Search
Close this search box.

Carlo Mazzone. Come un padre

Carletto Mazzone, ultimo romantico del calcio, è un esempio per tutti. Amato da tifosi e da giocatori che ha allenato e cresciuto, Carletto è stato per tanti come un padre. Così ce lo racconta il bel docufilm di Alessio Di Cosimo disponibile su Prime Video dal 2 novembre.
Carlo Mazzone

Come fai a non volergli bene? Carlo Mazzone ha attraversato l’Italia migliore, quella che si è rimessa in piedi dopo la guerra, quella che ha visto i padri credere in un futuro migliore per i figli, padri che si sono rimboccati le mani per costruirlo. Romano del cuore di Roma, bambino di Trastevere cresciuto tra l’officina del padre, l’amore della madre e il sogno del pallone, Carlo, anzi Carletto, il sogno l’ha maneggiato fino in fondo.

Il documentario

Uomo fuori dal comune, Carletto il sogno non l’ha tenuto solo per sé, ma l’ha fatto maneggiare anche a tanti altri,  giocatori e tifosi. Proprio come fa un buon padre e per questo, oltre l’opera, anche il titolo che Alessio Di Cosimo ha voluto per il suo bel documentario, Come un padre, è istantanea perfetta dell’uomo che racconta.
Un racconto leggero quello di Alessio Di Cosimo, di una leggerezza che non è superficialità, ma che ti entra dentro fino a toccarti corde sottili di memoria e di emozione.

Mazzone
(Carlo Mazzone con la nipote Iole)

Come un padre

Un racconto dei racconti, perché di Carlo Mazzone parlano alcuni tra i più famosi calciatori che ha allenato e cresciuto e tutti  gli devono qualcosa. Ognuno con un aneddoto, un episodio, una parola, un gesto. Tutti con lo stesso affetto e la stessa riconoscenza. E così scorrono le parole di Andrea Pirlo, Claudio Ranieri, Roberto Baggio, Pep Guardiola, Francesco Totti, Giuseppe Giannini, Marco Materazzi e tanti altri ancora. Tutti a dire la stessa cosa, tutti a dire che Carletto, per loro, è stato esempio, parola e rifugio. Come un padre, appunto.

Il cuore e le corse

Cuore giallorosso da sempre e mai nascosto, Carletto Mazzone ha dato cuore a ogni squadra, sempre ricambiato da tutti i tifosi di qualunque bandiera e di qualunque Curva.
Visione del gioco, umanità disarmante, gesti eclatanti.
Carlo Mazzone è le sue 795 panchine di serie A ed è anche le sue corse sotto le Curve.
Il 27 novembre 1994 sotto la Curva Sud dell’Olimpico sprizzando gioia dopo il derby vinto per 3 a 0.
Il 30 settembre 2001 verso la curva atalantina al Rigamonti di Brescia il 30 settembre 2001, una corsa di rabbia per gli insulti di cui era stato coperto, scattata dopo aver agguantato il famoso 3 a 3. Se avesse potuto sono sicuro che, come si dice a Roma, ai bergamaschi avrebbe mangiato il cuore uno per uno. Tutto si può dire, ma le madri non si toccano mai. A nessuno.

PIRLO
(Andrea Pirlo con la maglia 795 di Carlo Mazzone)

Ultimo romantico

Carlo Mazzone con il suo primato insuperato delle 795 panchine di serie A, Er Magara come tutti lo abbiamo sempre chiamato, non solo è stato uno degli ultimi romantici del calcio, ma è stato per tutti uno di casa e questo Alessio Di Cosimo lo racconta bene, bravo a lavorare sulle immagini, sui volti e sulle parole dei suoi testimoni d’eccellenza.
Uomo di altri tempi, calciatore prima e allenatore poi, padre di famiglia sempre. Di questo raccontano il figlio Massimo e la nipote Iole che, con  tutto l’amore e la gratitudine possibile, ci restituiscono l’immagine familiare. Carletto padre che non mancava mai il ritorno a casa la domenica sera ovunque avesse giocato e Carletto nonno, ovvero il nonno che tutti vorremmo anche ora, da adulti.

Appuntamento su Prime Video

Prodotto da 102 Distribution, Well Enough Film e CD Cine Dubbing, il docufilm scorre bene e offre allo spettatore una parentesi piacevole dal calcio affannato e strillato.
Come un padre sarà disponibile dal 2 Novembre su Prime Video e siamo sicuri che sarà un appuntamento al quale nessun innamorato del calcio vorrà mancare.

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Naim Krieziu

Naim Krieziu. La freccia di Tirana

Prima della Conference Cup il destino giallorosso di Tirana si chiama Naim Krieziu. Protagonista dello scudetto ’42, signore del pallone, veloce, sguardo al campo, assist al meglio piazziato e goal anche suoi. Roma non dimentica e un’ovazione lo accoglie all’Olimpico nel 2007 per i festeggiamenti degli 80 anni del club.

Leggi tutto »
Fedayn

Fedayn. E quanno more er prete…

La Curva Sud è passione e amore sconfinato per la Roma, la sua storia, i suoi colori e la sua maglia. Una passione che passa di generazione in generazione, di padre in figlio e che in Curva trova la grande famiglia del tifo popolare. Una famiglia scossa dalla violenza subita dal gruppo storico dei Fedayn e che la violenza deve sommergere di silenzio, indignazione e indifferenza. Noi le fiamme ce le abbiamo nel cuore e il nostro cuore brucia solo per amore dei colori e della maglia.

Leggi tutto »
Herbert Kilpin

Herbert Kilpin, Garibaldi e il Milan

Herbert Kilpin unisce con un filo rosso Nottingham, Milano e Garibaldi. O meglio, il filo è rosso e nero. Venuto da Nottingham per convertire le genti al gioco più bello del mondo, Herbert Kilpin ha il fuoco dentro, lo stesso fuoco sacro dell’eroe dei due mondi che a Nottingham amano tutti. Ma non solo; Herbert Kilpin cerca il momento giusto. L’appuntamento con il destino è il 16 dicembre 1899. Nasce il Milan. La maglia è rossonera, la leggenda anche.

Leggi tutto »
Stanguellini

Stanguellini. Una storia italiana

Trenta anni di competizioni, cento anni di vita italiana. La Stanguellini è una storia di motori, ingegno e passione, una storia dove troviamo identità e radici. Una storia resa possibile da visionari capaci di posare lo sguardo sul futuro, un crogiuolo di umanità creativa, sfidante e temeraria che ha segnato la storia motoristica del novecento.

Leggi tutto »
Rimpalli

Rimpalli. L’ode alla gioia di Teodoro Lorenzo

Dalle tinte autobiografiche, “Rimpalli” traccia uno spaccato dell’Italia che solo chi l’ha vissuto può fare. Partendo da un racconto personale, Teodoro Lorenzo descrive una vita passata dietro un pallone e accanto agli amici di sempre.

Leggi tutto »
SPORTMEMORY VACANZA

La villeggiatura e il ciclismo pop delle biglie

Sportmemory racconta storie e rispetta il rito della vacanza agostana che, dell’Italia, è una grande storia di costume dentro la quale ci siamo un po’ tutti. Torneremo con l’aggiornamento mensile il 5 settembre e, a seguire, il 5 di ogni mese che sarà la nostra nuova data editoriale. In questo mese, però, non vi faremo mancare del tutto le nostre storie. Ne pubblicheremo alcune in maniera estemporanea nella sezione Diorama e, come sempre, cercheremo di raccontarle non per informare, ma per emozionare.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi