Calze in cashmere

Un “duello”, così Adriano Panatta definisce nella prefazione la vicenda di Federica Maspero, la protagonista del volume autobiografico “Calze in cashmere” (Edizioni San Paolo), in cui racconta il percorso che ha affrontato dopo essere stata colpita, all'età di ventiquattro anni, da una meningite fulminante che le causa l'amputazione di entrambe le gambe
federica maspero

Nel libro Calze in cashmere (Edizioni San Paolo), Federica Maspero, medico ma anche atleta straordinaria, racconta come all’età di ventiquattro anni, colpita da meningite fulminante, resta in coma farmacologico per due mesi per poi risvegliarsi priva degli arti inferiori. Oggi compio quarant’anni, ma ne sono passati solo sedici da quando ho dovuto reimparare a vivere da capo: senza gambe, dal ginocchio in giù, e senza le falangi terminali delle dita delle mani.

Federica MasperoQuella di Federica è la storia di una donna che ha dovuto ripensare se stessa.
Pagina dopo pagina il libro fornisce un racconto intimo con uno sguardo rivolto al mondo, uno sguardo duro ma anche ironico. E l’ironia si unisce alla leggerezza utilizzata per descrivere come nasce il titolo del libro, che fa riferimento a calze in cashmere ricevute in regalo dal marito, ma che non può indossare a causa della sua disabilità. Ma il titolo spiega anche l’accettazione da parte della protagonista di vivere la disabilità a viso aperto.
La mia scelta era tra vivere come una persona ai margini oppure scegliere di essere protagonista della mia vita dando un contributo alla società, scrive l’autrice. In particolare il mio contributo era quello di non essere valutata per la mia disabilità… Ma per quello che potevo e posso dare… La disabilità lasciatela a me.

E poi il riscatto nel lavoro e nello sport, la scelta di non farsi abbattere dalla paura. L’importanza dello studio e dello sport per rialzarsi e realizzare i propri sogni: essere un medico per aiutare gli altri, diventare una atleta per avere la libertà, fino a vivere l’esperienza delle Olimpiadi di Rio 2016.
È un ritmo la corsa di Federica, il suo ritmo… Un inno alla vita che racconta di una ragazza che si addormenta con la febbre per risvegliarsi mesi dopo con un corpo da ricostruire, sostiene la giornalista Elena De Vincenzo.

In conclusione, tornando al giorno del compleanno di Federica, ci sono le sue parole, che riassumono perfettamente il racconto del suo viaggio: Oggi ne compio quaranta, due vite, un’esperienza unica. Ci penso, sì, al mio fatidico compleanno e ho deciso di raccontare qualcosa di me, qualcosa di molto positivo: due vite in una sola persona….

(Da CNR- Almanacco della Scienza n.13/2021 – Calze in cashmere, Maspero Federica, San Paolo Edizioni, 208 pagine, € 18.00)

 

Patrizio Mignano lavora presso l’Ufficio Stampa del Consiglio Nazionale delle Ricerche come redattore del web magazine “Almanacco della Scienza ”, di cui cura la rubrica “Recensioni”. Fa parte inoltre dal 2016 della Redazione del portale istituzionale www.cnr.it

ARTICOLI CORRELATI

Il beachvolley, le Olimpiadi e mio nonno
daniele lupo beachvolley

Il Maracanà non è solo uno stadio. Il Maracanà è uno stato dell'animo, identità collettiva, emozioni fuse. Per questo in
Leggi tutto >>

Daniele Cassioli. Insegna al cuore a vedere
Daniele Cassioli

36 anni, cieco dalla nascita per una retinite pigmentosa, Daniele Cassioli è il più grande sciatore nautico paralimpico di tutti
Leggi tutto >>

Sulle onde del vento
Windsurf

Enrico Sulli, non vedente e windsurfer per passione da quasi 40 anni. La sua è una storia di vento, di
Leggi tutto >>

La scherma e la mia vita cambiata per curiosità
Edoardo Giordan scherma

Dopo l'amputazione la mia vita poteva andare in tante direzioni. La curiosità mi ha messo sulla strada giusta, mi ha
Leggi tutto >>

Sulla cresta dell’onda
surf onda

Il racconto di Matteo Salandri, in partenza per i mondiali di surf paralimpico in programma in California dal 5 all’11
Leggi tutto >>

Il calcio di Melissa
il calcio di Melissa

Melissa, 15 anni, grande appassionata di calcio e unica giocatrice della prima squadra dell’ASDD Roma 2000 per disabili visivi. Il
Leggi tutto >>

Liberi di sbagliare: golf e non vedenti
S.Alessio-Margherita di Savoiaa

Il golf è uno sport democratico e non c'è nessuna differenza nell’insegnarlo a chi vede o a chi non vede.
Leggi tutto >>



La nostra newsletter
Chiudi