Carlo Mazzone. Come un padre

Carletto Mazzone, ultimo romantico del calcio, è un esempio per tutti. Amato da tifosi e da giocatori che ha allenato e cresciuto, Carletto è stato per tanti come un padre. Così ce lo racconta il bel docufilm di Alessio Di Cosimo disponibile su Prime Video dal 2 novembre.
Carlo Mazzone

Come fai a non volergli bene? Carlo Mazzone ha attraversato l’Italia migliore, quella che si è rimessa in piedi dopo la guerra, quella che ha visto i padri credere in un futuro migliore per i figli, padri che si sono rimboccati le mani per costruirlo. Romano del cuore di Roma, bambino di Trastevere cresciuto tra l’officina del padre, l’amore della madre e il sogno del pallone, Carlo, anzi Carletto, il sogno l’ha maneggiato fino in fondo.

Il documentario

Uomo fuori dal comune, Carletto il sogno non l’ha tenuto solo per sé, ma l’ha fatto maneggiare anche a tanti altri,  giocatori e tifosi. Proprio come fa un buon padre e per questo, oltre l’opera, anche il titolo che Alessio Di Cosimo ha voluto per il suo bel documentario, Come un padre, è istantanea perfetta dell’uomo che racconta.
Un racconto leggero quello di Alessio Di Cosimo, di una leggerezza che non è superficialità, ma che ti entra dentro fino a toccarti corde sottili di memoria e di emozione.

Mazzone
(Carlo Mazzone con la nipote Iole)

Come un padre

Un racconto dei racconti, perché di Carlo Mazzone parlano alcuni tra i più famosi calciatori che ha allenato e cresciuto e tutti  gli devono qualcosa. Ognuno con un aneddoto, un episodio, una parola, un gesto. Tutti con lo stesso affetto e la stessa riconoscenza. E così scorrono le parole di Andrea Pirlo, Claudio Ranieri, Roberto Baggio, Pep Guardiola, Francesco Totti, Giuseppe Giannini, Marco Materazzi e tanti altri ancora. Tutti a dire la stessa cosa, tutti a dire che Carletto, per loro, è stato esempio, parola e rifugio. Come un padre, appunto.

Il cuore e le corse

Cuore giallorosso da sempre e mai nascosto, Carletto Mazzone ha dato cuore a ogni squadra, sempre ricambiato da tutti i tifosi di qualunque bandiera e di qualunque Curva.
Visione del gioco, umanità disarmante, gesti eclatanti.
Carlo Mazzone è le sue 795 panchine di serie A ed è anche le sue corse sotto le Curve.
Il 27 novembre 1994 sotto la Curva Sud dell’Olimpico sprizzando gioia dopo il derby vinto per 3 a 0.
Il 30 settembre 2001 verso la curva atalantina al Rigamonti di Brescia il 30 settembre 2001, una corsa di rabbia per gli insulti di cui era stato coperto, scattata dopo aver agguantato il famoso 3 a 3. Se avesse potuto sono sicuro che, come si dice a Roma, ai bergamaschi avrebbe mangiato il cuore uno per uno. Tutto si può dire, ma le madri non si toccano mai. A nessuno.

PIRLO
(Andrea Pirlo con la maglia 795 di Carlo Mazzone)

Ultimo romantico

Carlo Mazzone con il suo primato insuperato delle 795 panchine di serie A, Er Magara come tutti lo abbiamo sempre chiamato, non solo è stato uno degli ultimi romantici del calcio, ma è stato per tutti uno di casa e questo Alessio Di Cosimo lo racconta bene, bravo a lavorare sulle immagini, sui volti e sulle parole dei suoi testimoni d’eccellenza.
Uomo di altri tempi, calciatore prima e allenatore poi, padre di famiglia sempre. Di questo raccontano il figlio Massimo e la nipote Iole che, con  tutto l’amore e la gratitudine possibile, ci restituiscono l’immagine familiare. Carletto padre che non mancava mai il ritorno a casa la domenica sera ovunque avesse giocato e Carletto nonno, ovvero il nonno che tutti vorremmo anche ora, da adulti.

Appuntamento su Prime Video

Prodotto da 102 Distribution, Well Enough Film e CD Cine Dubbing, il docufilm scorre bene e offre allo spettatore una parentesi piacevole dal calcio affannato e strillato.
Come un padre sarà disponibile dal 2 Novembre su Prime Video e siamo sicuri che sarà un appuntamento al quale nessun innamorato del calcio vorrà mancare.

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Zamora

Zamora. Il portiere divino

Campione, artista, figura politica enigmatica, sex symbol, poderoso bevitore di cognac e fumatore compulsivo. Con un nome da film, la vita di Zamora sembra veramente uscita da una sceneggiatura. Invece no. È tutto vero e lui è stato solo un portiere. Uno dei più grandi di sempre.

Leggi tutto »
Montespaccato

Montespaccato. Legalità in campo

La terza puntata di Roma Sport Sociale, il docu-reportage realizzato da Sportmemory con il supporto della Regione Lazio. Una storia di identità, orgoglio e riscatto. Una storia di talento e tenacia, quello che al campo della legalità di Montespaccato si insegna ai ragazzi. Per giocare e vincere le partite, certo. Anche quella più grande di tutte: la partita che si chiama vita.

Leggi tutto »
Natale 1914 Ypres

Natale 1914. La partita che ingannò la guerra

Inglesi contro tedeschi, Tommy contro Fritz, in questo angolo di fronte delle Fiandre occidentali sassoni contro scozzesi. È il giorno di Natale del 1914 quando nella terra di nessuno si gioca una partita che inganna la guerra. La grande sfida del calcio europeo nasce così, dove e quando meno te lo aspetti

Leggi tutto »
Napoli- Juventus

1958 Napoli-Juventus. Mai una partita qualunque

Un 4 a 3 storico, per il tifo napoletano forse anche più di quello di Italia-Germania all’Azteca nel 1970. Una partita epica quel Napoli-Juventus del 20 aprile 1958, una vittoria che diventa gioia incontenibile di popolo e che oggi possiamo rivivere negli scatti di Riccardo Carbone.

Leggi tutto »
il ciuccio di Napoli

Il ciuccio e il corsiero. Storia di un simbolo

Nell’immaginario collettivo la figura del mite asinello, il ciuccio, si associa da sempre alla squadra del Napoli. Ma non tutti sanno che, in principio, la società aveva scelto come simbolo un maestoso destriero, il mitico corsiero del sole.

Leggi tutto »
Antonio Del Greco

Carlo Ancelotti e la maglietta della felicità

Carlo Ancelotti non ha mai saputo della sua maglietta della felicità. Eppure tra una domenica allo stadio, rapinatori in trasferta, criminali improvvisati e il rapimento di un bambino, quella maglia esiste ed è arrivata al suo proprietario.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi