Search
Close this search box.

Rally Maya 2023. Saluti, premi e baci

Il Rally Maya 2023, che ha visto Prisca Taruffi in gara su Ferrari 308 GTS insieme alla copilota Marina Grassi, si è concluso. Non poteva mancare il racconto della serata di di gala, con premiazione e omaggio a Piero Taruffi e al suo Bisiluro TARF dei record.
Rally Maya Prisca Taruffi

Cancún, Quintana Roo, México 27 maggio 2023

Siamo arrivate. In tutti i sensi. Alla fine del Rally Maya 2023, che ci ha visto sfidare regolarità, tempo, meteo, strade impensate e concorrenti instancabili. Alla fine delle nostre energie, usate e consumate per sostenere i 1.100 chilometri che ci hanno fatto attraversa lo Yucatan in condizioni spesso avverse.

Il Peralta Racing Team

Correre per una squadra vincente non è da tutti e per questo mi sento onorata di aver fatto parte del Peralta Racing Team che, tra i vari premi vinti, ha conquistato nella quarta tappa il primo posto nella categoria C (auto dal ‘70 all’’82) con Juan Carlos Peralta in coppia con Carlos Pani su Pantera de Tomaso del ’74 e il terzo posto in categoria B (auto dal ‘50 al ‘69) con Renè Tort e suo figlio, al volante di una Chevrolet Camaro del ’68. 

Rally Maya 2023 Taruffi

Il Gran Galà della premiazione

Tradizione rispettata! La serata di gala conclusiva del Rally Maya 2023 non ha deluso le aspettative ma, se possibile, è andata anche oltre.  Perfetta l’organizzazione, sontuosa la cena di gala nel fantastico ristorante greco Ilios affacciato sulla laguna di Cancun, effervescente la premiazione dove, concedetemelo, ho lasciato spazio alla commozione.

Rally Maya 2023 Bisiluro

Il Bisiluro TARF

Non poteva essere diversamente quando Benjamin de La Peña, Ceo del Rally Maya mi ha chiamato sul palco per consegnare il trofeo più ambito: un modellino del Bisiluro TARF ideato e progettato da mio padre. 
Fu proprio lui, el zorro plateado, a scegliere per primo i pneumatici moto Pirelli ultraleggeri per i suoi record sulle due ruote e in seguito per l’avveniristico Bisiluro con il quale stabilì l’indimenticabile record del 20 marzo 1951, quando sulla cosiddetta fettuccia di Terracina -niente altro che un tratto della via Appia – superò per la prima volta il muro dei 300 chilometri orari., anzi 313 per essere precisi! 

Bisiluro

Saluti e baci

Sebbene con vari imprevisti, mi ritengo soddisfatta del nostro risultato finale – diciottesime nella nostra categoria C riservata ad auto dal ‘70 all’82 – e i miei ringraziamenti a Benjamin de La Peña, ideatore del Rally Maya, a Carlos Peralta, el jefe, ovvero il boss del Peralta Racing Team e ai miei sponsor Pirelli e Water House non sono solo di rito.
E in ogni caso valgono anche come una promessa, quella che mi vede già in fermento in vista della decima edizione dell’anno prossimo.

La classifica finale

Per gli appassionati di statistiche, ecco la classifica finale del Rally Maya 2023:

Categoria A

1.- Alan d B. e Pedro P. con auto #22, Seat 600D del 1965 

2.- Jorge E. e Itzel R. con auto #07, Dodge Pick Up del 1947 

3.- Carlos D. e Carlos D. con auto #04, Chevrolet del 1932

Categoria B

1.- Pacido G. e Arturo C. con auto #22, Mercedes Benz 250 S del 1967

2.- René T. y René T con auto #29, Chevrolet Camaro SS del 1968

3.- Gerardo G. y Roxana I. con auto #34, Mercedes Benz 280 SL del 1964

Categoria C

1.-Enirque M. e José Alejandro P. con auto #47, Porsche 911 del 1974

2.- Jaime A. e Araceli B. con auto #50, Porsche 911 del 1975

3.- Jose Luis T. e Santiago T. con auto #70, Mercedes Benz 450 SL del 1976

Vincitori Prova Abilità Circuito Emerson Fittipaldi di Merida

Categoria A

1.- Alan d B. e Pedro P. con auto #22, Seat 600D del 1965

Categoria B

1.- Pacido G. e Arturo C. con auto #22, Mercedes Benz 250 S del 1967

Categoria C

1.-Enrique M. e José Alejandro P. con auto #47, Porsche 911 de 1974

 

Prisca Taruffi campionessa di rally

ARTICOLI CORRELATI

Olga Biglieri Barbara

Olga Biglieri. L’aerofuturista Barbara

Una vita di passioni. Il disegno, il brevetto di volo a vela a 18 anni, il mondo visto dall’alto. Olga Biglieri inizia a dipingere tutto quello che vede. L’incontro con il futurismo è dirompente, lei diventa Barbara e sarà la prima aeropittrice. Nel 1938 l’incontro casuale con Marinetti, poi le grandi mostre, poi la guerra che le fa cambiare strada, ma non il desiderio di vedere il mondo secondo il suo personale sguardo.

Leggi tutto »
San Giuseppe Due

San Giuseppe Due. Una feluca in Antartide (I)

27 giugno 1969: la feluca San Giuseppe Due, capolavoro di ascia e di vela, si lascia il porto di Anzio alle spalle. Non prende il mare per una gita, la sua destinazione è l’Antartide. Un’impresa marinara e scientifica da ricordare. La bella penna di Claudio Ressmann ne ha raccontato sul numero di luglio 2019 del Notiziario del Centro Studi Tradizioni Nautiche della Lega Navale. Un racconto che noi riproponiamo in due puntate perché la San Giuseppe Due, ad onor del nome, in Antartide andrà due volte

Leggi tutto »
Carlo Galimberti

Carlo Galimberti, il campione eroe

Carlo Galimberti, quattro olimpiadi con una medaglia d’oro e due d’argento, primatista italiano e mondiale di sollevamento pesi. Ma non è tutto. Carlo passa dalle trincee della Grande Guerra al Corpo dei Vigili del Fuoco con intraprendenza, altruismo e generosità. Qualità di un campione, certo, ma nel suo caso anche di un eroe.

Leggi tutto »
Courtney Dauwalter.

Courtney Dauwalter. La regina dalle tre corone

Atleta che da sempre sa che la sua strada è solo quella dove potersi superare. Per questo spesso la cambia, passando dallo sci di fondo, al cross country alle ultra maratone. Per questo a Courtney Dauwalter non basta una corona sola, ma gliene servono almeno tre.

Leggi tutto »
Peter Collins bacio a Napoli 1957

Peter Collins. Il bacio di Napoli

Peter Collins, bello e giovane proprio come gli eroi che sfidano la sorte e che la sorte, gelosa del Mondo, prende con sé. Un pilota, un cavaliere del Cavallino Rampante, un gentiluomo. Questa è la sua storia. Una storia di velocità e di amore. Proprio come quel bacio al Gran Premio di Napoli del 1957

Leggi tutto »
1947. La corsa delle soubrettes

Il Giro d’Italia e il mistero delle ballerine

Una storia sommersa riemerge da una vecchia rivista: il primo Giro d’Italia finanziato dalle ballerine delle music-hall milanesi. “Le più belle gambe di donna per le più forti gambe d’atleta”, così recitava il manifesto che chiamava i milanesi a partecipare ai veglioni con le più belle “sciantose” del tempo. Una storia sommersa e leggera che fa bene a tutti, anche alla grande storia del Giro.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi