Rally Maya 2023. Saluti, premi e baci

Il Rally Maya 2023, che ha visto Prisca Taruffi in gara su Ferrari 308 GTS insieme alla copilota Marina Grassi, si è concluso. Non poteva mancare il racconto della serata di di gala, con premiazione e omaggio a Piero Taruffi e al suo Bisiluro TARF dei record.
Rally Maya Prisca Taruffi

Cancún, Quintana Roo, México 27 maggio 2023

Siamo arrivate. In tutti i sensi. Alla fine del Rally Maya 2023, che ci ha visto sfidare regolarità, tempo, meteo, strade impensate e concorrenti instancabili. Alla fine delle nostre energie, usate e consumate per sostenere i 1.100 chilometri che ci hanno fatto attraversa lo Yucatan in condizioni spesso avverse.

Il Peralta Racing Team

Correre per una squadra vincente non è da tutti e per questo mi sento onorata di aver fatto parte del Peralta Racing Team che, tra i vari premi vinti, ha conquistato nella quarta tappa il primo posto nella categoria C (auto dal ‘70 all’’82) con Juan Carlos Peralta in coppia con Carlos Pani su Pantera de Tomaso del ’74 e il terzo posto in categoria B (auto dal ‘50 al ‘69) con Renè Tort e suo figlio, al volante di una Chevrolet Camaro del ’68. 

Rally Maya 2023 Taruffi

Il Gran Galà della premiazione

Tradizione rispettata! La serata di gala conclusiva del Rally Maya 2023 non ha deluso le aspettative ma, se possibile, è andata anche oltre.  Perfetta l’organizzazione, sontuosa la cena di gala nel fantastico ristorante greco Ilios affacciato sulla laguna di Cancun, effervescente la premiazione dove, concedetemelo, ho lasciato spazio alla commozione.

Rally Maya 2023 Bisiluro

Il Bisiluro TARF

Non poteva essere diversamente quando Benjamin de La Peña, Ceo del Rally Maya mi ha chiamato sul palco per consegnare il trofeo più ambito: un modellino del Bisiluro TARF ideato e progettato da mio padre. 
Fu proprio lui, el zorro plateado, a scegliere per primo i pneumatici moto Pirelli ultraleggeri per i suoi record sulle due ruote e in seguito per l’avveniristico Bisiluro con il quale stabilì l’indimenticabile record del 20 marzo 1951, quando sulla cosiddetta fettuccia di Terracina -niente altro che un tratto della via Appia – superò per la prima volta il muro dei 300 chilometri orari., anzi 313 per essere precisi! 

Bisiluro

Saluti e baci

Sebbene con vari imprevisti, mi ritengo soddisfatta del nostro risultato finale – diciottesime nella nostra categoria C riservata ad auto dal ‘70 all’82 – e i miei ringraziamenti a Benjamin de La Peña, ideatore del Rally Maya, a Carlos Peralta, el jefe, ovvero il boss del Peralta Racing Team e ai miei sponsor Pirelli e Water House non sono solo di rito.
E in ogni caso valgono anche come una promessa, quella che mi vede già in fermento in vista della decima edizione dell’anno prossimo.

La classifica finale

Per gli appassionati di statistiche, ecco la classifica finale del Rally Maya 2023:

Categoria A

1.- Alan d B. e Pedro P. con auto #22, Seat 600D del 1965 

2.- Jorge E. e Itzel R. con auto #07, Dodge Pick Up del 1947 

3.- Carlos D. e Carlos D. con auto #04, Chevrolet del 1932

Categoria B

1.- Pacido G. e Arturo C. con auto #22, Mercedes Benz 250 S del 1967

2.- René T. y René T con auto #29, Chevrolet Camaro SS del 1968

3.- Gerardo G. y Roxana I. con auto #34, Mercedes Benz 280 SL del 1964

Categoria C

1.-Enirque M. e José Alejandro P. con auto #47, Porsche 911 del 1974

2.- Jaime A. e Araceli B. con auto #50, Porsche 911 del 1975

3.- Jose Luis T. e Santiago T. con auto #70, Mercedes Benz 450 SL del 1976

Vincitori Prova Abilità Circuito Emerson Fittipaldi di Merida

Categoria A

1.- Alan d B. e Pedro P. con auto #22, Seat 600D del 1965

Categoria B

1.- Pacido G. e Arturo C. con auto #22, Mercedes Benz 250 S del 1967

Categoria C

1.-Enrique M. e José Alejandro P. con auto #47, Porsche 911 de 1974

 

Prisca Taruffi campionessa di rally

ARTICOLI CORRELATI

Petisso

Il Petisso a 45 Giri. Un tricolore viola tra gommalacca e vinili

Bruno Pesaola, il Petisso, italiano di Argentina, in campo sempre con passione, anima, intelligenza e persino humour. Da calciatore ha lasciato goal, dribbling, discese veloci e punizioni al millimetro. Da allenatore uno scudetto alla Fiorentina e Coppe al Napoli e al Bologna. Scaramantico quanto si deve, difficilmente si separava dal suo iconico cappotto di cammello, aveva un rapporto speciale con la musica, in particolare con Peppino Gagliardi. E anche un suo 45 giri, “Settembre”, gli sarà a lungo compagno di fortuna.

Leggi tutto »
Ultima giornata

Ultima giornata. Una storia vera

Cosa accade prima, durante e dopo l’ultima giornata di campionato? Come vivono l’attesa i ragazzi, la società, le famiglie? Come si confrontano con il risultato? Lo racconta “Ultima giornata”, il docufilm di Sportmemory che porta sullo schermo la squadra under 19 del Montespaccato Calcio nel vissuto sportivo ed emotivo dell’ultima settimana dello scorso campionato.

Leggi tutto »
Giusy Leone

Giusy Leone. Una medaglia da non dimenticare

Roma 1960. Le chiamarono le Olimpiadi più belle di sempre. Forse lo furono veramente. Sicuramente lo sono state per Guseppina “Giusy” Leone, prima azzura a salire sul podio olimpico nella specialità della velocità. Con l’agile penna di Gustavo Pallicca, ora un libro edito da Assital, ne ripercorre vita, gare e successi.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi