Search
Close this search box.

Fierste Ljepper. Il più antico sport estremo olandese

Nato come metodo per attraversare più velocemente i canali ma diventato presto sport popolare, oggi il Fierste Ljepper è stato ripreso e aggiornato dalla Red Bull che ne ha fatto una festa per tutti, sportivi e dilettanti.
Fierste Lepper

La domanda è semplice: per attraversare un canale preferisci usare un palo di quattordici metri o bagnarti i piedi e avere i calzini bagnati per il resto della giornata? I Paesi Bassi hanno cercato di trovare una risposta, divertendosi anche nel frattempo.
L’antico sport del Fierljeppen, oggi Fierste Ljepper, ovvero il salto più lungo con l’asta, risalente al diciottesimo secolo e proveniente dalla regione della Frisia, è nato così. Tutto nasce dall’esigenza dei contadini di poter attraversare i fossati con facilità, prediligendo quindi lunghi pali di legno in grado di fissarsi all’interno del fossato.

Il primo Fierste Ljepper

Della prima competizione di Fierste Ljepper troviamo traccia nel 1767: agli atleti venne richiesto di usare un palo di nove metri per superare il canale senza bagnarsi.
È quello che avviene ancora adesso durante le competizioni: gli atleti scattano verso un palo precedentemente messo nell’acqua, vi saltano sopra fino a raggiungerne l’estremità e, rimanendo appesi, cercano di atterrare il più lontano possibile. Chi percorre la distanza maggiore ottiene il primo posto.

Fierste Ljepper

Qualche aggiustamento

Per anni vi è stata una sola competizione ufficiale ma con l’arrivo della Red Bull e del suo Fierste Ljepper, questo sport ha raggiunto un livello ancora più alto di competizione e divertimento anche grazie a una piattaforma di lancio di tre metri contro quella di 2,30 precedente, pali che arrivano fino ai quattrodici metri e mezzo per attraversare un canale che ne misura diciassette.
L’ultima edizione prima di una pausa lunga più di dieci anni, i vincitori (ovvero i “saltatori più lontani”) sono stati Jaco de Groot nella categoria maschile con 21,39 metri e Wendy Helmes con il suo salto da 16,58 metri.

C’è posto per tutti

Solo l’anno scorso il Fierste Ljepper ha ricominciato a tenersi ad Harleem, vicino Amsterdam radunando fan e curiosi che si sporgono dai ponti o direttamente dal canale via barche. La parte più divertente probabilmente rimane il momento dedicato ai dilettanti che, con i loro costumi sgargianti e i sorrisi regalati appena escono dai (purtroppo comuni) tuffi in acqua, ricordano quanto lo sport sia effettivamente condivisione e passione. Guardando una gara simile tutti possiamo pensarci atleti e perché no, davvero iscriverci per provare l’ebrezza di un bel tuffo in un canale olandese.

 

…………..

Se vuoi leggere altre storie di Giulia Colasante clicca qui per acquistare il suo libro

Intrepide

Giulia Colasante si affaccia al mondo nell'ultimo anno del secolo scorso, in tempo per sentirne raccontare in diretta, abbastanza per rimanerne incuriosita. Giornalista pubblicista, laureata in Filosofia e in Scienze Cognitive della Comunicazione e dell'Azione, continua a studiare il futuro che attende lei, ma anche un po' tutti gli altri.

ARTICOLI CORRELATI

Piero Taruffi

Piero Taruffi. Essere vento

Novantadue record di velocità tra automobili e moto, quarantadue vittorie in gare automobilistiche e ventitrè in gare motociclistiche, una creatura – il Bisiluro -, la progettazione di circuiti e libri che hanno fatto scuola. Precursore dell’aerodinamica su strada, nessuno ha mai parlato alla velocità come ha fatto Piero Taruffi. Non aveva segreti, semplicemente lui era vento.

Leggi tutto »
Roma Olimpico

Olimpico. Ricordi e altre storie

Un tuffo nei miei ricordi romanisti degli anni ’70. Gli anni degli uomini oggetto, del manifestante solitario con il suo misterioso cartello e dello stadio rivestito di ombrelli neri stretti uno all’altro per ripararsi dalla pioggia. Altri tempi e altro calcio. Altro tutto, tranne il cuore generoso della Curva Sud, quello sì che non cambia mai.

Leggi tutto »

Straulino. Quel giorno a Taranto

14 maggio 1965. Agostino Straulino, italiano di Dalmazia, marinaio, velista campione olimpico e mondiale, al comando di Nave Vespucci esce a vela dal Mar Piccolo di Taranto e compie un’impresa che rimarrà nella storia della marineria italiana.

Leggi tutto »
Roland Garros 2021

Roland Garros, racconti di grande tennis – 2

È terra rossa, la respiri, si mischia con il sudore, ti rimane attaccata alla pelle sotto centinaia di occhi che ti fissano dalle tribune e altre decine di migliaia che ti guardano in televisione.
Ti emoziona? Sorridi, sei fortunato, stai giocando al Roland Garros.

Leggi tutto »
Gipo Viani Nereo Rocco

Gipo Viani e Nereo Rocco. Italians do it better

Difesa, libero, catenaccio, gioco all’italiana. Definizioni che ci siamo tatuate addosso, una seconda pelle che abbiamo portato in giro sui campi di tutto il mondo, provocando fastidio e malcelata invidia, sberleffi e risultati, tirando fuori il nostro intrinseco carattere e talvolta anche sangue dalle rape.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi