Fierste Ljepper. Il più antico sport estremo olandese

Nato come metodo per attraversare più velocemente i canali ma diventato presto sport popolare, oggi il Fierste Ljepper è stato ripreso e aggiornato dalla Red Bull che ne ha fatto una festa per tutti, sportivi e dilettanti.
Fierste Lepper

La domanda è semplice: per attraversare un canale preferisci usare un palo di quattordici metri o bagnarti i piedi e avere i calzini bagnati per il resto della giornata? I Paesi Bassi hanno cercato di trovare una risposta, divertendosi anche nel frattempo.
L’antico sport del Fierljeppen, oggi Fierste Ljepper, ovvero il salto più lungo con l’asta, risalente al diciottesimo secolo e proveniente dalla regione della Frisia, è nato così. Tutto nasce dall’esigenza dei contadini di poter attraversare i fossati con facilità, prediligendo quindi lunghi pali di legno in grado di fissarsi all’interno del fossato.

Il primo Fierste Ljepper

Della prima competizione di Fierste Ljepper troviamo traccia nel 1767: agli atleti venne richiesto di usare un palo di nove metri per superare il canale senza bagnarsi.
È quello che avviene ancora adesso durante le competizioni: gli atleti scattano verso un palo precedentemente messo nell’acqua, vi saltano sopra fino a raggiungerne l’estremità e, rimanendo appesi, cercano di atterrare il più lontano possibile. Chi percorre la distanza maggiore ottiene il primo posto.

Fierste Ljepper

Qualche aggiustamento

Per anni vi è stata una sola competizione ufficiale ma con l’arrivo della Red Bull e del suo Fierste Ljepper, questo sport ha raggiunto un livello ancora più alto di competizione e divertimento anche grazie a una piattaforma di lancio di tre metri contro quella di 2,30 precedente, pali che arrivano fino ai quattrodici metri e mezzo per attraversare un canale che ne misura diciassette.
L’ultima edizione prima di una pausa lunga più di dieci anni, i vincitori (ovvero i “saltatori più lontani”) sono stati Jaco de Groot nella categoria maschile con 21,39 metri e Wendy Helmes con il suo salto da 16,58 metri.

C’è posto per tutti

Solo l’anno scorso il Fierste Ljepper ha ricominciato a tenersi ad Harleem, vicino Amsterdam radunando fan e curiosi che si sporgono dai ponti o direttamente dal canale via barche. La parte più divertente probabilmente rimane il momento dedicato ai dilettanti che, con i loro costumi sgargianti e i sorrisi regalati appena escono dai (purtroppo comuni) tuffi in acqua, ricordano quanto lo sport sia effettivamente condivisione e passione. Guardando una gara simile tutti possiamo pensarci atleti e perché no, davvero iscriverci per provare l’ebrezza di un bel tuffo in un canale olandese.

 

…………..

Se vuoi leggere altre storie di Giulia Colasante clicca qui per acquistare il suo libro

Intrepide

Giulia Colasante si affaccia al mondo nell'ultimo anno del secolo scorso, in tempo per sentirne raccontare in diretta, abbastanza per rimanerne incuriosita. Laureata in Filosofia all'Università di Roma Tre, per tentare di capire il futuro che l'attende studia Scienze Cognitive della Comunicazione e dell'Azione. Che attende lei, ma anche un po' tutti gli altri.

ARTICOLI CORRELATI

Scacchi. La diagonale del pazzo

Gioco millenario di strategia e di sagacia, gli scacchi rappresentano la battaglia dell’uomo contro il tempo e contro i propri limiti. Metafora manichea dell’universo, sulla scacchiera si misura l’intelletto, l’arma più nobile dell’essere umano, e si disegnano le trame del destino. E poi c’è l’alfiere, che si muove lungo la prospettiva più affascinante dello spazio a tre dimensioni, la diagonale del pazzo.

Leggi tutto »
Eraldo Pizzo

Eraldo Pizzo. 85 anni da Caimano

Eraldo Pizzo, il Caimano della pallanuoto, un gigante dello sport italiano. 85 anni oggi di una vita senza paragoni che in acqua ha trovato il suo destino e a noi ha regalato un campione immenso.

Leggi tutto »

1969. Stella Polare alla Middle Sea Race

Ottobre 1969, Giovanni Iannucci torna al comando di Stella Polare. Missione: partecipare alla Middle Sea Race. Promossa dal Royal Malta Yacht Club, la regata era solo alla sua seconda edizione, ma già si annunciava per quella che sarebbe presto diventata: una delle più ambite e prestigiose competizioni veliche. Stella Polare sarà protagonista di una bella pagina di vela italiana e, come il racconto del suo Comandante preziosamente restituisce, non solo in regata.

Leggi tutto »
Walter Chiari

Walter Chiari. I pugni di un eterno ragazzo

Cento anni compiuti da poco, ma a guardare anche adesso quel viso da eterno ragazzo cento anni sembrano solo un morso alla vita. Oppure un pugno, uno dei suoi, quelli del suo sport preferito, lo sport dell’anima che si è sempre portato dentro: la boxe. Pugni e amori, commedia e spettacolo, la sua vita e anche un po’ la nostra.

Leggi tutto »
Abdon Pamich

Abdon Pamich. 90 anni da campione

Abdon Pamich, una leggenda in marcia. Da sempre. Da quando aveva 13 anni costretto a marciare per lasciare Fiume, lasciata di gambe, mai di cuore. Una vita sportiva ineguagliata, una vita da testimone che si porta dentro. Novanta anni lo scorso 3 ottobre. Auguri e tanta strada, Abdon. 

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi