Liverpool 1964: i Reds e i Beatles

Nella grande storia del Liverpool, l'esordio in Coppa dei Campioni con i Beatles in tribuna.
1964 The Beatles

È una grande storia di calcio quella del Liverpool Football Club, una storia che inizia nel 1892, agli albori del calcio moderno.

Una storia che ha portato il Liverpool a essere squadra tra le più blasonate al mondo, storia di grandi campioni e anche di uno stadio, Anfield, dove sin dal 1892 il club disputa le partire interne dopo essere subentrato all’Everton, l’altra squadra cittadina che vi giocava dal 1884, ma che per i costi ritenuti eccessivi decise di lasciarlo e farsi il suo stadio a Goodison Park.

Della grande storia calcistica del Liverpool si è detto e scritto a non finire, difficile quindi aggiungere qualcosa di nuovo, ma c’è un episodio che a metà tra calcio e costume ci piace ricordare.

Ebbene, è vero, parliamo di un grande protagonista, ma come tutti i grandi anche il Liverpool ha avuto momenti grigi; nel 1954 il Club retrocede in seconda divisione e quello che seguirà è un periodo in cui la passione farà spesso rima con delusione.

Sarà lo scozzese Bill Shankly, uomo che aveva il calcio nel sangue e che allenerà il Liverpool fino al 1974, a prendere per mano la squadra nel 1959, a riportarla in Premier League nel 1962, a farle vincere il sesto titolo nazionale nel 1964 così da giocare la Coppa dei Campioni arrivando alla semifinale nel 1965, quando venne eliminata dall’Inter.

Ebbene al primo turno di Coppa dei Campioni il Liverpool incontra un’altra matricola, il Reykjavik.

Il 17 agosto 1964 si gioca in Islanda, i Reds vincono facile e il 5 a 0 rende il ritorno poco più di una formalità che potrebbe trovare uno scarso interesse dei tifosi.

La cosa forse preoccupa un po’ i dirigenti del Club, ma se il calcio riserva sorprese, Liverpool non è da meno.

Da qualche anno una band di quattro ragazzi con le frangette ha iniziato a farsi notare, proprio nel 1963 ha scalato le classifiche di vendita arrivando al primo posto e migliaia di giovanissimi fans, ragazze in particolare, accorrono e vanno in visibilio ai loro concerti: i quattro sono di Liverpool, cambieranno il mondo della musica e non solo, e si chiamano The Beatles.

Ora vallo a sapere il vero motivo, se per paura di scarsa affluenza o semplicemente per aver voluto omaggiare gli astri nascenti del pop britannico, fatto è che i dirigenti del Club invitano – o ingaggiano – i Beatles per vedere la partita.

1964 L’Intrepido

L’Intrepido, settimanale a fumetti per ragazzi che in quegli anni si caratterizzava proprio per una spiccata vocazione sportiva, tende a pensare che la presenza dei Beatles, “gli sbafatori” li chiama, fosse animata proprio dall’intento di riempire lo stadio.

Il 14 settembre 1964 ad Anfield il Liverpool batte il Reykjavick con il risultato tennistico di 6 a 1.

32.597 spettatori si godono lo spettacolo e il passaggio agli ottavi; tra questi, con ogni probabilità, qualcuno avrà più volte girato lo sguardo dal campo verso la tribuna per scorgere le quattro frangette dei Beatles.

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

calcio di guerra trissino

Calcio di guerra. E di onore

Dapprima avversato, poi promosso. Il football non entra a gamba tesa in tempo di guerra, non ci pensa proprio. Il football porta in campo una palla, i suoi principi e il cuore puro dei vent’anni per sempre. È spirito di corpo, quello sì che serve al fronte, ma è diverso. Quello che non cambia è che chi gioca non perde mai, mentre in guerra nessuno vince. Nelle Fiandre prima, in Veneto poi, i signori della guerra le hanno prese di brutto.

Leggi tutto »
Olympia Fiume

Fiume, il calcio e la dignità ritrovata

Fiume significa tante storie. Questa è la storia del suo calcio e dei campioni fiumani che hanno poi vestito tante altre maglie lasciando un segno che va oltre i goal fatti. Questa è la storia di una dignità ritrovata.

Leggi tutto »
Luigi Seclì

Un giorno impennavo

Questa non è una storia di sport. È una storia di strada e di motori, una storia di moto nella Roma degli anni ’80. Una storia non convenzionale, una storia che corre su una sola ruota e che racconta di una generazione affascinata dai motori di strada e dalla sfida a rasoio con la morte.

Leggi tutto »
Le ragazze del calcetto

Le ragazze del calcetto

Le ragazze del calcetto hanno una storia comune e una vita che condividono nel campo e fuori. Una storia al servizio del bene comune. Una storia di sport che fa bene a tutti.

Leggi tutto »

L’oro due

Giganti. Potremmo forse chiamare diversamente Pietro Mennea e Usain Bolt? Giganti e veloci. Velocissimi, non più del vento, ma della stessa essenza del vento.

Leggi tutto »

Il mio Tredici da informatico

Il Totocalcio, ovvero il concorso a pronostico più popolare e più amato dagli italiani che, per decenni , si sono messi in fila davanti alle ricevitorie per tentare la fortuna giocando una schedina. Qualcuno, però, la fortuna ha provato ad aiutarla. Questa è la storia di chi ci è riuscito.

Leggi tutto »
BIBITARO

Gasperino er bibitaro

Stadio Olimpico. Curve anni settanta, nessuna copertura, ti bagni se piove, ti bruci col sole. Ma ci sono loro, Gasperino er bibitaro e Er Nocciolina. Tutta un’altra storia.

Leggi tutto »

Una vita in corsa

È solo un bambino quando Luciano Duchi sente parlare per la prima volta della Roma-Ostia e anche se non sono storie che parlano di tempi e di gambe, ma storie di ferrovieri che abitano nel suo palazzo, qualcosa rimane nella sua memoria. La vita poi fa il suo corso; la scuola, il militare, il lavoro in banca e l’atletica, la sua grande passione.
Una passione che lo riporta indietro nel tempo, ai racconti dispersi dei ferrovieri origliati da bambino e che, nel 1974, gli fa immaginare il futuro quando organizza la prima mezza maratona Roma-Ostia, da allora un classico che ogni anno richiama migliaia di atleti e appassionati da tutto il mondo.
La vita in corsa e per la corsa di Luciano Duchi inizia proprio così.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi