Carlo Mazzone. Come un padre

Carletto Mazzone, ultimo romantico del calcio, è un esempio per tutti. Amato da tifosi e da giocatori che ha allenato e cresciuto, Carletto è stato per tanti come un padre. Così ce lo racconta il bel docufilm di Alessio Di Cosimo disponibile su Prime Video dal 2 novembre.
Carlo Mazzone

Come fai a non volergli bene? Carlo Mazzone ha attraversato l’Italia migliore, quella che si è rimessa in piedi dopo la guerra, quella che ha visto i padri credere in un futuro migliore per i figli, padri che si sono rimboccati le mani per costruirlo. Romano del cuore di Roma, bambino di Trastevere cresciuto tra l’officina del padre, l’amore della madre e il sogno del pallone, Carlo, anzi Carletto, il sogno l’ha maneggiato fino in fondo.

Il documentario

Uomo fuori dal comune, Carletto il sogno non l’ha tenuto solo per sé, ma l’ha fatto maneggiare anche a tanti altri,  giocatori e tifosi. Proprio come fa un buon padre e per questo, oltre l’opera, anche il titolo che Alessio Di Cosimo ha voluto per il suo bel documentario, Come un padre, è istantanea perfetta dell’uomo che racconta.
Un racconto leggero quello di Alessio Di Cosimo, di una leggerezza che non è superficialità, ma che ti entra dentro fino a toccarti corde sottili di memoria e di emozione.

Mazzone
(Carlo Mazzone con la nipote Iole)

Come un padre

Un racconto dei racconti, perché di Carlo Mazzone parlano alcuni tra i più famosi calciatori che ha allenato e cresciuto e tutti  gli devono qualcosa. Ognuno con un aneddoto, un episodio, una parola, un gesto. Tutti con lo stesso affetto e la stessa riconoscenza. E così scorrono le parole di Andrea Pirlo, Claudio Ranieri, Roberto Baggio, Pep Guardiola, Francesco Totti, Giuseppe Giannini, Marco Materazzi e tanti altri ancora. Tutti a dire la stessa cosa, tutti a dire che Carletto, per loro, è stato esempio, parola e rifugio. Come un padre, appunto.

Il cuore e le corse

Cuore giallorosso da sempre e mai nascosto, Carletto Mazzone ha dato cuore a ogni squadra, sempre ricambiato da tutti i tifosi di qualunque bandiera e di qualunque Curva.
Visione del gioco, umanità disarmante, gesti eclatanti.
Carlo Mazzone è le sue 795 panchine di serie A ed è anche le sue corse sotto le Curve.
Il 27 novembre 1994 sotto la Curva Sud dell’Olimpico sprizzando gioia dopo il derby vinto per 3 a 0.
Il 30 settembre 2001 verso la curva atalantina al Rigamonti di Brescia il 30 settembre 2001, una corsa di rabbia per gli insulti di cui era stato coperto, scattata dopo aver agguantato il famoso 3 a 3. Se avesse potuto sono sicuro che, come si dice a Roma, ai bergamaschi avrebbe mangiato il cuore uno per uno. Tutto si può dire, ma le madri non si toccano mai. A nessuno.

PIRLO
(Andrea Pirlo con la maglia 795 di Carlo Mazzone)

Ultimo romantico

Carlo Mazzone con il suo primato insuperato delle 795 panchine di serie A, Er Magara come tutti lo abbiamo sempre chiamato, non solo è stato uno degli ultimi romantici del calcio, ma è stato per tutti uno di casa e questo Alessio Di Cosimo lo racconta bene, bravo a lavorare sulle immagini, sui volti e sulle parole dei suoi testimoni d’eccellenza.
Uomo di altri tempi, calciatore prima e allenatore poi, padre di famiglia sempre. Di questo raccontano il figlio Massimo e la nipote Iole che, con  tutto l’amore e la gratitudine possibile, ci restituiscono l’immagine familiare. Carletto padre che non mancava mai il ritorno a casa la domenica sera ovunque avesse giocato e Carletto nonno, ovvero il nonno che tutti vorremmo anche ora, da adulti.

Appuntamento su Prime Video

Prodotto da 102 Distribution, Well Enough Film e CD Cine Dubbing, il docufilm scorre bene e offre allo spettatore una parentesi piacevole dal calcio affannato e strillato.
Come un padre sarà disponibile dal 2 Novembre su Prime Video e siamo sicuri che sarà un appuntamento al quale nessun innamorato del calcio vorrà mancare.

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Beppe Savoldi

Beppe Savoldi. Mr. 2 miliardi

Nell’estate del 1975 il Napoli del presidente Ferlaino acquistò il centravanti Savoldi dal Bologna per un valore complessivo di 2 miliardi di lire. Una cifra inaudita per l’epoca, che non mancò di sollevare polemiche in un contesto socio-economico problematico.

Leggi tutto »
Leo Messi

Leo Messi. 800 milioni in lacrime.

Le cose devono essere chiamate con il loro nome perché solo in questo modo mantengono la loro dignità. È lecito che Leo Messi cambi squadra e che lo faccia da professionista nella prospettiva di un guadagno personale. Ma le lacrime che vogliono raccontare una storia diversa le rispediamo al mittente.

Leggi tutto »
Curva Sud

Allo Stadio in Milletrè

Lo stadio, la Curva Sud, la Fiat Milletrè, la Roma, la promessa di un padre al figlio, l’attesa del grande giorno, l’emozione della prima volta tra cori e bandiere, la gioia del rientro a casa cantando e sltando sul sedile della macchina. Il racconto generazionale di chi da quel giorno la Curva Sud non l’ha più lasciata.

Leggi tutto »
BIBITARO

Gasperino er bibitaro

Stadio Olimpico. Curve anni settanta, nessuna copertura, ti bagni se piove, ti bruci col sole. Ma ci sono loro, Gasperino er bibitaro e Er Nocciolina. Tutta un’altra storia.

Leggi tutto »
Boniek

Calcio d’estate. Storie di cuore, miracoli e promesse

Il calcio d’estate e le sue storie, alcune fugaci, altre improbabili, ma tante che hanno invece lasciato il segno nella storia della Roma e nel cuore dei tifosi. Tra cessioni avventate, acquisti eccellenti e promesse mancate la seconda parte di una storia da precampionato.

Leggi tutto »
Il viaggio degli eroi

Azzurri. Il viaggio degli eroi

Se c’è stato un tempo del sogno azzurro, sicuramente è stato in quel Mondiale spagnolo nel 1982. Quando tutto sembrava per essere perduto, tutto invece accadde. Un’avventura del calcio azzurro che il film di Manlio Castagna, con protagonista d’eccezione Marco Giallini, racconta toccando le corde che più ci sono care.

Leggi tutto »
Borgorosso

Totò, Sordi, Banfi. Quando il calcio è cinema.

C’è il calcio giocato, sogni inseguiti, qualcuno infranto. Poi c’è il calcio raccontato, anche questo con sogni inseguiti e qualcuno infranto. Grande giacimento di cultura popolare, il calcio non è mai sfuggito al cinema, che ne ha preso spunto per raccontare storie e tipi umani in tutti i suoi linguaggi, dal comico al goliardico sino a quello intimo e a volte drammatico. Cinema d’autore, cult movie o anche b-movie, quando il cinema ha incontrato il calcio è sempre stato uno spettacolo.

Leggi tutto »
Gigi Meroni

Gigi Meroni. L’ultimo volo della farfalla granata

Gigi Meroni, grande giocatore, elegante e funambolico, uomo fuori dal comune, anticonformista, geniale, dotato di grande sensibilità artistica. Il 15 ottobre 1967 un’automobile se lo porta via. Aveva solo 24 anni e la sua è una storia da non dimenticare.

Leggi tutto »
Napoli- Juventus

1958 Napoli-Juventus. Mai una partita qualunque

Un 4 a 3 storico, per il tifo napoletano forse anche più di quello di Italia-Germania all’Azteca nel 1970. Una partita epica quel Napoli-Juventus del 20 aprile 1958, una vittoria che diventa gioia incontenibile di popolo e che oggi possiamo rivivere negli scatti di Riccardo Carbone.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi