martedì, 3 Agosto 2021

Ogni primo venerdì del mese Sportmemory e le sue storie
Direttore responsabile: Roberto Angelini
Direttore editoriale: Marco Panella

NBA. Quando i nomi sono un destino – 1

NBA. Quando i nomi sono un destino – 1
Riccardo Romano
Il campionato NBA raccontato attraverso i nomi delle squadre, nomi che sono identità, sfide e destino, spesso suggeriti con una partecipazione corale dei tifosi chiamati poi a sceglierli. Ancora una volta l'NBA non può che stupire.

Il campionato NBA è una delle manifestazioni più seguite al mondo, non solo di basket, ma di tutto lo sport, con un crescendo di emozioni (e di prezzi dei biglietti!) dalla pre-season, le amichevoli estive, sino alle finals, lo scontro tra i vincitori dei campionati Est e Ovest.
Ma anche lo spettatore meno interessato avrà sicuramente notato che le squadre dell’NBA hanno un soprannome abbinato a quello della città cui appartengono, spesso sono nomi curiosi, ma che rappresentano sempre identità, sfide e destino.
Vediamo come sono nati.

Atlanta Hawks (i Falchi)

Nel 1948, le tre città di Moline, Rock Island, Illinois, e Davenport, Iowa, all’epoca note collettivamente come Tri-Cities, ebbero l’autorizzazione a formare una squadra nella National Basketball League. La squadra fu soprannominata Blackhawks, che, come la squadra di hockey di Chicago, prese il nome dal capo indiano Sauk Black Hawk. Quando la squadra si trasferì a Milwaukee nel 1951, il soprannome fu abbreviato in Hawks. La franchigia mantenne il soprannome abbreviato per i successivi trasferimenti a St. Louis e infine ad Atlanta nel 1968.

Boston Celtics (i Celti)

Il primo proprietario della squadra Walter Brown scelse personalmente Celtics rispetto a Whirlwinds, Olympians e Unicorns, come soprannome per la squadra della Boston’s Basketball Association of America nel 1946. Nonostante gli avvertimenti di uno dei suoi collaboratori pubblicitari, che disse a Brown: “Nessuna squadra con un nome irlandese ha mai vinto una dannata cosa a Boston”, a Brown piaceva la tradizione vincente del soprannome, ispirata ai New York Celtics che furono una franchigia di successo negli anni ’20.

Brookling Nets (le Retine)

Gli americani del New Jersey si unirono all’American Basketball Association nel 1967 e si trasferirono a New York la stagione successiva. La squadra fu ribattezzata New York Nets, che convenientemente faceva rima con Jets e Mets, due delle altre franchigie professionali della Grande Mela. Prima della stagione 1977-78, la squadra tornò nel New Jersey ma mantenne il soprannome. Nel 1994, secondo quanto riferito, i Nets stavano considerando di cambiare il loro soprannome in Swamp Dragons (draghi della palude) per motivi di marketing. La franchigia si è trasferita a Brooklyn nel 2012.

Charlotte Hornets (i Calabroni)

Il nome è il risultato di un referendum popolare: I tre finalisti del concorso per il nome della squadra per il franchise di espansione di Charlotte del 2004 erano Bobcats, Dragons e Flight. Il proprietario Bob Johnson amava i Bobcats, ma alcuni giocatori della lega non erano affatto impressionati. “Mi sembra una squadra di softball femminile”, ha detto Steve Kerr ai giornalisti all’epoca. “Immagino che dimostri che non sono rimasti molti buoni soprannomi da avere.” Forse Kerr aveva ragione. I Bobcats sono diventati i Charlotte Hornets nel 2014, riunendo la città con il soprannome originale del suo precedente franchise NBA. Il soprannome ha un significato storico; durante la guerra rivoluzionaria, un comandante britannico avrebbe riferito che l’area intorno a Charlotte era un “vespaio di ribellione”.

Chicago Bulls (i Tori)

Secondo la Chicago Bulls Encyclopedia, il proprietario della squadra Richard Klein stava cercando dei soprannomi per il suo nuovo franchise nel 1966 e voleva un nome che rappresentasse lo status di Chicago come capitale mondiale della carne. Un’altra teoria è che Klein ammirava la forza e la tenacia dei tori. Klein stava prendendo in considerazione Matadors e Toreadors quando il suo giovane figlio esclamò: “Papà, questa è una mandria di tori!”
Leggende metropolitane…!

Cleveland Cavaliers (i Cavalieri)

I fan hanno votato Cavaliers il soprannome della squadra nel 1970 in un sondaggio condotto dal Cleveland Plain-Dealer. Gli altri finalisti includevano Jays, Foresters, Towers e Presidents.

 Dallas Mavericks (gli Anticonformisti)

Una stazione radiofonica di Dallas sponsorizzò un concorso per il nome della squadra e suggerì i finalisti al proprietario della squadra Donald Carter, e alla fine fu scelto Mavericks su Wranglers (gli attaccabrighe) ed Express. I fan che votarono Mavericks vinsero ciascuno un paio di biglietti per l’apertura della stagione. Per gli orgogliosi texani il soprannome “rappresenta lo stile indipendente e sgargiante del popolo di Dallas”.

Denver Nuggets (le Pepite)

La squadra ABA (precedente lega professionistica soppressa nel 1976) di Denver era originariamente conosciuta come i Rockets. Quando la squadra si stava preparando a trasferirsi in NBA nel 1974, ebbe bisogno di un nuovo soprannome, poiché i Rockets erano già stati rivendicati dalla franchigia di Houston. Nuggets, un’allusione alla tradizione mineraria della città e alla corsa all’oro del Colorado durante la fine del 1850 e l’inizio del 1860, è stata scelta tramite un concorso per il nome della squadra.

Detroit Pistons (i Pistoni)

Eccoci nella capitale americana dell’automobile.
I Pistons affondano le loro radici a Fort Wayne, nell’Indiana, dove erano conosciuti come Zollner Pistons, un pistone prodotto dall’allora proprietario del team Fred Zollner, che ha chiamato così il club dopo aver ceduto la sua attività personale. Quando la squadra si trasferì a Detroit nel 1957, Zollner eliminò il suo nome dal soprannome, ma mantenne i Pistons, nome per rappresentare in NBA la Motor City.

Golden State Warriors (i Guerrieri)

Il nome della squadra è già un soprannome, in questo caso quello di San Francisco. I Philadelphia Warriors, videro i propri natali in Pennsylvania e successivamente si trasferirono a San Francisco dopo la stagione 1961-62 e conservarono il loro soprannome. Quando la squadra si trasferì dall’altra parte della baia a Oakland, nel 1971, fu ribattezzata Golden State Warriors.

Houston Rockets (i Razzi)

Il nome di questa squadra era nel destino, infatti gli Houston Rockets originariamente avevano base a San Diego in California. I razzi sono stati scelti tramite un concorso per il nome della squadra ed erano un riferimento al tema della città, “Una città in movimento”. Quando la squadra si trasferì a Houston nel 1971, aveva perfettamente senso mantenere il nome, poiché Houston ospitava un centro spaziale della NASA.

Indiana Pacers (tipologia di automobile USA)

Il soprannome dei Pacers fu deciso nel 1967 dagli investitori originali della squadra. Il soprannome è un riferimento alla ricca imbracatura e alla storia delle corse automobilistiche dell’Indiana. Il ritmo descrive una delle andature principali per le corse al trotto, mentre le pace car sono utilizzate per le gare automobilistiche, come la 500 Miglia di Indianapolis.

Los Angeles Clippers (tipologia di nave a tre alberi)

Quando i Buffalo Braves della NBA si trasferirono a San Diego nel 1978, i proprietari vollero rinominare la squadra con un nuovo soprannome. Si stabilirono su Clippers, un tipo di nave popolare durante il XIX secolo. Donald Sterling acquistò i Clippers durante la stagione 1981-82 e li trasferì nella sua nativa Los Angeles nel 1984. Perse ogni tipo di rispetto da parte dei tifosi di San Diego ma mantenne il nome dei Clippers.

continua

Riccardo Romano, nato e cresciuto a Roma, rinato e in sviluppo a Miami. Avvocato in Italia, consulente food&beverage in Florida. Appassionato di sport, entertainment e cultura della birra.

La nostra newsletter
Chiudi