Cinecittà, novembre 1968. Spettacolo al Campo Patti

panzini-0

La SA.MO. non era una squadra di calcio: era un avvenimento sociale… una festa!

I campi sportivi si riempivano fino all’inverosimile di spettatori per vedere giocare Raimondo Vianello (un big allora) verso il quale non erano risparmiate battute feroci e prese in giro, quando in realtà vi erano stima e ammirazione per il comico che portava sano divertimento nei campi di una periferia degradata, economicamente al limite e, in un certo senso, abbandonata.

Anche in campo il rispetto non mancò mai.

Successe che io, per così dire, mi “auto-espulsi”, quando anche al campo Patti di Cinecittà arrivò la SA.MO, acronimo di Sandra Mondaini, e il capitano della squadra era ovviamente Raimondo Vianello.

Già prima di iniziare la partita, il comico aveva iniziato a farci ridere commentando il loro campionato: “le prime tre partite le abbiamo perse per 5 a 1, nelle altre due c’è stato un netto miglioramento: le abbiamo perse solo per 4 a 1″.

Mentre ci stavamo preparando negli spogliatoi per la partita, arrivò a salutare anche la Mondaini.

Nel senso comune della parola non era una bella donna: secca secca, poco formosa ma sprizzava intelligenza e fascino da tutti i pori.

Anche lei aveva uno spiccato senso dell’humor e commentò che il marito già era uno spettacolo vestito di tutto punto, figuriamoci in calzoncini e maglietta! Sulle qualità calcistiche di Raimondo fu particolarmente caustica: “Ha tutto l’aspetto del giocatore…dopo una paralisi però”.

Ma torniamo alla mia autoespulsione.

Eravamo nel secondo tempo inoltrato, stavamo vincendo 3 a 0 quando Vianello scese in campo accolto dagli applausi di un Patti pieno fino all’inverosimile.

Faceva sempre così: entrava in ritardo per “prendere gli avversari sulla stanchezza e poi la sua scarsa mobilità si sarebbe notata di meno”.

Trascorsi alcuni minuti tra l’ilarità generale, io mi trovai con il pallone tra i piedi vicino alla linea laterale, Vianello si fermò a due passi da me e muovendosi tutto cercò di fintare un suo intervento per togliermi il pallone, ma gli venne fuori l’imitazione perfetta del suo personaggio di “Ma Tarzan lo fa” (quello del finto capellone per capirci).

Non riuscii a resistere e sbottai in una risata irrefrenabile, detti un calcio al pallone e ridendo, dopo un vaffa’ mormorato non per offendere ma per la situazione, uscii dal campo.

A partita finita mi recai nello spogliatoio della SA.MO. per porgere le mie scuse a Raimondo che le accettò commentando come in fondo, ma proprio in fondo, avevo fatto un complimento all’attore, mentre al calciatore… meglio tacere.

Anche Sandra mi riconobbe all’uscita e non poté fare a meno di dirmi: “ecco, bravo, tu sei riuscito a mettere perfettamente in risalto questa comica-grottesca situazione…ma ti pare che la domenica mattina, quando potrei dormire un po’ di più, mi devo alzare presto per assistere a questi spettacoli ridicoli… con l’aggravante che in questo caso, essendo l’unico finanziatore, è lui che paga per far ridere la gente?”.

Io risposi che, secondo me, era una bella cosa quella che il marito stava facendo e lei sorridendo annuì: “lo so, lo so, scherzavo naturalmente. Fra i tanti vizi che una persona così famosa potrebbe avere, questo è sicuramente il più innocuo e poi c’è sempre la possibilità di un infarto liberatorio!” concluse ridendo.

Quando poi il marito uscì, però, gli occhi le si riempirono d’affetto, stima e di orgogliosa ammirazione.

Io non potei fare a meno di complimentarmi con lei per la sua signorilità, fascino e umanità.

Fui incredibilmente sincero!

Nello Panzini nasce a Roma l'8 agosto del 1947, oggi pensionato Telecom con "buona memoria", si diverte a raccontare lo sport di una volta ed il contesto storico nel quale si praticava. Tuttora tesserato con il Real Tuscolano nel quale, vista l'età, fa quello che può.

ARTICOLI CORRELATI

oronzo canà

Liberiamo Oronzo Canà!

Oronzo Canà, il Porca Puttena e lo spot della Tim. Ancora una volta il calcio supera il perimetro sportivo e diventa paradigma sociale, di costume e di libertà.

Leggi tutto »

L’oro due

Giganti. Potremmo forse chiamare diversamente Pietro Mennea e Usain Bolt? Giganti e veloci. Velocissimi, non più del vento, ma della stessa essenza del vento.

Leggi tutto »
Calcio di rigore Buffon

Calcio di rigore. Di gioia e di dolore.

Anni ’90. Il nostro decennio dei rigori stregati. Una storia di rigori beffardi più che sbagliati davanti a una porta mai tanto piccola o tanto grande. Un decennio azzurro che sembrava non finire mai e che brucia ancora.

Leggi tutto »
Naim Krieziu

Naim Krieziu. La freccia di Tirana

Prima della Conference Cup il destino giallorosso di Tirana si chiama Naim Krieziu. Protagonista dello scudetto ’42, signore del pallone, veloce, sguardo al campo, assist al meglio piazziato e goal anche suoi. Roma non dimentica e un’ovazione lo accoglie all’Olimpico nel 2007 per i festeggiamenti degli 80 anni del club.

Leggi tutto »

Mani in alto (questa è una schiacciata)

Un salto nello Spazio. Sicuri che Paola Egonu non sia un’extraterrestre? Un salto nel Tempo. Sicuri che Botticelli non abbia pensato a lei per dipingere la nascita di Venere? Un salto nel Mito. Sicuri che non siano Zefiro e Cloris a farla alzare fino quasi a toccare il cielo?

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi