Di volo e di trapezio

L'acrobatica aerea sovverte le regole, capovolge il mondo e regala prospettive diverse. Sport, disciplina, filosofia? Sicuramente una sfida con sé stessi prima ancora che con l'equilibrio. Cosa pensa il trapezista? Forse la domanda giusta è un'altra. Forse la domanda giusta è: cosa sente il trapezista?
Acrobati

“Cosa pensa il trapezista mentre vola? Non ci pensa mica a come va a finire!”
Queste le parole di un celebre brano di Jovanotti, ma per esperienza personale posso affermare che invece il trapezista ci pensa eccome, o meglio è intento ad avere una piena e totale coscienza del proprio corpo. Dove sono le mani, dove fanno presa, dita, braccia, gambe, piedi. Quali muscoli in quel momento, contraendosi, reggono la posizione. Come appare il corpo nello spazio e quanta aria nei polmoni e sotto i piedi regge quello che per gli spettatori è un secondo ma per chi è in aria ne sono almeno dieci.
Ho imparato a vivere a testa in giù più o meno dieci anni fa, un’amica mi disse:”c’è una lezione di prova di trapezio e tessuto aereo, vuoi venire?“. Non ci pensai due volte e da allora le mie giornate sono fatte anche di volo  di trapezio.

Capovolgere le prospettive

E così da quel lontano ottobre 2011 ho capovolto le mie prospettive e qualche ora delle mie settimane la passo sottosopra, convertendo i miei equilibri e scardinando pian piano il concetto innato di avere la terra sotto i piedi.
Incominciai a sperimentare l’aria e i molteplici punti di appoggio ai quali naturalmente non prestiamo attenzione.
Le prime volte a testa in giù non furono facili, la sensazione primaria è quella di una vera esplosione nella testa, il sangue pulsa prepotente e l’istinto primordiale suggerisce il pericolo e la fuga.
Non mi arresi e così, volta dopo volta, scoprii che era possibile stare a testa in giù per svariati secondi e che era possibile non avere appoggio sotto i piedi e non cadere.
Capii, inoltre, che si poteva fare amicizia con l’aria e la gravità e danzare con loro.

trapezista

L’acrobatica aerea

L’acrobatica aerea è uno sport ancora un po’ ibrido, sicuramente affonda le sue radici nel circo, ma c’è anche chi dice derivi dagli allenamenti militari. Gli attrezzi più noti sono: il trapezio, il cerchio, la corda ed il tessuto aereo.
Io in particolare mi alleno sul trapezio e sul tessuto, ogni tanto il cerchio e da poco ho aggiunto anche la corda.
È stata una fortuna scoprire questa disciplina. La sua culla in Italia è stata sicuramente Torino con la Reale Società Ginnastica sfociata poi nel 2002 nel progetto FLIC scuola di circo. Da lì si sono sviluppate diverse realtà interessati nella penisola, come non citare la Scuola Romana di Circo o la Befly di Milano.

acrobazia

Napoli, tra storia e acrobazia

A Napoli, che è la città in cui vivo, tra le realtà più affermate c’è il corso di trapezio e tessuto aereo del Kodokan, una palestra che ha sede in uno dei luoghi più mistici della città: il Real Albergo dei Poveri, costruito nella metà del ‘700 da Ferdinando Fuga su volere di Carlo III di Borbone. Chiunque pratichi acrobatica aerea in Campania, e non solo, conosce questa realtà che, dal 2012, propone un corso che porta avanti un lavoro di ricerca e studio di questa disciplina ed è grazie all’impegno, alla preparazione ed alla dedizione di Sara Rumbolo, insegnante di trapezio ed acrobatica, che il Kodokan si afferma come una delle principali realtà campane nelle discipline aeree.

 

Cosa si prova quando si vola?

È una sensazione estremamente soggettiva ma se c’è una cosa che questo sport insegna è che ognuno con dedizione ed un pizzico di incoscienza può superare le proprie paure.
È una sfida costante con sé stessi e una scoperta quotidiana della consapevolezza di sé.
E quando l’aria ti solletica i piedi, se sei fortunato, non smetti più!

 

Federica Nicois classe 1989 nata e cresciuta a Napoli. Dopo gli studi in Conservazione e Management del Patrimonio Culturale, seguendo la tradizione di famiglia porta avanti il progetto di conservazione e valorizzazione dell’Archivio Fotografico Carbone di Napoli. Da buona aerialista gran parte del suo tempo libero lo passa a testa in giù.

ARTICOLI CORRELATI

Roma. Le mie finali…
Roma Conference League 2022

Le mie finali. Attese e immaginate, tante. Ma anche giocate, qualcuna. Le mie finali di cuore e di passione sono
Leggi tutto >>

Figurine. Incollate nell’immaginario.
Figurine

Croci e delizie di scrupolosi collezionisti o semplici appassionati, attraverso le riproduzioni dei calciatori che rappresentano, le figurine raccontano anche
Leggi tutto >>

Un bagaglio in più
Letizia in bicicletta

Una storia in prima persona. Una storia di passione, di bicicletta, di ciclismo e di molto altro. La storia di
Leggi tutto >>

Endurance. Di madre in figlio
Endurance

Tra qualche mese, ad ottobre, tornano in Italia i FEI Endurance World Championship 2022. Nella cornice di Isola della Scala
Leggi tutto >>

Fedayn. Colori, tifo e valori
Fedayn

Fedayn, ovvero 50 anni di amore incondizionato per la Roma. Una storia di tifo che si chiama vita e passione
Leggi tutto >>

Motor Maids of America.
Non chiamatele “signorine”
Dot Robinson

Negli anni ’30 dal sogno di Dot Robinson e Linda Dugeau nascono le” Motor Maids of America”, primo gruppo al
Leggi tutto >>

Monica Jackson e l’impresa dell’Himalaya
Monica Jackson, Elizabeth Stark and Evelyn Camrass

Monica Jackson, scozzese nata in India, alpinista, un marito, due figli, ha in mente un sogno che si chiama Himalaya.
Leggi tutto >>



La nostra newsletter
Chiudi