Flaminia Bolzan. Lo sport e il distanziamento relazionale da social

Interagire in uno spazio fisico: l’appello della criminologa Flaminia Bolzan che inquadra lo sport strumento e attività ideale per contrastare il distanziamento relazionale da social
Flaminia Bolzan

Quattro giovani su dieci, trascorrono il proprio tempo libero in attività online. Lo ha riportato il Consiglio Nazionale dei Giovani in occasione della Conferenza sul Futuro della Sanità e dello Sport in Italia dello scorso 2 giugno. La domanda viene a cascata: in che modo il mondo dei social mette a rischio la capacità relazionale e sentimentale? Ce lo spiega Flaminia Bolzan, psicologa e criminologa, dottore di ricerca in scienze del movimento umano e dello sport.

 Distanziamento e deumanizzazione

Noi non dobbiamo demonizzare i social – dichiara Flaminia Bolzan – perché rappresentano il mezzo attraverso il quale comunicare. Detto questo, il relativo utilizzo che abbiamo osservato in questi ultimi anni corrisponde spesso alla visione dei social come surrogato relazionale, con il rischio che la relazione si sviluppi sostanzialmente nel mondo virtuale, prescindendo quindi dalla dimensione fisica e dalla dimensione del reale. Questo, chiaramente, comporta una serie di problematicità. Prima fra tutte, l’eccessiva accelerazione di tutta quella serie di processi che in passato avevano una congruenza maggiore con il naturale e necessario andamento della conoscenza. Un modus fatto di tempistiche e di circostanze che permettevano di vedere l’altro in una pluralità di situazioni”. 

Flaminia Bolzan

Percezione del sé

Perché viene a mancare la percezione del sé e dell’altro, rispettivamente in chi espone il proprio corpo, o la propria immagine, e in chi si accontenta di osservare foto e video? “Viene a mancare la percezione del sé perché attraverso l’immagine è molto più semplice deumanizzare una persona, almeno finché non la vediamo e la tocchiamo. La distanza dello schermo ci deresponsabilizza e ci allontana dalla dimensione del reale. Nella pratica – conclude l’esperta – si sperimenta se stessi attraverso tutte le applicazioni di filtri e modifiche che alterano la percezione propria e altrui: idealizzata e diversa dalla realtà”. 

Interazione fisica

Può lo sport contrastare questo trend distanziante? “Lo sport – spiega Flaminia Bolzan – è un mezzo che, nel momento in cui trasmette intenzionalmente tutta una serie di valori, si rivela uno strumento potentissimo. Può contrastare questo trend distanziante perché implica una collaborazione, lavorare insieme per un obiettivo comune, interagendo in uno spazio non più virtuale ma fisico. Fare sport vuol dire imparare ad interagire con gli altri nell’ambito della competizione mediata da regole. Ci permette, quindi, di conoscere gli altri, di valorizzarli, di supportarli e, contemporaneamente, di tirare fuori il meglio di noi stessi. In sintesi, ci insegna e ci ricorda quanto sia importante socializzare positivamente”. 

 

Daniela Cursi Masella pubblicista e press officer. Sceneggiatrice e regista di “Come trovare nel modo giusto l’uomo sbagliato”, tratto dal suo omonimo istant book. Autrice del libro “Imperfetta” (Baldini & Castoldi Editore) e del reality “Campus Life Experience 2020".

ARTICOLI CORRELATI

Un secolo di azzurro

100 anni di calcio della nazionale italiana raccontati con immagini e cimeli. Un viaggio nella passione, nelle sfide, nelle sconfitte e nelle vittorie degli uomini del grande cuore azzurro.

Leggi tutto »
matrimonio Luis Vinicio

Luís Vinicio. Il matrimonio di un campione

22 giugno 1957, Basilica di San Francesco. A piazza Plebiscito la gente si accalca e l’aria è quella della festa grande. Luis Vinicio e Flora Aida Piccaglia si sposano e i tifosi sono lì per vivere e festeggiare un momento di felicità corale con il loro capocannoniere. Una felicità che noi respiriamo negli scatti, mai più visti da allora, di Riccardo Carbone .

Leggi tutto »
DDR

DDR. L’inno oltre il Muro

Boomers di tutto il mondo unitevi! Hey Jude, don’t make it bad cantano i quattro di Liverpool, ma è nella piscina olimpica Francisco Marquez di Città del Messico dove risuona la musica più iconica di questo momento di ebollizione sociale e culturale. Sarà la colonna sonora per un ventennio. 

Leggi tutto »
Mille Miglia

Mille Miglia. La corsa delle corse

26 marzo 1927, a Brescia, è un sabato festante. Da giorni la città è in fermento, ma oggi ci ciamo. Oggi, novantasei anni fa, prende il via per la prima volta la corsa di tutte le corse: la Mille Miglia. Da oggi in poi per le corse su strada sarà tutta un’altra storia, per la Mille Miglia sarà una leggenda.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi