Jimmy Greaves. What else?

Un campione. Tanti goal come lui, nessuno in Premier League. Un Mondiale, quello del 1966, sfortunato per lui, ma non per la sua nazionale. Una parentesi al Milan. Una seconda vita reinventata da commentatore televisivo, esperto come pochi. Passa oltre a 81 anni, il 19 settembre 2021, accompagnato da una quasi generale indifferenza. Cosa deve fare di più un calciatore per essere ricordato?
Jimmy Greaves

Quando è morto, il 19 settembre del 2021 a 81 anni, pochi hanno ricordato che Jimmy Greaves è stato un attaccante straordinario. I suoi numeri e le sue statistiche sono impressionanti. Ancora oggi con 357 reti è il miglior realizzatore della prima divisione inglese o Premier League che dir si voglia, 100 gol segnati prima di compiere i 21 anni di età (per la precisione a 20 anni e 290 giorni, il più giovane giocatore di sempre a raggiungere una simile cifra), 41 quelli realizzati in una sola stagione (con il Chelsea nel ’60-‘61). Sei volte capocannoniere tra il 1959 e il 1969. Un altro record tuttora imbattuto. What else?

Jimmy Greaves

Il Mondiale sfortunato

E pensare che quando nel 1971 ha abbandonato il calcio aveva solo 31 anni. Aveva fatto il suo esordio nelle file del Chelsea a 17 anni. La sua carriera però non è stata solo luci, ma anche ombre. Per esempio, in Nazionale ha collezionato 57 presenze e 44 gol, ma ai Mondiali casalinghi del 1966 dopo essere partito come titolare si infortunò alla terza partita e fu costretto a lasciare il posto a Geoffrey Hurst che con la sua tripletta diventerà l’eroe della finale vinta contro la Germania.
Quel pomeriggio d’estate a Wembley anche Greaves divenne campione del mondo, ma seduto in tribuna e l’amaro in bocca per l’occasione persa gli resterà fino alla fine dei suoi giorni.

La parentesi Milan

Nel 1961 ci fu anche l’esperienza italiana. Ingaggiato dal Milan, Jimmy Greaves partì con il botto, due gol nell’amichevole d’esordio, ma ben presto cominciarono i problemi. Un po’ troppo esuberante quell’inglese per i gusti di Nereo Rocco. Un episodio per tutti: «Una volta, nel corso di un allenamento, mi scoprì al bar del campo di allenamento mentre sorseggiavo una birra e fumavo una sigaretta, e andò su tutte le furie».
I due erano fatti per non intendersi e così a novembre Greaves fu rispedito in patria. In ogni caso, per essere un’avventura finita male il bilancio non è da buttar via. In campionato 9 reti in 10 partite.
What else?

Jimmy Greaves

Una nuova vita

Per molti anni Greaves è rimasto in un angolo remoto della mia memoria come una delle prime figurine e un nome lontano nel tempo, fino a quando l’ho ritrovato come commentatore alla televisione durante i miei soggiorni londinesi. È stata una scoperta folgorante. Ingrassato, con pochi capelli e un bel paio di baffi bianchi era ospite fisso in alcune trasmissioni sportive e scoprii un personaggio unico. Brillante, preparato, senza peli sulla lingua e con la capacità di parlare con competenza di calcio e di un sacco di altri sport, dal rugby, al tennis, fino all’incomprensibile, almeno per chi non è inglese da almeno sette generazioni, cricket. Vi assicuro che era uno spettacolo. In tutta onestà non ho mai visto niente di simile in Italia da parte di un ex calciatore.
Signore e signori, ladies and gentlemen, questo è stato Jimmy Greaves.
What else?

Silvano Calzini è nato e vive a Milano dove lavora nel mondo editoriale. Ama la letteratura, quella vera, Londra e lo sport in generale. Ha il vezzo di definirsi un nostalgico sportivo.

ARTICOLI CORRELATI

Roma Sport Sociale

Roma Sport Sociale. Il docu-reportage di Sportmemory

Un docu-reportage in sei puntate realizzato da Sportmemory con il supporto della Regione Lazio. Sei luoghi di criticità sociale dove lo sport ha migliorato e migliora la vita delle persone. Storie sportive, ma soprattutto emotive, che raccontano di come lo sport possa essere solo sociale.

Leggi tutto »
Pelè 1000

Pelé. Il millesimo

19 novembre 1969. Maracanà. Trentaquattresimo del secondo tempo. El Gato Andrade sfiora il pallone che O’Rey Pelé dal dischetto insacca alla sua sinistra. Non è un goal qualunque, è il suo millesimo e nessuno lo ha dimenticato.

Leggi tutto »
Curva Sud

Curva Sud. Tradizione e Distinzione

Curva Sud. Tradizione e distinzione, non solo parole, non solo un vecchio striscione, ma uno stile che supera il tempo, trasmesso di padre in figlio, da fratello a fratello. Anima nostra, romana e romanista.

Leggi tutto »

Villa Borghese tra sport e vita

Villa Borghese dove si corre per amore e dove si ama di corsa, dove si portano i figli a crescere, dove il laghetto ti sorprende e ti ospita e dove tra cielo, tetti e cupole Roma si stende sotto la Terrazza del Pincio. A Villa Borghese, cuore verde di Roma, anche la corsa diventa un destino.

Leggi tutto »
Dino Viola

Dino Viola . Il Presidente indimenticabile.

Presidente della Roma per undici anni, Dino Viola ha lasciato un segno indimenticabile nel cuore dei tifosi. Sono molti quelli che lo sentono ancora come “il mio presidente” e che rimpiangono il calcio e la città del Violese.

Leggi tutto »
Antonio Del Greco

Carlo Ancelotti e la maglietta della felicità

Carlo Ancelotti non ha mai saputo della sua maglietta della felicità. Eppure tra una domenica allo stadio, rapinatori in trasferta, criminali improvvisati e il rapimento di un bambino, quella maglia esiste ed è arrivata al suo proprietario.

Leggi tutto »
Derby di Milano Mazzola e Rivera

Quando si dice derby…

Derby. Partite attese con il cuore gonfio, momenti indelebili, tifo sugli spalti, agonismo in campo, sfottò che durano giorni e a volte anche anni. Stracittadine che dividono città e spesso anche regioni. La parola “derby”, però, ha una lunga storia. Vi siete mai chiesti perché si dice così?

Leggi tutto »
Roma Conference League 2022

Roma. Le mie finali…

Le mie finali. Attese e immaginate, tante. Ma anche giocate, qualcuna. Le mie finali di cuore e di passione sono pietre miliari della storia di un amore unico e grande:la mia Roma

Leggi tutto »
Luca De Prà tiro mancino

Il mio tiro mancino

Cosa accade in una sera di ottobre a Luca De Prà, portiere con tradizione familiare e un tiro mancino che attraversa tutto il campo? Questa volta è il destino a tirargli un tiro mancino e a fargli cambiare vita. O forse a fargliela trovare.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi