Search
Close this search box.

Flaminia Bolzan. Lo sport e il distanziamento relazionale da social

Interagire in uno spazio fisico: l’appello della criminologa Flaminia Bolzan che inquadra lo sport strumento e attività ideale per contrastare il distanziamento relazionale da social
Flaminia Bolzan

Quattro giovani su dieci, trascorrono il proprio tempo libero in attività online. Lo ha riportato il Consiglio Nazionale dei Giovani in occasione della Conferenza sul Futuro della Sanità e dello Sport in Italia dello scorso 2 giugno. La domanda viene a cascata: in che modo il mondo dei social mette a rischio la capacità relazionale e sentimentale? Ce lo spiega Flaminia Bolzan, psicologa e criminologa, dottore di ricerca in scienze del movimento umano e dello sport.

 Distanziamento e deumanizzazione

Noi non dobbiamo demonizzare i social – dichiara Flaminia Bolzan – perché rappresentano il mezzo attraverso il quale comunicare. Detto questo, il relativo utilizzo che abbiamo osservato in questi ultimi anni corrisponde spesso alla visione dei social come surrogato relazionale, con il rischio che la relazione si sviluppi sostanzialmente nel mondo virtuale, prescindendo quindi dalla dimensione fisica e dalla dimensione del reale. Questo, chiaramente, comporta una serie di problematicità. Prima fra tutte, l’eccessiva accelerazione di tutta quella serie di processi che in passato avevano una congruenza maggiore con il naturale e necessario andamento della conoscenza. Un modus fatto di tempistiche e di circostanze che permettevano di vedere l’altro in una pluralità di situazioni”. 

Flaminia Bolzan

Percezione del sé

Perché viene a mancare la percezione del sé e dell’altro, rispettivamente in chi espone il proprio corpo, o la propria immagine, e in chi si accontenta di osservare foto e video? “Viene a mancare la percezione del sé perché attraverso l’immagine è molto più semplice deumanizzare una persona, almeno finché non la vediamo e la tocchiamo. La distanza dello schermo ci deresponsabilizza e ci allontana dalla dimensione del reale. Nella pratica – conclude l’esperta – si sperimenta se stessi attraverso tutte le applicazioni di filtri e modifiche che alterano la percezione propria e altrui: idealizzata e diversa dalla realtà”. 

Interazione fisica

Può lo sport contrastare questo trend distanziante? “Lo sport – spiega Flaminia Bolzan – è un mezzo che, nel momento in cui trasmette intenzionalmente tutta una serie di valori, si rivela uno strumento potentissimo. Può contrastare questo trend distanziante perché implica una collaborazione, lavorare insieme per un obiettivo comune, interagendo in uno spazio non più virtuale ma fisico. Fare sport vuol dire imparare ad interagire con gli altri nell’ambito della competizione mediata da regole. Ci permette, quindi, di conoscere gli altri, di valorizzarli, di supportarli e, contemporaneamente, di tirare fuori il meglio di noi stessi. In sintesi, ci insegna e ci ricorda quanto sia importante socializzare positivamente”. 

 

Daniela Cursi Masella pubblicista e press officer. Sceneggiatrice e regista di “Come trovare nel modo giusto l’uomo sbagliato”, tratto dal suo omonimo istant book. Autrice del libro “Imperfetta” (Baldini & Castoldi Editore) e del reality “Campus Life Experience 2020".

ARTICOLI CORRELATI

Giuseppe Giannini

Giuseppe Giannini. Una serata principesca

Un mito il Principe. Un dieci che ci fatto sognare tutti, una classe in campo e nella vita. Un affetto personale il mio, non solo calcististico da tifoso. Un affetto fatto di ricordi, di momento condivisi e di un’amicizia che supera il tempo. Proprio come l’amore per la Roma, che del tempo si fa sempre beffa.

Leggi tutto »
Curva Sud al Flaminio

Quando la Curva Sud giocò al Flaminio

17 giugno 1997, lo stadio Flaminio è tutto giallorosso. Quello per cui Luisa Petrucci, suor Bertilla Cafagna, io e altri tifosi avevamo lavorato da mesi, sta per accadere: la Curva Sud scende in campo per giocare. Il motivo? Una buona causa di nome Madalina.

Leggi tutto »

Helenio Herrera, la normalità del Mago

Hugo Pratt ed Helenio Herrera, un parallelo che al di là delle apparenze è forse meno ardito di quanto possa sembrare. Argentina, avventura e amore per Venezia ricorrono nella vita di tutti e due e all’esoterico Hugo Pratt il soprannome di Mago avrà sicuramente fatto sorridere

Leggi tutto »
Azzurri Budapest 1924

Italia – Ungheria. Dalla disfatta del ’24 al riscatto del ’38

Quattordici anni. Una storia che inizia nel 1924 quando i danubiani sono maestri veri e noi ci stiamo inventando. Una storia che inizia male: il 6 aprile del ’24 a Budapest perdiamo 7 a 1. Non accadrà mai più. Una storia che finisce bene: a Parigi, il 19 giugno del ’38, quando battiamo l’Ungheria e ci portiamo a casa il secondo Mondiale. È l’Italia di Vittorio Pozzo, l’allenatore più vincente e più dimenticato della nostra Nazionale

Leggi tutto »
HMS Challenger

HMS Challenger. La scoperta dell’Oceano

Si può scoprire l’Oceano? Se foste stati tre anni a bordo dell’HMS Challenger per compiere la più importante spedizione oceanografica del XIX secolo, non avreste avuto dubbi. La scienza è da sempre una grande avventura. L’HMS Challenger e i suoi uomini ne sono stati grandi protagonisti.

Leggi tutto »
Demetrio Stampacchia

Demetrio Stampacchia. L’arbitro che morì due volte!

La categoria degli arbitri è sicuramente quella più vituperata sui campi di calcio di tutto il mondo. Sempre sospesi in un equilibrio precario tra le accuse di incapacità e di malafede, spesso ci dimentichiamo che arbitrare una partita di pallone è impresa decisamente ardua. Demetrio Stampacchia da Nola, quella partita l’avrà ricordata a lungo…

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi