mercoledì, 27 Ottobre 2021

Ogni primo venerdì del mese Sportmemory e le sue storie
Direttore responsabile: Roberto Angelini
Direttore editoriale: Marco Panella

NBA. Quando i nomi sono un destino – 2

NBA. Quando i nomi sono un destino – 2
 
Riccardo Romano
La seconda parte del nostro viaggio non convenzionale dentro il campionato NBA raccontato attraverso i nomi delle squadre, nomi che sono identità e sfide, spesso scelti con una partecipazione corale dei tifosi chiamati a suggerirli e poi a sceglierli. Anche questo un aspetto di un NBA che non finisce mai di stupire.

Los Angele Lakers (i Lacustri)

Quando una coppia di investitori trasferì i Detroit Gems della National Basketball League a Minneapolis prima della stagione 1947, cercarono un nome che suonasse vero con la nuova casa della squadra. Dato che il Minnesota è “La terra dei 10.000 laghi“, la scelta cadde su Lakers. Quando poi i Lakers si trasferirono a Los Angeles prima della stagione 1960, il loro soprannome fu mantenuto per continuità con la tradizione che la squadra aveva stabilito in Minnesota, nonostante il fatto che a LA di laghi non ce ne siano tantissimi!

Memphis Grizzlies (gli Orsi giganti)

Quando Vancouver fu autorizzata a iscriversi al NBA nel 1994 un giornale locale indisse un concorso per il nome della squadra, e i funzionari del club ragionarono a lungo prima di scegliere i Grizzlies, una specie indigena dell’area, rispetto a Corvi. Quando la squadra si trasferì a Memphis prima della stagione 2001-02, FedEx era pronta a offrire ai Grizzlies 100 milioni di dollari per rinominare la squadra Express, ma l’NBA respinse la proposta.

Miami Heat (Calore)

Nell’ottobre 1986 al termine del processo di iscrizione al NBA, il nome venne scelto da una giuria popolare che votò le proposte di alcune personalità della città. Heat, proposto da Stephanie Freed, fu selezionato tra oltre 20.000 proposte che includevano anche Sharks, Tornadoes, Beaches e Barracudas.

Milwaukee Bucks (i Cervi)

Nonostante la radicatissima tradizione di caccia del Wisconsin, la partecipazione più popolare al concorso per nominare la franchigia NBA di Milwaukee non era Bucks, ma Robins (pettirossi). I giudici annullarono il voto popolare e decisero un nome più indigeno (e molto più forte). La scelta avrebbe potuto essere molto peggiore: Skunks (le puzzole) fu una delle proposte.

Minnesota Timberwolves (i Lupi della foresta)

Nome scelto con una votazione popolare nel 1986. Il soprannome vide la meglio su Polars con un margine di 2-1 nel voto finale, in realtà il nome più votato fu Blizzard (tempesta di neve), ma la squadra voleva un soprannome che esprimesse al meglio in NBA l’identità con il suo Stato d’origine. “Il Minnesota è l’unico dei 48 Stati inferiori con branchi di lupi in libertà“, proclamò un funzionario della squadra.

New Orleans Pelicans (i Pellicani)

Poco dopo che Tom Benson acquistò i New Orleans Hornets nel 2012, la squadra annunciò che avrebbero cambiato nome per evitare confusione con la squadra di Charlotte. Furono presi in considerazione i soprannomi Krewe (gruppi di sfilanti in costume nel carnevale annuale del Mardi Gras a New Orleans) e Brass (gli ottoni), ma la scelta ricadde sui Pelicans, l’uccello di stato della Louisiana.

New York Knicks (tipologia di pantaloni)

Il termine Knickerbockers si riferiva specificamente ai pantaloni arrotolati appena sotto il ginocchio dai coloni olandesi nel Nuovo Mondo durante il 1600. Molti di questi coloni si stabilirono a New York e nei dintorni, dove un disegno a fumetti di padre Knickerbocker divenne un simbolo della città. Nel 1845, la prima squadra organizzata di baseball fu soprannominata Knickerbocker Nine e il nome fu evocato di nuovo nel 1946 quando a New York fu concessa una franchigia nella Basketball Association of America. Secondo quanto riferito, il fondatore della squadra Ned Irish prese la decisione di chiamare la squadra i Knickerbockers, presumibilmente dopo aver tirato fuori il nome da un cappello.

Oklahoma City Thunder (il Tuono)

Quando i Seattle SuperSonics furono trasferiti a Oklahoma City dopo la stagione 2007-08, i fans votarono potenziali soprannomi da un elenco originale di 64 possibilità. Thunder fu stato scelto tra Renegades, Twisters e Barons.

Orlando Magic (la Magia)

Quando l’Orlando Sentinel lanciò un concorso per il nome della squadra per l’iscrizione NBA degli Orlando Challengers, riferito allo Space Shuttle esploso in volo nel 1986, Magic fu il suggerimento più popolare. Altre voci includevano Floridians, Juice, Orbits, Astronauts, Aquamen e Sentinels, ma la giuria, inclusi i funzionari del team di Orlando che hanno esaminato i suggerimenti, decise di optare per Magic. Il nome è un ovvio cenno all’attrazione principale della città ricca di turismo, Disney World.

Philadelphia 76ers

I Syracuse Nationals furono trasferiti nella città dell’amore fraterno (soprannome di Filadelfia) nel 1963 e la squadra fu ribattezzata 76ers, per una evidente e sentita allusione alla firma della Dichiarazione di Indipendenza firmata a Filadelfia nel 1776.

Phoenix Suns (i Soli)

Altro nome scelto tramite una consultazione popolare. Fu scelto Suns su Scorpions, Rattlers e Thunderbirds, tra gli altri suggerimenti inclusi nelle 28.000 voci. Un fortunato fan vinse $ 1.000 e abbonamenti come parte del concorso, che includeva nomi stranissimi come White Wing Doves, Sun Lovers, Poobahs, Dudes e Cactus Giants.

Portland Trail Blazers (i Pionieri)

Il nome fa riferimento alla spedizione (la prima coast to coast via terra della storia) di Lewis e Clark terminata vicino alla città. Il nome fu scelto tramite un referendum popolare. Delle oltre 10.000 voci, Pioneers era il più popolare, ma è stato escluso perché la squadra del vicino Lewis & Clark College stava già usando il soprannome. Un’altra voce popolare era Trail Blazers, il cui logo deve sempre rappresentare cinque giocatori di una squadra che giocano contro cinque giocatori di un’altra squadra.

Sacramento Kings (i Re)

Il lignaggio reale dei Kings risale alla fondazione dei Rochester Royals della National Basketball League nel 1945. I Royals hanno mantenuto il loro soprannome dopo il trasferimento a Cincinnati nel 1957 e sono diventati i Kansas City-Omaha Kings. Il nome è rimasto invariato quando la franchigia si è trasferita in California nel 1985.

Toronto Raptors

Il nome fu scelto sull’onda del successo di Jurassic Park nel 1994 Raptors, alla fine è stato scelto in finale tra Bobcats and Dragons.

San Antonio Spurs (gli Speroni)

Un gruppo di investitori di San Antonio acquistò i Dallas Chaparrals dall’American Basketball Association nel 1973 e decise di organizzare un concorso pubblico per rinominare la squadra. Furono presentati oltre 500 nomi. Dopo aver riconsiderato la loro prima decisione di chiamare la squadra Aztecs (diverse squadre già usavano quel nome), i giudici (investitori e rappresentanti della stampa locale) optarono per Spurs in richiamo alla cultura cowboy del Texas.

Utah Jazz

Sicuramente lo Utah non è noto per il jazz. La squadra infatti è nata a New Orleans nel 1974 e i funzionari del club hanno deciso di mantenere il nome dopo essersi trasferiti a Salt Lake City nel 1979.

Washington Wizards (i Maghi)

La squadra della capitale!
All’inizio degli anni ’90, il proprietario dei Washington Bullets decise di cambiare nome Bullets (proiettili) in risposta alla violenza connessa all’uso delle armi, Abe Pollin era sempre più frustrato dall’associazione tra il soprannome della sua squadra e la violenza armata. Dopo che l’amico di Pollin, il primo ministro israeliano Yitzhak Rabin, fu assassinato, Pollin annunciò i suoi piani per rinominare la squadra. Si tenne un concorso per il nome e i fans votarono un elenco di finalisti che includeva Wizards, Dragons, Express, Stallions e Sea Dogs.

precedente

Riccardo Romano, nato e cresciuto a Roma, rinato e in sviluppo a Miami. Avvocato in Italia, consulente food&beverage in Florida. Appassionato di sport, entertainment e cultura della birra.

La nostra newsletter
Chiudi