Search
Close this search box.

1896. Il Fox e la prima traversata atlantica a remi

Nell'estate del 1896 due pescatori di vongole attraversarono l'Atlantico su una piccola barca a remi, compiendo un'impresa fuori del comune dimostrando coraggio, tenacia e forza fisica e dando inizio a una specialità sportiva, il canottaggio oceanico, uno degli sport più estremi tanto da essere indicato come “il nuovo Everest", la cui popolarità è cresciuta negli ultimi anni.
Barca Fox 1896

Il 2 agosto 1896 una piccola imbarcazione a remi con due uomini a bordo entra nel porto di Le Havre in Francia.
Sembra una delle tante barche della costa che in una bella giornata estiva ritorna dalla pesca. I due uomini dopo aver dato volta a una bitta sul molo scendono a terra. Non sappiamo cosa fecero appena sbarcati, ma sappiamo dai giornali dell’epoca che i due avevano attraversato l’Atlantico. La barca era il Fox.

Uomini e imprese

L’impresa era stata pensata dall’irlandese Richard K. Fox, proprietario della rivista americana The National Police Gazette, una rivista molto chiacchierata di sport e di gossip con particolare attenzione alle bellezze femminili dell’epoca.
I due marinai erano pescatori norvegesi naturalizzati americani, Frank Samuelson di 26 anni e George Harbo di 32.Il Fox era una barca in fasciame clinker di 18 piedi di lunghezza per 5 di larghezza ed appena 51 cm di bordo libero, costruita, sotto la supervisione di Harbo, per 289 dollari (circa 9000 dollari ad oggi) in un cantiere del New Jersey, dove i due vivevano.

Fonti accreditate riportano che l’editore sostenne una parte dei costi dell’impresa, oltre a farne pubblicità sulle pagine della rivista. Non a caso la barca portava il suo nome.

Barca Fox
(Frank Samuelson e George Harbo sul Fox)

A bordo

La dotazione di bordo del Fox consisteva di 5 paia di remi, ben 240 scalmi, bussola, sestante e almanacco, un’ancora galleggiante, un salvagente, 24 fuochi, acqua in diversi contenitori per circa 300 lt, 2 lattine di cherosene da 22 lt ciascuna, un fornellino, una padella, posate, olio, coperte, gallette, carne in scatola, uova.

Percorso Fox
(Il percorso del Fox)

Da Battery Park a Le Havre

Samuelson e Harbo, sotto lo sguardo di una folla di accorsi, salparono il 6 giugno da The Battery Park sul fiume Hudson nel quartiere di Brooklyn a New York e, dopo aver seguito la scia dello yacht a vapore di un socio del Police Gazette, presero il largo sparendo all’orizzonte.
Giungeranno 55 giorni dopo all’isola di Scilly, a sud ovest della Cornovaglia in Inghilterra, e da lì altri due giorni per giungere a Le Havre, la meta finale.

La tragedia sfiorata

Durante il viaggio affrontarono vento, pioggia, l’affaticamento muscolare provocato da una voga incessante, il pericolo degli squali e i morsi della sete e della fame quando il 10 luglio un’onda fece capovolgere la barca, che riuscirono a raddrizzare per la presenza di un corrimano voluto da Harbo sull’opera viva, perdendo buona parte dei viveri. Fortuna volle che pochi giorni dopo furono avvistati dalla nave norvegese Cito che li rifornì di nuovo cibo permettendo così di riprendere la voga verso l’Europa.

1897 Herald Tribune

Il Fox e le leggende di mare

Come è accaduto per altre straordinarie imprese, successivamente circolarono notizie risultate non vere, allo scopo di avvolgere di leggenda un’impresa che comunque fu straordinaria. Tra queste quella che riportava di un premio di 10.000 dollari (equivalenti a circa 310.000 dollari ad oggi) o quella in cui si raccontava che il piroscafo che riportava in America Frank, George e Fox, in prossimità della costa americana, per vento a sfavore, si trovò a corto di combustibile. Il capitano ordinò che venisse dato tutto quanto era combustibile per alimentare la caldaia. I due, rifiutandosi di consegnare il Fox, chiesero di essere calati fuoribordo. Così remarono per 200 miglia giungendo a Sandy Hooke, nel New Jersey dove informarono le autorità della necessità di assistenza alla nave.

Fox replica
(La replica del Fox)

La replica del Fox

Non si sa quale sia stata la fine dell’originale, ma nel 1974 il Smithsonian Institution, istituto di istruzione e ricerca con annesso grande museo, incaricò il 91enne Harold Seaman, figlio dell’originario costruttore, di realizzare una replica del Fox, varata l’anno successivo, oggi in mostra presso uno yacht club del New Jersey.

L’avventura del 1966

Un nuovo tentativo di attraversamento dell’Atlantico avvenne nel 1966, settant’anni dopo, quando due britannici, Chay Blyth e John Ridgway, salparono da Terranova per arrivare in Irlanda 92 giorni più tardi, dopo aver superato onde di 15 metri, uragani e squali durante il lungo percorso.

Barca Artemis 2010
(L’impresa del 2010 su Artemis)

Il Fox. Un record mai battuto

Successivamente altri equipaggi si sono cimentati in tale sorta di sport estremo, ma solo nel 2010, dopo 114 anni, 4 vogatori su Artemis Investments hanno battuto il record dei due norvegesi attraversando l’Oceano Atlantico, da New York all’isola di Scilly in 43 giorni, 21 ore e 26 minuti. Ma il record per due persone che vogano attraverso l’Atlantico appartiene ancora ad Harbo e Samuelson.

ARTICOLI CORRELATI

Palio Marinaro Napoli 1952

Napoli. Il Palio Marinaro del 1952

È una grande festa di mare e di popolo quella che dal 2 al 9 agosto del 1952 anima le acque di Napoli con la Settimana Motonautica promossa dal quotidiano Il Mattino. Festa nella festa è il Palio Marinaro, sintesi felice dell’anima del Golfo e che vede tutte le marinerie competere tra di loro. Un festa di cui, dopo 70 anni, gli scatti di Riccardo Carbone ci restituiscono intatti sapori ed emozioni.

Leggi tutto »
Croisière Jaune

Gli avventurieri della Croisière Jaune Citroën

Sono passati sei anni dall’avventura della Croisière Noire e l’eco dell’impresa ancora non si è spento. André Citroën però non è uomo che si accontenta del successo di una volta sola. Lui l’impresa la vuole ripetere, ma questa volta guarda verso Oriente. Il progetto della Croisière Jaune nasce così e questa è la storia dei suoi uomini coraggiosi.

Leggi tutto »
Perù Misti

Perù. La via del trekking

Trekking in Perù, tra siti Inca, vulcani e alture mozzafiato, tanti gli itinerari da poter percorrere in maniera lenta, assaporando ogni attimo, scorcio ed emozione di un viaggio che rimane impresso nel cuore

Leggi tutto »
Alfred Wegener

Alfred Wegener. Il ghiaccio come destino

Una vita di studio e di avventura quella di Alfred Wegener. Scenziato ed esploratore, teorizza la Pangea e la deriva dei continenti, nel 1906 stabilsce il record di permanenza in volo su pallone aerostatico e per tre volte affronta il grande ghiaccio della Groenlandia. L’ultima spedizione nel 1930, poi anche il destino diventa ghiaccio

Leggi tutto »
Voga Canottieri Italia 1922

1920. Il raid remiero Napoli – Roma

Una storia di voga. Asciutta, senza fronzoli come sono sempre le storie di voga. Un’impresa remiera del 1920, raccontata per la prima volta sulla rivista Italia Marinara nell’ottobre di quell’anno, portata a nuova vita dal Centro Studi Tradizioni Nautiche nel 2018 e oggi rilanciata in avanti da Sportmemory. Il valore vince sempre sul tempo.

Leggi tutto »
San Giuseppe Due

San Giuseppe Due. Una feluca in Antartide (II)

Le missioni in Antartide della feluca San Giuseppe Due. Dopo aver raccontato il viaggio del 1969, dalla penna di Claudio Ressmann che ne ha scritto sul numero di luglio 2019 del Notiziario del Centro Studi Tradizioni Nautiche della Lega Navale, ecco la cronaca del viaggio del 1973.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi