Search
Close this search box.

Heinz Stücke. 50 anni in bicicletta

Parte nel 1962 con 300 dollari in tasca e un bagaglio affardellato sulla sua bicicletta. Tornerà nel 2012 senza aver mai smesso di pedalare. Non un semplice cicloturista, ma un vero avventuriero.
Heinz Stücke

Quella di Heinz Stücke è una storia d’amore.
Non nei confronti di una persona o un luogo, ma verso la vita.
Una vita che vuole piena, appagante e soprattutto diversa da quella che gli faceva intravedere la sua asfissiante cittadina tedesca e il suo altrettanto asfissiante lavoro in fabbrica.
È così che decide di andare via. In bicicletta. Parte e non smetterà più di pedalare, almeno non per 50 anni.

1962

È il 1962 quando Heinz Stücke lascia Hövelhof. Ha 22 anni, in tasca solo 300 dollari, ma non se ne cura, ha fiducia in sé stesso e si mette in viaggio. Le borse pesano e in bicicletta può portarsi solo lo stretto necessario: una tenda, la macchina fotografica, nessun libro, ma tante cartine.
L’avventura inizia così e durerà una vita. Un’avventura
di cui lui prende scrupolosamente nota sui suoi diari e di cui ferma gli attimi scattando migliaia e migliaia di fotografie.  Sono proprio queste che lo aiuteranno a vivere; alcune sono sattate per  suo ricordo, ma tante altre diventano materiale di scanbio e valuta pregiata, buona in ogni parte del mondo.

Il figlio del carpentiere

Quali possibilità ha negli anni ’50, il figlio di un carpentiere con pochi soldi e poca istruzione? Heinz va a lavorare in fabbrica, ma durante le pause si chiude nel bagno e studia inglese da autodidatta. È in questo periodo che inizia a fare attenzione alle storie di uomini che devidono di tagliare i ponti, di lasciare tutto e partire per vivere avventure ovunque li porti la strada.
Se possono farcela loro, allora anche io.
Questo inizia a pensare Heinz Stücke.

Heinz risponde alla chiamata

Con “solo” un sogno, si mette in viaggio; sente che la strada lo chiama e che lui non può fare altro che rispondere.
Heinz racconta come i primi anni avesse una certa idea dei paesi che voleva visitare, ma poi la strada semplicemente gli si srotolava in mente, come se gli si disponesse davanti da sola, per portarlo in ogni angolo del mondo.
Ogni volta che arriva in un paese aggiunge la bandiera sulla placca che porta sul retro della biciletta, come se fosse un biglietto da visita.

Una bicicletta per passaporto

La bicicletta diventa il passaporto del ragazzo tedesco.
Ovunque arrivava non aveva bisogno di presentarsi; al solo vederlo in sella con quei suoi fardelli, tutti erano naturalmente attratti e incuriositi da lui.
Se non avessi avuto la bicicletta sarei stato un uomo qualunque. Proprio così pensa Heinz.
In effetti Heinz Stücke è molto più di un uomo comune.

Heinz Stücke

Un testimone

Heinz è un testimone della storia, non rimane passivo davanti alla realtà che lo circonda, ma la prende tra le sue mani.Anche quando la realtà gli fa brutti scherzi. Come quando è assalito violentemente a Cape Town, malmenato da soldati egiziani fino a perdere coscienza o attaccato da animali e persino sciami di api.
Non sono solo le strade che gli si srotolano davanti, ma è la Storia che gli scorre accanto. Lo capisce bene quando assiste alla caduta del Muro, ma anche quando tocca con mano il cambiamento climatico che gli fa percepire diversamente le stagioni. Il mondo quindi gli cambia intorno, ma quando gli propone di passare dal carteco al digitale, lui si stoene strette le sue vecchie cartine.

Obiettivo 50

Heinz mantiene i contatti con la famiglia, ma ogni volta che gli chiedono di fermarsi e di rientrare,  lui trova sempre un motivo per non farlo e  per continuare a pedalare: una volta battere il record di Marco Polo, un’altra toccare ogni nazione al mondo, fino a quando l’obiettivo perentorio diventa Voglio girare il mondo per 50 anni.

Heinz Stücke

5 novembre 2012

Heinz è nel Sud della Cina, è il suo anniversario di viaggio, il limite che si è posto.
Ma perché non continuare fino alla fine dell’anno?”, si domanda. In fondo è lui a decidere e così fa.
Il 31 dicembre 2012, è in Cambogia.
Il viaggio non può finire qui, pensa ancora.
A marzo è a Bangkok, dove ha un volo di ritorno.

Ritorno ad Hövelhof

Dopo 50 anni in sella alle due ruote, Heinz Stücke conclude il suo viaggio.
Hövelhof lo accoglie a braccia aperte. Gli amici di una volta, anche loro ormai invecchiati, aspettano con ansia di vederlo e di farsi raccontare la vita incredibile che ha voluto vivere.

Heinz Stücke

The man who wanted to see it all

Il ritorno a casa di Stücke fa da sfondo al documentario di Netflix The man who wanted to see it all.
È qui che Heinz fa entrare lo spettatore a casa sua, mentre prepara il materiale per la mostra che gli vogliono dedicare.
Da ogni parte del mondo, vecchi amici o semplici conoscenti gli mandano oggetti, cartoline, foto, lettere che documentano il passaggio di un personaggio che non può essere dimenticato così semplicemente.

Così insieme ad Heinz ripercorriamo il suo viaggio, trovandolo cambiato ad ogni immagine, così come il paesaggio che lo circonda. Le mani anziane sfogliano le carte su cui ha segnato le rotte seguite negli anni, lo vediamo commuoversi al ricordo di alcuni incontri e delle notti passate in tenda, che fossero in un campo allestito o sotto le rovine di Machu Picchu.
Lo vediamo ridere in tenda o mentre fa un bagno in una vasca nel pieno di un campo.
Ciò che non cambia mai, però, è la luce negli occhi dell’uomo che, in effetti, quasi tutto, l’ha visto veramente.

 

Rachele Colasante nata a Roma nel 1999, da sempre incuriosita dalle storie, studia Lettere a RomaTre cercando di scrivere la sua al meglio. Ancora non sa dove la condurrà il suo percorso, ma per ora si gode il paesaggio.

ARTICOLI CORRELATI

Jod Ke Tod

Jod Ke Tod. La competizione delle piramidi umane

Unico nel suo genere, il Jod Ke Tod della Red Bull è una competizione che riprende le modalità del tradizionale Dahi Handi indiano, rito ancestrale dedicato al dio Krishna. Una vera e propria sfida che vede competere gruppi di uomini, donne e bambini impegnati a creare una piramide umana per raggiungere un vaso di terracotta ricolmo di vernice.

Leggi tutto »
Premio Invictus

Premio Invictus. A Davide De Zan la quarta edizione

Alla sua quarta edizione, il Premio letterario sportivo Invictus premia la narrazione sportiva con le emozioni e le storie di atleti e campioni che dal campo, dalla pista o dalla piscina diventano esempio per tutti. Una letteratura che si afferma sempre di più nelle preferenze del grande pubblico e che a Cisterna di Latina ha trovato casa

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi