometri per tornare a casa. A Napoli ritorna nel ’47 quando vincerà l’ottava tappa del Giro d’Italia che, alla fine, sarà suo per la seconda volta. Sul filo del traguardo di Napoli lo attende il fotografo Riccardo Carbone che ne fisserà il tempo e lo farà arrivare sino a noi.

Leggi tutto »
Jacques Anquetille

Jacques Anquetil. Vita scandalosa di un campione

Un campione, ma non uno qualunque. In 15 anni di professionismo, Anquetil si aggiudica 205 vittorie, cinque volte vince il Tour, due il Giro e una la Vuelta. Non uno qualunque, anche perché una vita scandalosa come la sua non è proprio da tutti.

Leggi tutto »
Ottavio Bottecchia

Ottavio Bottecchia. Il Giro che manca

Un Giro d’Italia da Isolato, tre Tour de France, due vinti, ma tutti e tre da campione. Ciclista professionista a 26 anni, una carriera veloce come la sua vita, andata in fuga troppo presto. Ottavio Bottecchia è stato ciclista tra i più grandi. Mordendo miseria, fatica e destino Ottavio Bottecchia è stato soprattutto un uomo libero.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi