sabato, 19 Giugno 2021

Ogni primo venerdì del mese Sportmemory e le sue storie
Direttore responsabile: Roberto Angelini
Direttore editoriale: Marco Panella
Jimmyleg. Una storia vera
Storie

Jimmyleg. Una storia vera

 Dottore, lei è un medico, ha 44 anni... io non posso permettere che un collega, della sua età poi, nella mia struttura… A parlare era il direttore sanitario di una struttura ospedaliera interamente dedicata alla neuro riabilitazione di alta specialità, una delle più quotate d’Italia. Mi aveva conv...
Davide Dato. Un italiano all’Opera di Vienna
Focus

Davide Dato. Un italiano all’Opera di Vienna

Nel 2017 è stato costretto a interrompere la sua attività per un anno a causa di un infortunio al ginocchio. “Per un ballerino cui piace veramente questo lavoro, è la cosa peggiore che gli possa succedere”, esordisce così il suo racconto Davide Dato. Esattamente un anno dopo, sei mesi dopo l'oper...
Cambiare prospettiva
Storie

Cambiare prospettiva

Finalmente siamo tornati in zona arancione. Insieme alla mamma posso raggiungere la mia cartoleria preferita, dove tra gli scaffali, trovo sempre qualcosa che mi attira e che immancabilmente posiziono sulla scrivania tra colori, quaderni e libri. Entro, saluto sorridendo e cerco le agende del 2021...
La mia seconda passione
Focus

La mia seconda passione

Chi mi conosce sa che sono sempre stato poco avvezzo a qualunque forma di esposizione mediatica. Magari solo per via del lavoro che ho svolto, le cui vittorie o sconfitte - giusto per ricorrere a un frasario calcistico - ho sempre pensato che dovessero rimanere circoscritte tra gli addetti ai lavori...
La Silenziosa
Storie

La Silenziosa

Inutile negarlo, il calcio è arena e, in un certo immaginario, è spesso visto come qualcosa di “becero”, volgare...ma in pochi pensano alla sana aggregazione che ha portato tra i giovani, soprattutto nelle periferie, dove il calcio è sport, a volte evasione e altre volte ancora rifugio e dove, sopra...
Franz Calì. Il primo capitano azzurro
Letteraria

Franz Calì. Il primo capitano azzurro

di Carlo e Giulia Ottaviano “Petruzzu” Pietro Anastasi giocò venticinque partite in Nazionale, segnò otto gol, fu campione europeo nel 1968. Per i siciliani che amano il calcio una gloria. Così come Totò Schillaci, l’attaccante i cui occhi da pazzo bucarono gli schermi tv di tutto il mondo dura...